Ateismo e libertà
Benvenuto sul forum "Ateismo e libertà"

Per partecipare alle discussioni effettua il login. Non sei ancora iscritto? Registrati per iniziare a partecipare!

strage in nome dio

Pagina 1 di 4 1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

strage in nome dio

Messaggio Da delfi68 il Mer Gen 07 2015, 12:50

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-01-07/dieci-morti-parigi-le-vignette-121110.shtml?uuid=AB5VNvZC

Ma continuate pure a dire che la religione è amore e pace..che l'islam, sopratutto è una religione di pace e che si tratta di cultura, che NON tutti i musulmani sono cosi, cosa..bla, bla,bla..

DALLA RELIGIONE CI SI DEVE CURARE COME DA UN INFEZIONE PANDEMICA!

PARIGI - Due uomini armati di kalashnikov e un lanciarazzi, incappucciati e vestiti di nero, hanno fatto irruzione nella sede del giornale satirico Charlie Hebdo, a Parigi, uccidendo almeno 11 persone, tra cui due agenti, secondo i media francesi. Il bilancio è stato confermato dalla Procura di Parigi. Quindici minuti prima dell'attacco, il settimanale satirico aveva pubblicato sul profilo Twitter una vignetta su Abu Bakr al-Baghdadi, leader dello Stato islamico (Is). I due assalitori, stando al racconto di alcuni testimoni, hanno aperto il fuoco gridando: "Vendicheremo il Profeta".

Sulla copertina di Charlie Hebdo, campeggia una foto dello scrittore Michel Houellebecq, al centro di polemiche per il romanzo in uscita oggi "Sottomissione", che racconta l'arrivo al potere in Francia di un presidente islamico.

Hollande sul luogo dell'attentato. Il presidente francese, Francois Hollande, si sta recando sul luogo dell'attentato, in pieno centro di Parigi. Il suo ufficio all'Eliseo ha comunicato che per le 14 è stato convocata una riunione d'emergenza del governo. Deciso l'immediato aumento del livello di allerta attentati terroristici in tutta l'Ile-de-France. Polizia e gendarmi sono stati schierati davanti a scuole, edifici pubblici e redazioni di giornali.

Assalitori in fuga. I due uomini armati autori dell'assalto sono fuggiti, aggredendo un automobilista e impossessandosi della sua auto. Posti di blocco sono organizzati in tutta Parigi.

Sotto tiro. Charlie Hebdo è più volte finito nel mirino degli integralisti islamici per averirriso la figura del Profeta Maometto. Due uomini sono entrati nella redazione e hanno cominciato a sparare. Secondo le Figaro è stato ferito anche un poliziotto giunto sul posto. Un quotidiano francese 20Minutes è riuscito a contattare per telefono un dipendente del quotidiano il quale gli ha detto che ''è un vero massacro, ci sono dei morti''. Poi la linea è caduta.

A difesa della libertà. Il settimanale satirico francese Charlie Hebdo, con una pungente ironia, ha sempre lavorato in difesa dei diritti e delle libertà individuali. A partire dal 1960, quando ancora si chiamava Hara-Kiri e si autodefiniva un "giornale stupido e cattivo", è stato protagonista di innumerevoli battaglie e polemiche. Nel 1970, in occasione della morte di Charles De Gaulle, l'Hebdo scandalizzò la Francia con una copertina dal titolo "Bal tragique a Colombey, un mort", ballo tragico a Colombey (la residenza del Generale), un morto. L'iniziativa costò al giornale il blocco delle pubblicazioni e l'interdizione dello staff, diretto da Francois Cavanna deciso dal ministero dell'Interno. Disegnatori e giornalisti non si diedero per vinti e aggirarono il divieto dando vita al Charlie Hebdo, riferimento al celebre Charlie Brown dei Peanuts. Vicino alla gauche, ma pungente anche con gli esponenti di centrosinistra, l'Hebdo balzò di nuovo alle cronache nel 1992, con la pubblicazione di una tribuna dibattito intitolata 'Coraggio intellettuale' e dedicata all'opera di Oriana Fallaci 'La rabbia e l'orgogliò. Nell'articolo si parlava di una "crociata" dell'Islam verso l'Occidente: parole che suscitarono un coro di polemiche e l'accusa di contenuti razzisti.

Vignette su Maometto. È, però, nel 2006 che l'Hebdo diventa noto al pubblico internazionale con la scelta di ripubblicare le dodici controverse vignette su Maometto del giornale danese Jyllands-Posten. Le vendite balzarono in un giorno dalle 140mila alle 400mila copie, facendo adirare il mondo islamico e spingendo il Consiglio francese del culto musulmano a chiedere il ritiro delle copie dalle edicole. Incriminato per razzismo, l'allora direttore Philippe Val fu assolto l'anno dopo da un tribunale francese. L'ultima provocazione è stata il numero speciale dedicato alla vittoria degli islamisti in Tunisia. In copertina spicca una sacrilega immagine di Maometto che promette "Cento frustate se non morite dal ridere". "Sì, l'Islam è compatibile con l'umorismo", hanno scritto i redattori del settimanalè, disegnandovi accanto il Profeta islamico con un naso rosso da clown. Prima che l'edizione arrivasse nelle edicole, la sede della rivista è stata distrutta da un incendio provocato da un lancio di molotov.

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da delfi68 il Mer Gen 07 2015, 12:59


_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da alberto il Mer Gen 07 2015, 13:28

sono scioccato e in questo momento mi si affollano nella mente i pensieri più tremendi. devo riuscire a ragionare.
questo atto mostruoso è figlio dell'ignoranza ma anche dell'uso strumentale delle news da parte dei media, dell'accondiscendenza ipocrita delle religioni cristiane occidentali a cui un islam di questo tipo fa un gran comodo, e di altro ancora ma adesso ripeto non sono lucido non voglio scrivere cazzate. un abbraccio a tutt.
avatar
alberto


Messaggi : 845
Data d'iscrizione : 31.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da delfi68 il Mer Gen 07 2015, 13:42

il concetto che non deve passare è che si possa pretendere l'autocensura in nome di un credo religioso o politico!!!

perchè non posso criticare maometto? ..perchè non posso sfottere maometto???
La ragione si ottiene secondo la legge e la giustizia del vent'unesimo secolo, se qualcuno riteneva di aver subito un torto doveva procedere secondo la legge, qui invece hanno fatto giustizia sommaria, arbitraria e un atto intimidatorio verso tutti.

chi è maometto??? ..un uomo, violento e barbaro, che ha detto di aver parlato e udito dio..tutto qui. E' possibile dire che maometto è stato un furbacchione? uno schizofrenico? ..una balordo, un bugiardo?

Accettare che una religione implichi precetti e dogmi nel suo libro sacro che implichino la morte per chi critica è un assurdo! ..il corano, cosi com'è e come viene insegnato è un oggetto di reato!


_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da delfi68 il Mer Gen 07 2015, 13:56

.in fondo se tutto ciò può accadere è sopratutto colpa nostra, delle nostre leggi simil islamiche che ancora battono sui nostri codici.. L'islam è tollerato perchè dev'essere tollerato il cattolicesimo, ora voglo vedere come faranno a convincere le masse di pecoroni: o faranno digerire la cosa come fisiologica, o dovranno spiegare perchè i cattolici sono bravi e musulmani no. Voi cosa dite?? ..daranno la solita colpa a quattro gatti fanatici e alla fin fine il sacro religioso sarà risparmiato da ogni critica..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da alberto il Mer Gen 07 2015, 14:29

ci puoi contare
avatar
alberto


Messaggi : 845
Data d'iscrizione : 31.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da random il Mer Gen 07 2015, 14:41

avatar
random

Messaggi : 167
Data d'iscrizione : 19.11.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da Hara il Mer Gen 07 2015, 15:09

Era da tempo che non mi sentivo così seriamente indignato

E la tattica dell'attentato-fai-da-te, o comunque che non richiede lunghe preparazioni, è devastante, non si vedono metodi per contrastarla se non con misure seriamente repressive che vengono considerate, e forse  lo sono, inaccettabili. Almeno per ora.


Spoiler:

Vignetta di Charb, morto nell’attentato, sull’ultimo numero della rivista
avatar
Hara

Messaggi : 1107
Data d'iscrizione : 09.04.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da delfi68 il Mer Gen 07 2015, 15:13

mi impensierisce solo che una repressione dell'islam..che inevitabilmente prima o poi inizierà a verificarsi in europa, che francamente ne abbiamo lo stracazzo pieno di questi imbecilli, passerà anche da una regressione delle libertà e dei traguardi laici e civili che abbiamo conquistato in casa nostra..

un po come la kemioterapia per uccidere il canncro, che già che c'è ammazza mezzo organismo..

purtroppo come scrive un amico su FB, contro i fanatismi religiosi NON ha nessun effetto la ragione e la logica, serve solo la reazione di pancia, irragionevole, equiviolenta.. Solo che reprimeranno l'slam invadente e invasivo, ma anche le libertà laiche.

ecco perchè odio gli intellettuali, non sanno mai fare il lavoro sporco e lo delegano a chi poi gliela farà pagare salata pure a loro..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da JoJo il Mer Gen 07 2015, 19:44

Ore 19.29 – Financial Times shock: “Giornalisti stupidi”
I giornalisti e i vignettisti di Charlie Hebdo si sono comportati in modo “stupido“. E’ quanto si legge in un editoriale shock del Financial Times pubblicato oggi. Secondo il giornale della City, il magazine ha peccato di “stupidità editoriale” attaccando l’Islam. “Anche se il magazine si ferma poco prima degli insulti veri e propri, non è comunque il più convincente campione della libertà di espressione”, si legge ancora. “Con questo non si vogliono minimamente giustificare gli assassini, è solo per dire che sarebbe utile un po’ di buon senso nelle pubblicazioni che pretendono di sostenere la libertà quando invece provocano i musulmani”.

fonte
ma vadano un po' a fanculo anche loro!
dimola vinta agli ignoranti allora!

avatar
JoJo

Messaggi : 838
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da JoJo il Mer Gen 07 2015, 21:31

e ci aggiungo anche questa amara ed ironica riflessione


fonte
avatar
JoJo

Messaggi : 838
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da silvio il Mer Gen 07 2015, 22:35

La cosa è complessa secondo me, perchè se da un lato ci hanno rimesso la pelle persone che non hanno fatto nulla di male, dall'altro lato la Francia persegue una politica estera molto chiara e schierata nella lotta al fondamentalismo islamico sia nel nord Africa che nel centro Africa, senza contare l'intervento aereo in Siria e Iraq.
Questo la espone a delle ritorsioni che si tramutano in atti terroristici, quindi non si tratta di attentato alla libertà di espressione ma un atto di guerra ad una nazione nemica.
Mi ricollego anche al passato coloniale della Francia, un passato pesante per certi aspetti, non mi meraviglierei che vi sia una sete di rivincita da parte di una parte della comunità araba mascherata da fondamentalismo.
L'Occidente ha sempre combattuto l'Islam, con i Crociati, con le Repubbliche Marinare, insomma una rivalità antica, la cosa sia pur in forme diverse continua anche oggi (Israele, la coalizione capiatanata da USA a GB, con il grande apporto Francese).
E' una guerra strisciante che va dal Petrolio, ai dolllari dell'Arabia Saudita, degli Emirati, al terrorismo vero e proprio.
Sentivo un ricchissimo arabo dell'Oman, che diceva siamo ricchi è giunto il nostro tempo, come una rivalsa della storia.
Penso pure alla Libia dove la volontà francese di abbatere e uccidere Gheddafy è stata palese e brutale, lo hanno stanato con l'aviazione e fatto volutamente massacrare dai ribelli.
Ora siamo d'accordo è una questione di due culture incompatibili, ma è anche vero che sono 200 anni che gli andiamo a rompere le scatole a questi, forse sarebbe meglio lasciarli adorare i loro feticci e scannarsi tra di loro come sanno fare bene, tagliando gole e teste, cosa che gli piace tanto (avete visto che folle divertite intorno alle lapidazioni, decapitazioni, crocifissioni ecc.....)
avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da airava il Mer Gen 07 2015, 23:05

tali e quali a quelle che si raccoglievano un po di tempo fa attorno ai roghi o alle mannaie sisi
avatar
airava

Messaggi : 462
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da silvio il Mer Gen 07 2015, 23:23

@airava ha scritto:tali e  quali a quelle che  si raccoglievano  un po di tempo fa  attorno  ai roghi o alle mannaie sisi

Non eravamo meglio certamente
avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da JoJo il Gio Gen 08 2015, 11:09

@silvio ha scritto:La cosa è complessa secondo me, perchè se da un lato ci hanno rimesso la pelle persone che non hanno fatto nulla di male, dall'altro lato la Francia persegue una politica estera molto chiara e schierata nella lotta al fondamentalismo islamico sia nel nord Africa che nel centro Africa, senza contare l'intervento aereo in Siria e Iraq.
Questo la espone a delle ritorsioni che si tramutano in atti terroristici, quindi non si tratta di attentato alla libertà di espressione ma un atto di guerra ad una nazione nemica.
ecc. ecc.
certo, sono d'accordo, la cosa è complessa e parlare di attacco alla libertà di stampa è riduttivo.
è più un attacco allo stile di vita cosiddetto occidentale, incompatibile con quello arabo/mediorientale, fortemente improntato su un modello teocratico e quindi meno pluralista.

è però, secondo me, importante il fatto che questo attacco (di guerra, se vogliamo chiamarlo così) sia stato effettuato contro un giornale "reo" di prendere per il culo le religioni in genere (perchè, ricordiamo, charlie hebdo non ha pubblicato solo vignette contro l'islam, ma anche contro il cristianesimo, qua qualche esempio).
importante perchè mette in luce e riassume le principali differenze tra il 'nostro' mondo e il 'loro', ovvero l'accettazione o meno delle voci discordi e la giustificazione o meno di qualunque mezzo per metterle a tacere (tenendo cmq presente che anche qua spesso e volentieri si censura o si tenta di censurare ciò che "offende il sentimento religioso", vedi l'esempio del padre pizarro di guzzanti, indice che comunque difficoltà ad accettare gli attacchi alle proprie ideologie non è sempre facile... ma ovviamente affidarsi ai tribunali piuttosto che ai mitra è un gran bel passo avanti!)
quindi sì, stiamo parlando di guerra, ma una guerra che si basa su modi di vivere e concepire la socetà, radicalmente diversi
migliore il nostro o il loro? bè, dipende, non si può giudicare, è relativo... e invece no, cazzo! pur con tutti i difetti (che ci sono, e ce ne sono tanti), non ho problemi a dire che la nostra socetà è migliore! semplicemente perchè si può provare a cambiarla con metodi civili (quale è anche la satira) senza che ti vengano tirate addosso pietre o proiettili, senza rischiare impiccagioni o millemila anni di carcere e quant'altro (certo, i pazzi ci sono sempre, ma almeno non sono appoggiati e incoraggiati dallo stato di cui anche io faccio parte)

devo dire che l'attacco di ieri al CH mi ha lasciato con parecchia preoccupazione, soprattutto perchè temo una deriva populista degli stati europei, che potrebbe portare a conseguenze gravissime a medio/lungo termine; temo, insomma, che ci saranno alcuni politici (LePen e Salvini, tanto per fare due nomi) che si comporteranno irresponsabilmente e cavalcheranno l'ondata di odio per i terroristi, facendola diventare odio per i musulmani tutti e poi odio per l'arabo in generale; questo potrebbe portare ad una politica (miope, oltre che moralmente infame) di segregazione, la quale fomenterebbe l'odio anche di quelli che magari ci stavano provando davvero ad integrarsi, portandoli verso un maggiore "orgoglio identitario" ed estremizzazione, in una spirale negativa con, appunto, conseguenze nefaste a lungo andare

inoltre (ma questo forse per mia incompetenza politica) non saprei davvero quale potrebbe essere adesso il modo giusto di agire.. forse è tardi per pensarci ora, forse i danni fatti nel passato (crociate, rep marinare ecc ecc ecc, fino ai giorni nostri, come evidenziato da @silvio) sono oramai non più tamponabili con un accordo diplomatico... non so neanche se tale accordo diplomatico sarebbe possibile, visto l'aria non proprio serena che tira in europa (crisi diffusa... e si sa che quando non si vive tranquilli si è meno propensi ad abbracciare il 'diverso', il 'foresto'), cioè, non so se i cittadini sarebbero disposti ad aprire un confronto, arrivati a questo punto...
insomma, vedo un futuro nebuloso e cmq non tranquillo...


ora però mi metto a ripassare olandese, che oggi pomeriggio c'ho l'esamino...

ps. ho scritto troppo, di getto (e quindi senza le profonde riflessioni che la faccenda merita, le quali -le profonde riflessioni intendo- le farò col tempo, una volta digerito il fatto e chiariti tutti gli elementi) e non ho voglia di rileggere: se vi sembra che ciò che ho scritto sia criptico, ingenuo se non stupido, incomprensibile e sgrammaticato... bè probabilmente avete ragione e per questo vi chiedo scusa
avatar
JoJo

Messaggi : 838
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da JoJo il Gio Gen 08 2015, 11:23

ecco, cvd
CHARLIE HEBDO, GRANATE CONTRO UNA MOSCHEA A LE MANS ore 11.21 – Stando al giornale Ouest-France, è avvenuto un lancio di granate contro una moschea di Le Mans, in Francia. le granate state lanciate questa mattina nel cortile della Mosque’e des Sablons, sulla rue de la Bertinie’re, ed una di esse sarebbe esplosa. Fortunatamente non ci sarebbero feriti e nemmeno particolari rivendicazioni. La strada è stata comunque bloccata dalla polizia. A quanto si apprende, una finestra risulta inoltre colpita da un colpo d’arma da fuoco. Per ora non ci sono arresti.

EDIT - fonte: http://www.giornalettismo.com/archives/1703725/charlie-hebdo-attacco-armato-a-parigi-undici-morti/
avatar
JoJo

Messaggi : 838
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da Tommy the Cat il Gio Gen 08 2015, 16:41

Non è manco questione di migliore o peggiore alla fine secondo me, perché non stiamo parlando di massimi sistemi.
La nostra società la gestiamo come pare a noi, Europei, non come pare agli altri. Perciò gli islamici a cui non va a genio questa cosa possono tranquillamente andarsela a prendere nel culo nel deserto da cui provengono, non dobbiamo dare alcuna spiegazione a nessuno.

Non capisco poi questa questione del populismo da tirar fuori a quanto pare ogni volta che un movimento si azzarda a muoversi da quella che è a quanto pare una modalità di organizzare la società che non è più criticabile i.e il multiculturalismo a 360 gradi.
Ma se la gente inizia a non sentirsi sicura ad avere un arabo vicino di casa ed un rappresentante politico afferma di essere d'accordo e di voler cambiare la situazione, cosa c'è di così diverso da affibbiargli l'aggettivo di populista? Non era il popolo il sovrano una volta? O lo è solo se si adegua a certe idee? Si può essere in disaccordo chiaramente, ma a me sembra che questa parola, 'populista', sia un pò abusata come tante altre per tacciare idee scomode(non mi riferisco a te in particolare JoJo l'ho solo notato in generale).
avatar
Tommy the Cat


Messaggi : 1566
Data d'iscrizione : 30.12.13

http://ateismoeliberta.forumattivo.eu

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da airava il Gio Gen 08 2015, 17:42

riporto quà quanto scritto in un altro forum
un comandante delle SS alla domanda del perchè di tante stragi apparentemente inspiegabili rispose che erano volute e portate a termine per scavare un solco di odio incolmabile tra la popolazione civile ed i militari tedeschi allo scopo di renderne praticamente impossibile la diserzione.
servivano a suo dire ad inculcare nelle truppe il terrore di finire vivi nelle mani dei civili.

visto e considerato che non c'è mai niente di nuovo sotto il sole...
avatar
airava

Messaggi : 462
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da Niques il Gio Gen 08 2015, 18:32

@Tommy the Cat ha scritto:Non è manco questione di migliore o peggiore alla fine secondo me, perché non stiamo parlando di massimi sistemi.
La nostra società la gestiamo come pare a noi, Europei, non come pare agli altri. Perciò gli islamici a cui non va a genio questa cosa possono tranquillamente andarsela a prendere nel culo nel deserto da cui provengono, non dobbiamo dare alcuna spiegazione a nessuno

Sono sicura che anche gli islamici pensano la stessa cosa. Non è che le ingerenze dell'Europa in arabiastan siano tanto più soft degli attacchi terroristici alle cioccolaterie o ai giornali satirici....
avatar
Niques

Messaggi : 1437
Data d'iscrizione : 19.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da Tommy the Cat il Gio Gen 08 2015, 18:54

Certamente, non sta a me dargli il diritto di lamentarsi e di fare quello che ritengono necessario per il proprio paese ed il proprio popolo. Però ritengo valga per tutti, noi compresi. Nel loro caso però, dal loro punto di vista, la causa è comunque di forza maggiore fondamentalmente.
Cioè, alla fine siamo noi una delle poche culture che cercano l'apertura, loro hanno ben chiaro che a casa loro decidono loro(almeno in principio)(uccisioni degli omosessuali, ecc..., indipendentemente da cosa pensiamo noi).
avatar
Tommy the Cat


Messaggi : 1566
Data d'iscrizione : 30.12.13

http://ateismoeliberta.forumattivo.eu

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da Niques il Gio Gen 08 2015, 19:29

@Tommy the Cat ha scritto:Certamente, non sta a me dargli il diritto di lamentarsi e di fare quello che ritengono necessario per il proprio paese ed il proprio popolo. Però ritengo valga per tutti, noi compresi. Nel loro caso però, dal loro punto di vista, la causa è comunque di forza maggiore fondamentalmente.
Cioè, alla fine siamo noi una delle poche culture che cercano l'apertura, loro hanno ben chiaro che a casa loro decidono loro(almeno in principio)(uccisioni degli omosessuali, ecc..., indipendentemente da cosa pensiamo noi).

Siamo anche quelli che li bombardano, però
avatar
Niques

Messaggi : 1437
Data d'iscrizione : 19.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da Tommy the Cat il Gio Gen 08 2015, 19:42

'Siamo' credo che sia una parola grossa visto che non mi è mai stato chiesto di decidere e non ho alcun controllo sulla questione, a differenza della mia mente e del sistema morale che scelgo.
In ogni caso trovo che il nostro bombardare sia sintomo della stessa forma mentis: quella globalista del volemose tutti bbene da una parte e della giustizia in casa degli altri dall'altra, quando ciò che fanno non è in sintonia con il nostro modo di pensare, i.e la scusa per 'esportare la democrazia'.
avatar
Tommy the Cat


Messaggi : 1566
Data d'iscrizione : 30.12.13

http://ateismoeliberta.forumattivo.eu

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da delfi68 il Gio Gen 08 2015, 19:59

da FB




Alessandro G. Un problema concreto è che nessuno e mai ha aperto un dibattito pubblico che tenda a ridurre le sacralità delle religioni e dei credo. Resta sempre la ridondanza di questa parola assurda "sacro" legato a dei immaginari a profeti improbabili a storiografie provatamente false, ad autori sconosciuti di sedicenti profeti o evangelisti.. Bisogna insegnare sulle precarietà dei contenuti sustanziali degli insegnamenti religiosi. Sento sempre ripetere la parola "sacro", "corano" "dio" ..nessuno che osi aprire un contenzioso sui contenuti e sulla storia delle religioni. Sulle prove, o mancanza di rove, sulle evidenti falsità, sugli evidenti ed espliciti richiami alla violenza contenuti nei cosiddetti libri sacri. Perchè non diciamo chiaramente che è una violenza imporre la lettura a memoria dell'intero corano a bambini di sette anni? ..perchè non chiariamo l'abuso di incapace nell'insegnare il catechismo di fatti inventati e provatamente falsi ai cresimandi e catecumeni dei nostri oratori?? ..le chiese insegnano ai bambini di tutto il mondo verità arbitrarie e false, insegnano la diversità basata su dogmi folli di vecchi accidiosi imam o preti ingolfati di supponenza e tracottanza dei loro convincimenti erronei e senza nessuna sostanza oggettiva.. Il risultato del proliferare di un abito mentale che rinchiude i nostri bambini nei racconti di vecchi o giovani prelati invasati è e sarà sempre l'ignoranza e la violenza. Le religioni non hanno mai portato un miglioramento etico delle società ma è sempre avvenuto il contrario! ..le religioni hanno sempre dovuto riciclarsi al seguito delle civilizzazioni delle società, pena lo scomparire o diventare, come sta accedendo VIOLENTE. ..di dio non v'è traccia, dei profeti non v'è prova, delle verità ecclesiastiche esistono solo confutazioni e mai conferme.. perchè non laviamo la macchca dell'ignoranza religiosa dalla lavagna delle nostre scuole?!
12 min · Mi piace

Alessandro G. L'anticlericalismo è un dovere, le chiese sono ricettacoli di cattivi insegnamenti, di storie truci di barbarie perpetrate nel nome di un dio inventato nell'interesse di questa o quella enclave di potere locale. Il corano la bibbia e i libri sacri trasudano storie inerarrabili di massacri e sofefrenze inflitte a nemici creati dalla stessa religione.
11 min · Mi piace

Alessandro G. La fede è un errore, la conoscenza invece un dovere. Fidarsi e credere è l'opposto dell'informarsi, verificare e crescere. Tutte le fedi, tutte le religioni sono un cancro per le società..e siamo ancora qui, nel ventunesimo secolo a dover sopportare uomini in sottana nera o in turbante, carnevalate sciamaniche che ottenebrano le menti deboli e dei bambini..
9 min · Mi piace

Lucia G. Condivido
9 min · Mi piace

Alessandro G. Quanta fatica facciamo queste sere a spiegare a mia figlia il significato di quello che sentiamo nei TG..come spiegare il significato della parola Dio, della frase Allah è Grande..fatico a spiegare chi è e cosa significa il papa che esorta e proclama..una lotta spiegare con parole semplici il parallelismo tra una chiesa e una moschea e del perchè la gente si accucci a terra a fare flessioni o si segni la fronte con le dita, perchè giungono le mani in preghiera e cosa sia una preghiera.. E' durissima crescere una figlia nella consapevolezza della realtà oggettiva della sustanzialità delle religioni e dei riti con modalità sciamanica e magica che vi si perpetra al loro interno.. Mi accorgo di vivere in una società in cui i nostri bambini sono già unti e bisunti di fantasticherie superstiziose di stampo ecclesiale.. E vi garantisco che è difficilissimo non definirli PAZZI, perchè agli occhi di un bambino ateo e non condizionato, alla fin fine, quei comportamenti assurdi si possono spiegare solo con la pazzia. E poi di fronte ai massacri di questa portata come negarlo? ..come giustificare le varie sfumature di pazzia e semplice plagio che soffre la massa che ci circonda?
3 min · Mi piace

Alessandro G. E' una lotta contro la follia collettiva che tenta di rapire i nostri figli con dogmi e verità fantasiose attraverso un'intero impianto sistematico che colpisce da ogni dove..dalla scuola, agli oratori, alle moschee agli sciamani in costume carnevalesco che si affacciano sulle nostre strade..
1 min · Mi piace

Alessandro G. Diciamolo ad ogni occasione! ..la religione è una fantasia di persone corrotte da convincimenti sbagliati! La parola "sacro" NON ha senso..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da alberto il Gio Gen 08 2015, 20:34

sigh... le parole che ripetiamo e ripetiamo e che non hanno eco.
avatar
alberto


Messaggi : 845
Data d'iscrizione : 31.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da airava il Gio Gen 08 2015, 21:30

@Niques ha scritto:

Siamo anche quelli che li bombardano, però
ma per redimerli mgreen
avatar
airava

Messaggi : 462
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: strage in nome dio

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 4 1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum