Ateismo e libertà
Benvenuto sul forum "Ateismo e libertà"

Per partecipare alle discussioni effettua il login. Non sei ancora iscritto? Registrati per iniziare a partecipare!

Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Pagina 10 di 13 Precedente  1, 2, 3 ... 9, 10, 11, 12, 13  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da delfi68 il Dom Mar 22 2015, 08:47


_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da primaverino il Dom Mar 22 2015, 15:54

@delfi68 ha scritto:1) nemo prim..pagate e votate sereni, fate il vostro dovere, seguite i vostri saldi principi.

2) non me frega un cazzo dei vostri piagnistei e lamentele..non seguo i vostri falsi principi morali, sono pragmatico e faccio sopravvivere BENE, anzi BENONE la mia famiglia che altrimenti, grazie a gente come voi sarebbe relegata al sottoproletariato e all'umiliazione continua e continuata riservata alla gente delle classi operaie e proletarie.

3) sono un pezzente che ve la mette in culo, è questo il problema di nemo e primaverino vero?..non sono un potente, non sono un borghese, sono un sottoproletario ignorante eppure: non pago le tasse, scavalco le file, me ne fotto delle regoline che invece fanno impazzire loro e la cosa li scandalizza..

4) è tutto qui il problema..un insubordinazione sociale fa più male del normalissimo rapporto d'oppressione perpetrato dai potenti di "rango superiore"
5) Un delfi fa incazzare più di Lupi o un incalza (per rimanere in attualità)


1) Prima di fare del sarcasmo sui "principi" si dovrebbe almeno averli compresi a grandi linee..
2) Non sono "falsi principi"... Se nemmeno comprendi di cosa stiamo parlando, non capisco il tranciar giudizi.
3) c.v.d. Non capisci di cosa stiamo parlando e nemmeno dell'utilità sociale di una regolamentazione purchessia.
Infatti ti ho dato dell'antisociale e non dell'asociale, che è concetto diverso.
4) Un'insubordinazione sociale non coincide con una prepotenza ai danni degli oppressi (latu sensu) di cui stai sproloquiando senza rispetto alcuno nemmeno per te stesso.
5) Nemmeno per idea... Mi sembri la rana che si credeva un toro...
Sotto il profilo della pericolosità sociale tu stai ad un Incalza come un cubetto di porfido al Monte Rosa.
avatar
primaverino


Messaggi : 1626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da nemo il Dom Mar 22 2015, 16:57

sta sfoggiando il repertorio classico...
magari è solo per cause esogene mgreen
io di rispondere a delfi faccio basta
non segue gli argomenti e cerca solo la rissa

la mia richiesta di "moderazione" era solo per smettere di fare la rissa (avevo accettato tranquillamente la tregua moderatoria, perchè pensavo che poi si potesse anche ascoltare, fra un insulto e l'altro cosa l'altro dice...ma delfi l'ha usata solo per urlare la sua rabbia verso di me, gli sto sul cazzo da tempo (dal tenore degli insulti) e se lo teneva dentro ora ha aperto la diga e si è sfogato, CON IL PICCOLO PARTICOLARE CHE GLI ARGOMENTI DA ME PORTATI SONO STATI TUTTI IGNORATI PER CONCENTRARSI SULL'INSULTO A UN NEMO CHE CORRISPONDE AI SUOI INCUBI, VISTO CHE IO NON MI RICONOSCO NEGLI  "APPREZZAMENTI" DELFICI
quindi visto che non c'era altro metodo ho fatto ricorso a questo sistema, per sbloccare il loop nemo-incentrato e ripartire da quello che ho scritto due pagine fa  http://ateismoeliberta.forumattivo.eu/t940p210-rivoluzione-fiscale-o-fare-i-furbi-col-culo-degli-altri#43390 (del tutto ignorato da delfi)
per cui ovviamente di un testadicazzo o di un vaffanculo non me la prendo di certo
ma se mi dai del borghesuccio col culo al caldo senza sapere nulla della mia vita, be' mi girano i coglioni (io a differenza di delfi non ho scritto il diario della mia vita sui forum, qundi i miei "cazzi" non li sapete e non li sa delfi, e certe "tematiche" possono toccare corde che mi fanno vibrare i coglioni... per cui insulto generico OK, ma insulto ad personam inventato NO
non mi sembra che io sia tenuto a scrivere il mio curriculum vitae per partecipare alle discussioni sul forum e nemmeno che si debba essere messi alla gogna con pretesti inventati

nemo

Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da silvio il Dom Mar 22 2015, 17:20

Il problema posto da Delfi è che si tratta di una rivolta completa contro uno Stato ritenuto ladro e basta, alla sua visione si può opporre però un concetto differente, ma qui è la differenza tra i 5 stelle e gli altri, cioè il non voler accettare che la società è sempre imperfetta e fatta da una massa di gente squallida e povera di profondità intellettuale.
Quindi in qualche modo va accettata per quello che è, prendendone per buoni i motivi di fondo, cercandola di correggere nelle piccole possibilità che abbiamo, cioè fare il nostro meglio fregandosene del Fiorito di turno.
Un po come il detto se vuoi il bene progredisci tu stesso nel bene, oppure se vedi il male fai tre passi nel bene.
Gli ideali fondanti la nostra società sono meritevoli ? Ognuno la vede in modo diverso, ma se si in qualche modo bisogna farla funzionare.
Però sono dell'avviso che bisogna anche cercare di non essere spietati e non trasformare noi stessi in boia e giudici, una categoria che non amo.
Se uno sbaglia deve poter ricominciare, non essere messo all'indice come questo moralismo becero che abbiamo di gente che giudica perchè ha il culo coperto.
Insomma valore umano, valore pacifico, valore di voler veramente il bene comune.
Ogni tanto ci fregano, vabbè chissene fotte, ho perso dei soldi pazienza !
Avere una società umana e libera ha un prezzo, si ci sono i Fiorito, i ladri di polli, le consorterie, ma più gente umana e onesta avrà ingresso nel mondo e meno questi avranno spazio, ma la gente per bene (quella vera, non i falsi onesti, che sanno farsi solo i cazzi loro e fanno della loro vita e della loro famiglia una fortezza, quelli sono peggio di Sandokan il camorrista, 1000 volte peggio) deve dare testimonianza e muoversi nel sociale.
avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da delfi68 il Dom Mar 22 2015, 17:26

vero prim. ma non mi sembra che nessuno di voi due abbia indetto una manifestazione di protesta sotto casa incalza..non mi pare sprechiate fiato per condannare il vostro sistema..anzi.

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da silvio il Dom Mar 22 2015, 17:37

Può darsi che apprezzino il Sistema in buona fede e la sua Costituzione, personalmente penso che sia un sistema che alla fine non abbia capacità di adattarsi alla situazione e non faccia gli interessi del cittadino, ma ha delle regole base che sono condivisibili, rimangono delle storture di fondo, la visione del potere politico come cricca, anche se non se ne rendono forse nemmeno conto.
Però non mi piace il forcaiolo, la mentalità 5 stelle non mi si adatta, dicono cose giuste, ma lavoreri più su leggi che mettono parola fine alla partitocrazia ed alla violenza del potere per salvare l'individuo nella società.
Ad esempio gli appalti pubblici, incarichi, una volta avuto le imprese, i tecnici in grado di dì fare il lavoro, con competenza, fare il sorteggio, lascindo stare appalti e gare, concorsi, che possono dare strada a vari inciuci.
Distruggere per sempre il manuale Cencelli, bandirlo, ma a questo punto vedi che il politico molla, non ha più interesse a farlo.
avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da delfi68 il Dom Mar 22 2015, 17:40

vero silvio.. ma dimmi, come pensi si possano mandare via i 3/4 del parlamento? ..hanno in mano giornali, televisioni, scuole, bandi gara, appalti, banche, istituti di previdenza, pensioni.. tutto..

hanno dimostrato una maggioranza trasversale e parlamentare a tutto campo senza distinzioni di ideali politici..

con le elezioni? ..come?..come vorresti vengano fatte leggi giuste se ci sono 3/4 dei parlamentari delinquenti??

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da silvio il Dom Mar 22 2015, 18:16

@delfi68 ha scritto:
vero silvio.. ma dimmi, come pensi si possano mandare via i 3/4 del parlamento? ..hanno in mano giornali, televisioni, scuole, bandi gara, appalti, banche, istituti di previdenza, pensioni.. tutto..

hanno dimostrato una maggioranza trasversale e parlamentare a tutto campo senza distinzioni di ideali politici..

con le elezioni? ..come?..come vorresti vengano fatte leggi giuste se ci sono 3/4 dei parlamentari delinquenti??

Ho scelto la non violenza 15 anni fa e credo che sia un valore importante, non so dire come levarceli di torno, ma mi sono reso conto che noi umani siamo tarati nella massa, loro sono espressione del nostro vicino di casa che per 200 euro ti ammazzerebbe, purtroppo è una battaglia persa in partenza.
Vedo troppi fantozzi diventare Rambo per due soldi miserabili.
avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da nemo il Dom Mar 22 2015, 18:41

io direi di passare da un piano personale (voi contro noi, ecc... ) ad un'analisi dei vari scenari proposti da delfi e altri e vedere che sviluppi potrebbero avere.
Così tanto per parlare, tanto quello che diciamo e facciamo noi incide sulla realtà in maniera nulla

ne approfitto per chiedere scusa a delfi se l'ho offeso
accetto tutte le sue accuse (così possiamo andare avanti, qua e in altri thread) se io sia un borghesuccio cagasotto infermiere rancoroso infame pulisciculo sfigato conta nulla, sono tutte verità (se così fa piacere) ma non cambia nulla rispetto alla realtà delle cose.

sposterei il discorso su un piano generale senza riferimenti personali, tanto per non sviare i discorsi

loveyou

nemo

Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da nemo il Dom Mar 22 2015, 21:40

allora, in base a quanto detto finora avremmo una situazione (in divenire) del tipo:

- presupposto: per riuscire la rivoluzione fiscale ha bisogno che tutti o quasi la mettano in pratica
- obiezione al presupposto: storicamente e sociologicamente non ci sono riscontri sulla possibilità di far affidamento su una tale evenienza, che è un po' come sperare che alle elezioni tutti votino uno stesso partito o scheda nulla
[ ma facciamo che l'obiezione non sia esatta, avremo: ]
- ipotesi: la rivoluzione fiscale riesce, ovvero nessuno paga le tasse o tutti evadono il fisco, che è la stessa cosa
- conseguenza n°1:il Servizio Pubblico collassa
- conseguenza n°2: caos sociale
(fra le altre eventualità:
-malati e pensionati alla fame e senza possibilità di prendere parte attiva alla possibile ribellione armata per cause fisiche, teniamo conto che gli over 65 in Italia sono una percentuale altissima rispetto ad altre nazioni e ad altre epoche storiche più "rivoluzionarie"
-probabili tentativi dell'esercito di prendere il potere, una eventualità che in questi casi si verifica spessissimo
-mancanza assoluta di servizi di qualsivoglia genere a cui ora siamo abituati: protezione civile, vigili del fuoco, sanità, istruzione che sarebbero rimpiazzati molto probabilmente dal nulla
-varie ed eventuali)
- conseguenza n°3:
A) se nessuno riesce a prendere la leadership dello scontento/caos sociale suddetto avremo
1- una ribellione armata, come ce ne sono state tantissime in tutte le nazioni e in tutte le epoche storiche, che per il fatto di essere acefala, cioè senza un gruppo che la guidasse tatticamente e strategicamente, sarebbe destinata ad essere repressa nel sangue (per cui alle sofferenze indicibili apportate dal caos sociale, si aggiungerebbero quelle della ribellione soffocata dallo Stato/Sistema)
2- un adagiarsi allo status quo deprimente, con acuirsi della naturale tendenza dell'italiano all'arte di arrangiarsi, con creazione di una situazione da homo homini lupus ancora peggiore di quella che viene descritta essere già la nostra società, le ribellioni ci sarebbero, ma sarebbero semplici esempi di focolai di rivolta da parte di bande costituite dai "più forti" che impongono la loro legge
B) se la ribellione venisse guidata da un gruppo di potere potrebbe prendere i contorni di una rivoluzione (stile primavere arabe o simili) con l'apertura di scenari che vanno
-dalla repressione armata violenta (aggiungere sofferenze all'elenco suddetto),
-compromesso con lo Stato/Sistema (con ricadute poco vantaggiose per il popolo),
-intervento di potenze straniere (USA/NATO) che non starebbero certo con le mani in mano a perdere un pezzo strategico come l'Italia, che di solito sono a base di attacchi militari (e aggiungiamo ancora altre dosi di sofferenze per il popolo),
-presa del potere del nuovo gruppo di potere espresso dalle conseguenze della rivoluzione fiscale con ripristino di categorie gerarchiche in cui qualcuno sta bene e molti altri stanno male, che è la conseguenza della quasi totalità delle rivoluzioni che storicamente si sono succedute.

Considerazione: ho sottolineato le vote in cui il popolo uscirebbe sofferente dagli scenari in campo e mi sembra di vedere sempre e comunque una situazione di arrivo peggiore di quella di partenza. Io auspico il cambiamento dell'attuale Stato/Sistema, ma se il risultato dev'essere peggiore ci penserei due volte prima di imbarcarmi in una strada senza ritorno e mi impegnerei nel pensare ad altri scenari determinati da altri strumenti politici (diversi dalla rivoluzione fiscale).

Proposta: se avete degli scenari diversi dai miei da proporre ne possiamo discutere e vedere dove ho sbagliato nella mia consecutio logica.

nemo

Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da delfi68 il Dom Mar 22 2015, 22:34

mi vien la lacrimuccia..oddio..svengooo..

vabbè, ok, accetto la tregua, vediamo finchè resisti però..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da nemo il Dom Mar 22 2015, 22:41

@delfi68 ha scritto:mi vien la lacrimuccia..oddio..svengooo..

vabbè, ok, accetto la tregua, vediamo finchè resisti però..
l'intento non era commuovere chicchessia
resisterò finchè ci incontreremo sui forum
una volta messe in chiaro le cose poi siamo a posto
i diverbi nascono sempre da incomprensioni

sarebbe stato più produttivo una risposta a questo post:
http://ateismoeliberta.forumattivo.eu/t940p225-rivoluzione-fiscale-o-fare-i-furbi-col-culo-degli-altri#43440
piuttosto che agli altri, ma de gustibus

nemo

Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da delfi68 il Dom Mar 22 2015, 22:58

quello che dovevo dire sulla questione l'ho detto. utopia la mia, utopia la tua, in mezzo c'è il pragmatismo di tutti i giorni.
io mi regolo come posso e sò, piacente o nolente, storie diverse, ideologie diverse, mentalità diverse..tu lindo e pinto io zanza?..ok, come vuoi, a me importa portare in porto la mia nave, nel mio mare e con le mie bussole.

non mi piace il sistema, non piacete voi e quelli che lo difendono anche se non va bene, anche se a chiacchere sostenete che non va bene nemmeno a voi, bla, bla, bla..non mi piace la presa per il culo del paravento democratico, assolutamente falso e falsato. Non mi piace rassegnarmi allo stato di fatto e comunque obbedire e seguire i principi ideali di un sistema ideale.

mi spiace, diversità incolmabili.

tu sei una realtà che non mi piace, io sono una realtà che non ti piace..pazienza, di mezzo c'è una vita molto breve per essere sprecata a rincorrere le utopie. Devo pensare ai miei, mi spiace, non posso fare prigionieri o scendere a compromessi..non me lo posso permettere.

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da nemo il Dom Mar 22 2015, 23:02

@delfi68 ha scritto:quello che dovevo dire sulla questione l'ho detto. utopia la mia, utopia la tua, in mezzo c'è il pragmatismo di tutti i giorni.
io mi regolo come posso e sò, piacente o nolente, storie diverse, ideologie diverse, mentalità diverse..tu lindo e pinto io zanza?..ok, come vuoi, a me importa portare in porto la mia nave, nel mio mare e con le mie bussole.

non mi piace il sitema, non piacete voi che lo difendono anche se non va bene, bla, bla, bla..non mi piace la presa per il culo del paravento democratico, assolutamente falso e falsato. Non mi piace rassegnarmi allo stato di fatto e comunque obbedire e seguire i principi ideali di un sistema ideale.

mi spiace, diversità incolmabili.

tu sei una realtà che non mi piace, io sono una realtà che non ti piace..pazienza, di mezzo c'è una vita molto breve per essere sprecata a rincorrere le utopie. Devo pensare ai miei, mi spiace, non posso fare prigionieri o scendere a compromessi..non me lo posso permettere.

la risposta è talmente condita di personalismi del tutto fuori luogo,che non la prendo in considerazione

ritengo che quindi per quanto ti riguarda le tue obiezioni a quanto da me postato (con dovizia e fatica) sia... ?
(non mi permetto interpretazioni di sorta, ti prego se possibile di postare una risposta senza attingere a questioni attinenti alla sfera privata di ognuno di noi forumisti, così come ho fatto io, per giocare sullo stesso terreno, con gli stessi attrezzi sportivi)


Ultima modifica di nemo il Dom Mar 22 2015, 23:03, modificato 1 volta

nemo

Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da silvio il Dom Mar 22 2015, 23:02

Uno sciopero fiscale dovrebbe spingere il sistema ad adottare misure atte a migliorare il servizio e dare la possibilità al cittadino di pagarle le tasse non a distruggersi per esse.
E' chiaro che è una possibilità remota, ma in una certa misura auspicabile, se attuata senza fini terroristici.
Ma tutto parte da una considerazione, il credere o meno che il sistema italia sia in crisi per tasse troppo alte e la difficoltà a rateizzarle.
Poi si deve essere d'accordo sul fatto che una tassazione che non superi il 25 % sia in grado di assicurare i servizi fondamentali, l'assistenza sanitaria a tutti e di ottimo livello, l'istruzione per tutti e di ottimo livello, la sicurezza dei cittadini e dei loro beni, l'assitenza ai redditi bassi o alle persone incapaci di lavorare (  case popolari - ricovero - salario sociale) le infrastrutture economiche - viabilità - collegamenti - gestione del territorio.
Il resto si può privatizzare o dare in gestione.
Tutto ciò andrebbe assicurato con gettiti fiscali ridotti in misura drastica, favorendo l'investimento nei lavori veramente produttivi, cosa che è realtà in molti paesi occidentali.
avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da nemo il Dom Mar 22 2015, 23:04

@silvio ha scritto:Uno sciopero fiscale dovrebbe spingere il sistema ad adottare misure atte a migliorare il servizio e dare la possibilità al cittadino di pagarle le tasse non a distruggersi per esse.
E' chiaro che è una possibilità remota, ma in una certa misura auspicabile, se attuata senza fini terroristici.
Ma tutto parte da una considerazione, il credere o meno che il sistema italia sia in crisi per tasse troppo alte e la difficoltà a rateizzarle.
Poi si deve essere d'accordo sul fatto che una tassazione che non superi il 25 % sia in grado di assicurare i servizi fondamentali, l'assistenza sanitaria a tutti e di ottimo livello, l'istruzione per tutti e di ottimo livello, la sicurezza dei cittadini e dei loro beni, l'assitenza ai redditi bassi o alle persone incapaci di lavorare (  case popolari - ricovero - salario sociale) le infrastrutture economiche - viabilità - collegamenti - gestione del territorio.
Il resto si può privatizzare o dare in gestione.
Tutto ciò andrebbe assicurato con gettiti fiscali ridotti in misura drastica, favorendo l'investimento nei lavori veramente produttivi, cosa che è realtà in molti paesi occidentali.
mi sembra assai remota come possibilità
e mi sembrava di aver capito che neanche chi la propone come strumento di lotta politica, si auspichi che si arrivi a questo scenario

nemo

Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da silvio il Dom Mar 22 2015, 23:13

Si ma il punto è chiarire se siamo d'accordo che le problematiche sono due:

1 - la gestione delle entrate fiscali non è efficiente
2 - tale inefficienza porta ad un peso fiscale che il nostro paese non riesce a sostenere, o limita fortemente lo sviluppo

Poi vi è indubbiamente il problema dell'evasione fiscale, nessuno lo nega, ma forse la possibilità di scaricare le spese, un'IVA meno pesante, una diminuzione del peso fiscale, una semplificazione, porterebbe a una diminuzione di questo deprecabile e deleterio fenomeno, purtroppo molto diffuso in certe categorie, dentisti, artigiani, ecc....
avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da delfi68 il Dom Mar 22 2015, 23:19

conti alla mano.

facciamo due conti sugli scandali emersi, almeno su quelli, senza contare il sommerso delle ruberie.

Ultimamente abbiamo anche l'affare Incalza: NO DICO! c'è la TAV, l'Expo e trent'anni di lavori pubblici a livello nazionale..a quanto può ammontare i furto di denaro solo da parte di questi qui??

poi c'è la sanità..da quando sono cosciente so di scandali arresti, tangenti e distrazioni..c'è la funzione pubblica, l'esercito, la marina, le agenzie..c'è un mare di istituti atti a fuoriuscire denaro pubblico in modo fantasioso..

qualcuno ha delle statistiche a quanto ammonta la perdita monetaria a causa del malaffare nella pubblica amministrazione? ..poi ci sommiamo gli sprechi per distrazione e cattiva professionalità? ..ci volgiamo mettere le centinaia di migliaia di stipendi inutili a seguito di assunzioni inutili e clientelari? ..poi mettiamoci i costi aggiunttivi e d'indotto del tutto inutili per il mantenimento dell'apparato: auto, servizi, affitti, trasporti, benefit, gettoni, rimborsi..

facciamo un conto, la cifra che esce se non è pari ad almeno la metà di tutta una legge finanziaria è poco di più!

..quanto incide sulla percentuale del pagato in tasse??
ecco, ci si mette pochissimo a capire e visualizzare i volumi di spreco e di tasse pagate..

NON SE NE ESCE! ..il problema non è fissare un aliquota ragionevole, 25%? ok..fosse 30..il problema è come viene utilizzato il denaro incamerato dallo stato (comuni, provincie regioni eccetera..) la metà, mi gioco i coglioni che almeno la metà è speso male o rubato in vari modi! (dico la metà con ragionevole cognizione di causa ed esempi, ma ne parliamo dopo..)

ora, scendiamo l'aliquota al 30% dal 55 attuale? ..bene, sai cosa succede? ..che i servizi al cittadino subiscono un taglio netto del 25%..perchè non ci sarà una ridistribuzione della somma a coprire i costi, ma resterà invariata la quota di furto: 50% del totale incamerato, e siccome il totale è al 30% di aliquota rispetto a prima al cittadino arriverà il 5% anziche il 25% di quella tassazione!
NON SE LO POSSONO PERMETTERE, perchè equivarrebbe al crollo del sistema e alla rivolta! quindi "loro" continuaneranno a spremere sempre per ritagliare un lucroso margine e un adeguato sostentamento ai servizi pubblici! ..il costo è pari al 55-60% di tasse sul movimento contabile di ognuno!!!

ergo cosa succede. chi ce la fa paga, chi non ce la fa o si ammazza o entra in illegalità.
chi può evadere grandi cifre lo fa, si arricchisce e va a braccetto con chi amministra.
chi può evadere a sufficienza per campare dignitosamente senza finire tritato da banche, agenzie e creditori lo fa!!!! ..e fa bene!

chi invece paga, anzichè esortare chi tira a campare a pagare tutte le tasse, dovrebbe accettare l'ineluttabilità della situazione:

1) pagare e tacere
2) pagare e fare una rivolta popolare con incendio del parlamento e bastonate da orbi a tutti!
3) tentare di resistere a contenere la rapina di stato.


..io ho scelto la 3. la 2 è un utopia, la 1, per me, è una follia e una resa..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da nemo il Dom Mar 22 2015, 23:23

@silvio ha scritto:Si ma il punto è chiarire se siamo d'accordo che le problematiche sono due:

1 - la gestione delle entrate fiscali non è efficiente
2 - tale inefficienza porta ad un peso fiscale che il nostro paese non riesce a sostenere, o limita fortemente lo sviluppo

Poi vi è indubbiamente il problema dell'evasione fiscale, nessuno lo nega, ma forse la possibilità di scaricare le spese, un'IVA meno pesante, una diminuzione del peso fiscale, una semplificazione, porterebbe a una diminuzione di questo deprecabile e deleterio fenomeno, purtroppo molto diffuso in certe categorie, dentisti, artigiani, ecc....

concordo in toto
io partirei da una rivoluzione NELLA GESTIONE del fisco
efficienza, maggiore proporzionalità (i ricchi pagano tanto, i poveri pagano poco o nulla), IVA più bassa su ogni categoria di bene, controlli mirati degli evasori seri (non il vecchio che sbaglia a fare la dichiarazione o l'artigiano impiccato dai debiti, ma i ricchi che "scaricano" alle Cayman), ecc... Penso che basterebbe applicare dei criteri scandinavi di applicazione e controllo - su imposte meno care come incidenza e come numero -, per dare il via ad un circolo virtuoso che darebbe il la a un Servizio Pubblico più efficiente (ovviamente gli introiti dovrebbero essere gestiti in maniera più onesta del 50%, per iniziare, che non possiamo pretendere che l'asino diventi cavallo, poi una volta dato il via a questo "cambiamento" come ci siamo ritrovati nella merda, così potremmo risalire la china. Storicamente lo abbiamo fatto e lo hanno fatto -altri popoli - più di una volta. Quindi non trattasi di utopia. Certo dirlo ora sembra lo sia, ma vai a dire ad un contadino americano del 1933 che 20 anni dopo, se ce l'avesse fatta a passarli indenni, sarebbe appartenuto alla categoria di contadini più ricchi del mondo. Tanto per fare un esempio)

nemo

Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da silvio il Dom Mar 22 2015, 23:27

2) pagare e fare una rivolta popolare con incendio del parlamento e bastonate da orbi a tutti!

Sarebbe una scelta giusta per me, magari non violenta, ma il sistema è stato bravo a mettere gli italiani gli uni contro gli altri, come ha messo gli immigrati contro i nativi.
Quindi lo scenario è da guerra civile e per ora la vince chi ha esercito, polizia, ecc.., in mano.
avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da nemo il Dom Mar 22 2015, 23:29

@delfi68 ha scritto:conti alla mano.

facciamo due conti sugli scandali emersi, almeno su quelli, senza contare il sommerso delle ruberie.

Ultimamente abbiamo anche l'affare Incalza: NO DICO! c'è la TAV, l'Expo e trent'anni di lavori pubblici a livello nazionale..a quanto può ammontare i furto di denaro solo da parte di questi qui??

poi c'è la sanità..da quando sono cosciente so di scandali arresti, tangenti e distrazioni..c'è la funzione pubblica, l'esercito, la marina, le agenzie..c'è un mare di istituti atti a fuoriuscire denaro pubblico in modo fantasioso..

qualcuno ha delle statistiche a quanto ammonta la perdita monetaria a causa del malaffare nella pubblica amministrazione? ..poi ci sommiamo gli sprechi per distrazione e cattiva professionalità? ..ci volgiamo mettere le centinaia di migliaia di stipendi inutili a seguito di assunzioni inutili e clientelari? ..poi mettiamoci i costi aggiunttivi e d'indotto del tutto inutili per il mantenimento dell'apparato: auto, servizi, affitti, trasporti, benefit, gettoni, rimborsi..

facciamo un conto, la cifra che esce se non è pari ad almeno la metà di tutta una legge finanziaria è poco di più!

..quanto incide sulla percentuale del pagato in tasse??
ecco, ci si mette pochissimo a capire e visualizzare i volumi di spreco e di tasse pagate..

NON SE NE ESCE! ..il problema non è fissare un aliquota ragionevole, 25%? ok..fosse 30..il problema è come viene utilizzato il denaro incamerato dallo stato (comuni, provincie regioni eccetera..) la metà, mi gioco i coglioni che almeno la metà è speso male o rubato in vari modi! (dico la metà con ragionevole cognizione di causa ed esempi, ma ne parliamo dopo..)

ora, scendiamo l'aliquota al 30% dal 55 attuale? ..bene, sai cosa succede? ..che i servizi al cittadino subiscono un taglio netto del 25%..perchè non ci sarà una ridistribuzione della somma a coprire i costi, ma resterà invariata la quota di furto: 50% del totale incamerato, e siccome il totale è al 30% di aliquota rispetto a prima al cittadino arriverà il 5% anziche il 25% di quella tassazione!
NON SE LO POSSONO PERMETTERE, perchè equivarrebbe al crollo del sistema e alla rivolta! quindi "loro" continuaneranno a spremere sempre per ritagliare un lucroso margine e un adeguato sostentamento ai servizi pubblici! ..il costo è pari al 55-60% di tasse sul movimento contabile di ognuno!!!

ergo cosa succede. chi ce la fa paga, chi non ce la fa o si ammazza o entra in illegalità.
chi può evadere grandi cifre lo fa, si arricchisce e va a braccetto con chi amministra.
chi può evadere a sufficienza per campare dignitosamente senza finire tritato da banche, agenzie e creditori lo fa!!!! ..e fa bene!

chi invece paga, anzichè esortare chi tira a campare a pagare tutte le tasse, dovrebbe accettare l'ineluttabilità della situazione:

1) pagare e tacere
2) pagare e fare una rivolta popolare con incendio del parlamento e bastonate da orbi a tutti!
3) tentare di resistere a contenere la rapina di stato.


..io ho scelto la 3. la 2 è un utopia, la 1, per me, è una follia e una resa..

basterebbe togliere dal paradigma del sistema la RUBERIA SISTEMATICA e i conti tornerebbero di incanto
la RUBERIA SISTEMATICA non è inclusa nel sistema pubblico o in quello fiscale (in altri paesi più civili di quello Italiano infatti non c'è)

alle tre ipotesi aggiungo
4) guerra (dopo le guerre le economie si risanano in un modo o nell'altro, ma avrebbe lo spiacevole inconveniente di apportare sacrifici peggiori della malattia, un po' come la stessa rivoluzione)

l'ipotesi 1 (quella dei cagasotto, ma anche dei non-violenti) è quella che a fronte di sacrifici e sofferenze , può portare sul lungo periodo ad un cambiamento in positivo senza ulteriori sofferenze (mi attengo alle lezioni che la Storia ci ha dato con dovizia di esempi, tutto qua)

nemo

Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da silvio il Dom Mar 22 2015, 23:30

@nemo ha scritto:
@silvio ha scritto:Si ma il punto è chiarire se siamo d'accordo che le problematiche sono due:

1 - la gestione delle entrate fiscali non è efficiente
2 - tale inefficienza porta ad un peso fiscale che il nostro paese non riesce a sostenere, o limita fortemente lo sviluppo

Poi vi è indubbiamente il problema dell'evasione fiscale, nessuno lo nega, ma forse la possibilità di scaricare le spese, un'IVA meno pesante, una diminuzione del peso fiscale, una semplificazione, porterebbe a una diminuzione di questo deprecabile e deleterio fenomeno, purtroppo molto diffuso in certe categorie, dentisti, artigiani, ecc....

concordo in toto
io partirei da una rivoluzione NELLA GESTIONE del fisco
efficienza, maggiore proporzionalità (i ricchi pagano tanto, i poveri pagano poco o nulla), IVA più bassa su ogni categoria di bene, controlli mirati degli evasori seri (non il vecchio che sbaglia a fare la dichiarazione o l'artigiano impiccato dai debiti, ma i ricchi che "scaricano" alle Cayman), ecc... Penso che basterebbe applicare dei criteri scandinavi di applicazione e controllo - su imposte meno care come incidenza e come numero -, per dare il via ad un circolo virtuoso che darebbe il la a un Servizio Pubblico più efficiente (ovviamente gli introiti dovrebbero essere gestiti in maniera più onesta del 50%, per iniziare, che non possiamo pretendere che l'asino diventi cavallo, poi una volta dato il via a questo "cambiamento" come ci siamo ritrovati nella merda, così potremmo risalire la china. Storicamente lo abbiamo fatto e lo hanno fatto -altri popoli - più di una volta. Quindi non trattasi di utopia. Certo dirlo ora sembra lo sia, ma vai a dire ad un contadino americano del 1933 che 20 anni dopo, se ce l'avesse fatta a passarli indenni, sarebbe appartenuto alla categoria di contadini più ricchi del mondo. Tanto per fare un esempio)

Una cosa scandalosa è stata l'evasione accertata dell UNICREDIT, cosa insabbiata alla grande !
Comunque una ASL dell'Emilia ha risparmiato una somma considerevole eliminado gli sprechi, pur migliorando il servizio, quindi sarebbe pure una cosa possibile.
avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da nemo il Dom Mar 22 2015, 23:31

@silvio ha scritto:2) pagare e fare una rivolta popolare con incendio del parlamento e bastonate da orbi a tutti!

Sarebbe una scelta giusta per me, magari non violenta, ma il sistema è stato bravo a mettere gli italiani gli uni contro gli altri, come ha messo gli immigrati contro i nativi.
Quindi lo scenario è da guerra civile e per ora la vince chi ha esercito, polizia, ecc.., in mano.

bastonate non violente? dubbioso
comunque nella seconda parte hai centrato il punto. Le rivoluzioni sono più attrezzate a vincerle chi ha il potere, non chi si ribella. Qualora dovesse capitare che questi abbiano la meglio, sarebbero comunque "ingannati" da un'elite più furba di loro
per cui avrebbero versato sangue per il culo di altri
evitare di fare rivoluzioni è frutto di un puro calcolo pragmatico
si fanno solo quando è matematicamente impossibile perderle (america e francia docet...ah, gli schiavi rimasero schiavi anche dopo le rivoluzioni!)

nemo

Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da delfi68 il Dom Mar 22 2015, 23:36

hai citato male, bastonate e violenza sono scritte nel mio post, non in quello di silvio.

ah pardon..non avevo letto sopra, è uno stralcio del mio post riscritto e ricitato..sorry..


Ultima modifica di delfi68 il Dom Mar 22 2015, 23:38, modificato 1 volta

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da silvio il Dom Mar 22 2015, 23:37

Concordo non è affatto facile uscirne, magari una grande manifestazione nazionale di grandi numeri potrebbe cambiare qualcosa.
Ma le dovergenze politiche sono molto forti.
Renzi comunque gioca su questa propaganda, io sono la nuova sinistra, che razionalizzerà la spesa pubblica, porterà la legalità nel sistema.
Gli italiani (una larghissima parte) ci spera e un po ci crede.
avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Rivoluzione fiscale o fare i furbi col culo degli altri?

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 10 di 13 Precedente  1, 2, 3 ... 9, 10, 11, 12, 13  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum