Ateismo e libertà
Benvenuto sul forum "Ateismo e libertà"

Per partecipare alle discussioni effettua il login. Non sei ancora iscritto? Registrati per iniziare a partecipare!

Cristianesimo e transgender

Andare in basso

Cristianesimo e transgender

Messaggio Da delfi68 il Gio Gen 01 2015, 14:26

Cristianesimo e trasgender..facile, transgender muore, cristianesimo no.

Una lettera d'addio che ci aiuta ad odiare con sincera libertà, ancor di più, questo beneamato cristianesimo del cazzo e i suoi stronzissimi adepti.

Mi viene da piangere a leggere robe come questa, poi mi vien voglia di prendere un Ak 47 e fare un po di sana e santa pulizia etnica, ma so che sarebbe un'altro modo di fargli vincere facile. Allora al posto del 7,62 nato, sputo veleno e non proiettili..

Buon 2015 cristiani di sto cazzo..

ATTENZIONE all'articolo di Yahoo, non c'è nessun riferimento alle frasi che la ragazza (lei era una ragazza! per se stessa e per me!) ha scritto a proposito del contesto cristiano in cui ha maturato il suicidio! ..brave merde pure quelli di yahoo..




https://it.notizie.yahoo.com/joshua-leelah-alcorn-transgender-suicidio-messaggio-su-tumblr-170417796.html

sotto una traduzione del post, che invece dice altro, sopratutto sull'amore cristiano..

dal suo suicide-note
http://lazerprincess.tumblr.com/post/106447705738/suicide-note


‘Se stai leggendo questa lettera, vuol dire che mi sono suicidata e, ovviamente, non sono riuscita a eliminare questo post dal mio sito. Per favore, non essere triste, era giusto così. La vita che avrei vissuto non era degna di essere vissuta … perché sono transgender. Potrei andare nei dettagli spiegando perché mi sento così, ma questa nota è destinata probabilmente ad essere già abbastanza lunga così com’è. Per dirla semplicemente, mi sento come una ragazza intrappolata nel corpo di un ragazzo, mi sento così da quando ho 4 anni. Non ho mai saputo che esisteva una parola per quella sensazione, non sapevo fosse possibile per un ragazzo diventare una ragazza, quindi non l’ho mai detto a nessuno e ho continuato a fare le cose tradizionalmente da “ragazzino”, per cercare di adattarmi. Quando avevo 14 anni ho imparato cosa significa transgender e ho pianto di felicità. Dopo 10 anni di confusione avevo finalmente capito chi ero. L’ho detto subito a mia madre e lei ha reagito molto negativamente, dicendomi che si trattava di una fase, che non avrei mai davvero voluto essere una ragazza, che Dio non fa errori, che avevo torto. Se stai leggendo questo, e sei genitore, ti prego di non dire questo ai tuoi figli. Anche se sei cristiano o sei contro le persone transgender non ditelo mai a nessuno, in particolare al vostro bambino. Mia madre ha cominciato a mandarmi da un terapeuta, solo terapeuti cristiani (che erano tutti molto di parte), quindi non ho mai realmente avuto la terapia di cui avevo bisogno per curarmi dalla mia depressione. Ho avuto solo più cristiani che mi dicevano quanto fossi egoista e sbagliata, e che avrei dovuto guardare a Dio per chiedere aiuto. A 16 anni ho compreso che i miei genitori non mi avrebbero mai accettato e che avrei dovuto aspettare fino ai 18 per cominciare la terapia di transizione. Questa percezione mi ha spezzato il cuore. Più aspetti, più risulta difficile cambiare sesso. Mi sentivo senza speranza, che sarei stata una travestita per il resto della mia vita. Il giorno del mio 16 ° compleanno, quando non ho ricevuto il consenso dai miei genitori per iniziare la transizione, sono andata a dormire in lacrime. Ho dato vita ad una sorta di atteggiamento “vaffanculo” verso di loro e ho fatto coming out come gay a scuola, pensando che sarebbe stato uno shock minore. Anche se la reazione dei miei amici è stata positiva i miei genitori si sono incazzati. Si sentivano come se stessi attaccando la loro immagine, un imbarazzo per loro. Volevano che io fossi il loro perfetto bambino etero e cristiano, cosa che io ovviamente non volevo essere. Così mi hanno tirato fuori dalla scuola pubblica, mi hanno portato via il computer portatile e il telefono, e mi hanno vietato di usare qualsiasi tipo di social media, isolandomi totalmente dai miei amici. Questa è stata probabilmente la parte della mia vita in cui sono stata più depressa, e sono sorpresa di non essermi ucciso. Sono stata completamente sola per 5 mesi. Senza amici, nessun supporto, senza amore. Alla fine dell’anno scolastico i miei genitori mi sono finalmente venuti incontro e e mi hanno dato il telefono, autorizzandomi a tornare sui social media. Ero emozionata, avevo finalmente riavuto i miei amici indietro. Loro erano estremamente entusiasti di vedermi e di parlarmi, ma solo in un primo momento. Alla fine si sono resi conto che in realtà non gliene fregava un cazzo di me, e mi sono sentita ancora più solo di quanto lo fossi prima. Dopo un’estate senza quasi più amici, più il peso di dover pensare all’università, risparmiare i soldi per andar via, mantenere i miei voti, andare in chiesa ogni settimana e sentirmi una merda perché tutti erano contro ciò per cui vivo, ho deciso. Ne avevo abbastanza. Non andrò mai incontro alla transizione. Non sarò mai felice con il mio aspetto. Non avrò mai abbastanza amici. Non avrò mai amore. Non troverò mai un uomo che mi ami. Non sarò mai felice. O vivo il resto della mia vita come un uomo solo che vorrebbe essere una donna, o vivo la mia vita come una donna odiata e sola. Non potrei comunque vincere. Non c’è via d’uscita. Sono già abbastanza triste, non ho bisogno che la mia vita peggiori. La gente dice “c’è sempre di meglio”, ma questo non è vero, non nel mio caso. C’è sempre di peggio. Ogni giorno ricevo il peggio. Per questo voglio uccidermi. Scusate se non è una ragione sufficiente per voi, ma lo è per me. Per quanto riguarda le mie ultime volontà, voglio che il 100% delle cose che possiedo sia venduto, e il denaro (più i miei soldi in banca) che sia dato ai movimenti dei diritti civili e ai gruppi di sostegno trans, non me ne frega un cazzo degli altri. Riposerò in pace soltanto se un giorno le persone transgender non verranno trattate come sono stata trattata, se verranno trattate come esseri umani, con sentimenti veri e diritti umani. Dobbiamo insegnare la transessualità e gli orientamenti di genere a scuola, il prima possibile. La mia morte deve avere un significato. Il mio suicidio deve essere sommato al numero delle persone transgender che si tolgono la vita. Voglio che qualcuno guardi quel numero e dica “è davvero pazzesco” e faccia qualcosa per cambiare. Cambiate la società. Vi prego. Arrivederci‘.

(Leelah) Josh Alcorn ha poi lasciato una seconda nota chiedendo scusa per il gesto compiuto alle sorelle e al fratello.
(Leelah) Josh Alcorn si è suicidato gettandosi sotto un camion, dopo aver camminato per circa 4 miglia lontano da casa, in Ohio.
La madre, Carla Alcorn, ha pubblicato un messaggio sulla sua pagina Facebook utilizzando queste parole: ‘Il mio dolce figlio di 16 anni, Joshua Ryan Alcorn, è andato in cielo questa mattina. Era fuori per una passeggiata mattutina ed è stato investito da un camion’.

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cristianesimo e transgender

Messaggio Da Fux il Ven Gen 02 2015, 13:37

Un bell'esempio pratico di "religione dell'amore"...

_________________
Il mio blog su ateismo e dintorni: https://ioateo.wordpress.com/

Fux


Messaggi : 7890
Data d'iscrizione : 02.01.14

https://ioateo.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cristianesimo e transgender

Messaggio Da primaverino il Ven Gen 02 2015, 15:11

@Fux ha scritto:Un bell'esempio pratico di "religione dell'amore"...

Un esempio pratico della difficoltà di molti (e non penso esclusivamente cristiani o credenti in senso lato) di accettare il diverso da sé.
avatar
primaverino


Messaggi : 1626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cristianesimo e transgender

Messaggio Da Fux il Ven Gen 02 2015, 15:21

Intanto una delle maggiori forze che contrastano i diritti delle persone "diverse" nel mondo è proprio la religione, e questo è un ottimo esempio della cosa.

_________________
Il mio blog su ateismo e dintorni: https://ioateo.wordpress.com/

Fux


Messaggi : 7890
Data d'iscrizione : 02.01.14

https://ioateo.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cristianesimo e transgender

Messaggio Da primaverino il Ven Gen 02 2015, 15:41

@Fux ha scritto:Intanto una delle maggiori forze che contrastano i diritti delle persone "diverse" nel mondo è proprio la religione, e questo è un ottimo esempio della cosa.

Se limiti il concetto di "mondo" a parte dell'Occidente ti do ragione.
Idem se parli di parte dell'Islam (che, perdona la solita ridondanza, non coincide col mondo arabo).
Se parli davvero di Mondo latu sensu, penso che ti sbagli.
Durante la Rivoluzione Culturale cinese, il puritanesimo comunista (del tutto antireligioso, peraltro) osteggiò apertamente ogni forma di devianza dalla normalità omologante.
Sotto Mao gli omosessuali furono duramente repressi e non mancarono nemmeno esecuzioni al riguardo.
Giusto per portare un esempio a caso di uno "staterello" che da solo fa il 15% dei bipedi senzienti sulla palla che chiamiamo "Terra".
Se al posto di questi disgraziati ci fossi stato io va' tranquillo che la tipa in questione non si sarebbe suicidata per causa mia e nemmeno del mio orientamento filosofico.
Cionondimeno (e senza offesa per i "diversi" a vario titolo) non puoi pretendere che l'avere un figlio gay o trans sia in cima agli aneliti di una coppia etero che generi prole.
La differenza (more solito) la fa la qualità delle persone. Quando per "persone" intendo "teste pensanti".
avatar
primaverino


Messaggi : 1626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cristianesimo e transgender

Messaggio Da Fux il Ven Gen 02 2015, 15:47

Perché, il comunismo non è una religione? #flame lookaround

_________________
Il mio blog su ateismo e dintorni: https://ioateo.wordpress.com/

Fux


Messaggi : 7890
Data d'iscrizione : 02.01.14

https://ioateo.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cristianesimo e transgender

Messaggio Da primaverino il Ven Gen 02 2015, 16:32

@Fux ha scritto:Perché, il comunismo non è una religione? #flame lookaround

Nessun comunista lo ammetterà mai. Ergo (per autodefinizione) no.
Se lo è, si tratta di una religione atea.
Eppure, persino su questo forum, il concetto di religioso-ateo non viene nemmeno preso in considerazione.
Molto più comodo distinguersi in "atei=razionalisti e illuminati progressisti" e "credini=senzacervello/appecorati/acritici/superstiziosi/"sottoSapiens"/retrogradi/oscurantisti/paurosi".
Talché ogni discorso relativo all'ateo "testa pensante" vs. "credino decerebrato/acritico/appecorato" (catto-cristianamente inteso) semplicemente non ha senso, come da anni sostengo, in quanto frutto di un preconcetto.
Esistono credenti col cervello (e loro omologhi atei) e credenti senza cervello (latu sensu) al pari di moltissimi noncredenti altrettanto caproneschi (con buona pace di chi si ritiene "élite perdente"...).

Resta assodato che la questione del figlio "diverso da te" rimane appannaggio genitoriale-interfamiliare e allora emergono le difficoltà del caso, dato che di parlare in pura teoria siamo tutti capaci ma poi se il problema da "generale" diventa "tuo" ti accorgi della difficoltà montante...
E a seconda della tua sensibilità personale gestisci (o tenti di gestire) la cosa.
Al netto delle belle teorie che hai in testa.
avatar
primaverino


Messaggi : 1626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cristianesimo e transgender

Messaggio Da delfi68 il Ven Gen 02 2015, 20:13

resta il fatto che crederai pure in dio, ma non sei un cattolico..oramai è assodato..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cristianesimo e transgender

Messaggio Da Fux il Ven Gen 02 2015, 21:59

@primaverino ha scritto:Eppure, persino su questo forum, il concetto di religioso-ateo non viene nemmeno preso in considerazione.
Molto più comodo distinguersi in "atei=razionalisti e illuminati progressisti" e "credini=senzacervello/appecorati/acritici/superstiziosi/"sottoSapiens"/retrogradi/oscurantisti/paurosi".
Talché ogni discorso relativo all'ateo "testa pensante" vs. "credino decerebrato/acritico/appecorato" (catto-cristianamente inteso) semplicemente non ha senso, come da anni sostengo, in quanto frutto di un preconcetto.
E dai, prim, lo sai che questo non è il mio pensiero. Guarda che non sei su AI e non stai discutendo con i Paoli. mgreen

Io stavo semplicemente dicendo che la religione è una delle forze principali che si oppongono ai diritti e al riconoscimento di chi è "diverso", e questo è innegabile. Non stavo parlando di te o dei singoli credenti.

_________________
Il mio blog su ateismo e dintorni: https://ioateo.wordpress.com/

Fux


Messaggi : 7890
Data d'iscrizione : 02.01.14

https://ioateo.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cristianesimo e transgender

Messaggio Da airava il Ven Gen 02 2015, 22:19

@Fux ha scritto:Perché, il comunismo non è una religione? #flame lookaround
è più religione l'ateismo.
per natura non escludo mai niente, l'unica certezza che ho è che non c'è niente di certo
avatar
airava

Messaggi : 462
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cristianesimo e transgender

Messaggio Da Fux il Ven Gen 02 2015, 22:21

@airava ha scritto:è più religione l'ateismo.
uaah Qui il flame potrebbe partire davvero! clown Apri un thread apposito? mgreen

_________________
Il mio blog su ateismo e dintorni: https://ioateo.wordpress.com/

Fux


Messaggi : 7890
Data d'iscrizione : 02.01.14

https://ioateo.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cristianesimo e transgender

Messaggio Da airava il Ven Gen 02 2015, 23:23

si...... può........ fareeeeeee!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
mgreen
avatar
airava

Messaggi : 462
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cristianesimo e transgender

Messaggio Da delfi68 il Sab Gen 03 2015, 02:16

@airava ha scritto:
@Fux ha scritto:Perché, il comunismo non è una religione? #flame lookaround
è più religione l'ateismo.
per natura  non escludo mai niente, l'unica certezza che  ho è che  non c'è niente di certo

quindi assumiamo pure che è possibile che ci sia una teiera orbitante attorno a Giove..

Avaria, diobono..io capisco la situazione, ma Possibilità, Probabilità e Plausibilità NON vogliono dire tutte e tre la stessa cosa..

ci sono cose possibili ma NON plausibili.. oppure Plausibili ma non probabili o plausibili, probabili e possibili e via dicendo..

Un dio, apparte il paradosso intrinseco del dio onnipotente, paradosso che azzera perfino la possibilità..dio, dicevo è possibile (solo se non onnipotente!) ma implausibile e improbabile. Oltre che ingiustificato da qualsiasi evidenza di verifica appena ci si spinge appena oltre la punta del naso e delle superstizioni..(per non dire paure)

Tutto è possibile..anche che la merda sappia di menta..ma..  eccetera eccetera..

L'ateismo NON è una religione, è semplicemente un ricorso alla logica e alla razionalità. Se ricorrere alla logica e alla razionalità per formarsi una posizione sostenibile con argomenti vincenti all'analisi matematica significa "religione" allora stiamo scadendo nel sofismo becero classico dei credenti e delle loro difese ridicole di concetti irrazionali e illogici..

Il problema NON è essere ateo a seguito di un ragionamento che segue un processo logico, sostenuto da chiarezze scientifiche e matematiche, il problema è essere credente! ..ossia cancellare la logica e aggrapparsi alle speranze a dispetto delle evidenze..

Sono i medici che salvano le vite, sono le motovedette che salvano i naufraghi, sono le botte di culo che ti scampano dal soffitto della basilica che crolla in testa al parrocco..(asti, cit.)

Dio è una fumosità irrazionale dell'origine della filogenia sapiens dotata di mente "intenzionale" e null'altro..siamo portati a vedere e concepire un'intenzionalità intrinseca nei fenomeni e poi negli esseri viventi che sia indipendente dai corpi o dagli oggetti (anime), ma è difficile accettare che DIO sia solo questo..solo questa devianza minusvalente della nostra mente ancestrale..ma è cosi. Lo dicono i FATTI, non le teorie strampalate come sono strampalate quelle a sostegno di dei assurdi e impossibili..

poi ci si mette di mezzo la paura della morte..et voilà, in bocca ai preti senza fiatare..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cristianesimo e transgender

Messaggio Da delfi68 il Sab Gen 03 2015, 02:25

@airava ha scritto:
@Fux ha scritto:Perché, il comunismo non è una religione? #flame lookaround
è più religione l'ateismo.
per natura  non escludo mai niente, l'unica certezza che  ho è che  non c'è niente di certo

per natura non escludo niente, l'unica certezza che ho è che alcune cose sono certe, altre no, altre false..sta solo di dotarmi di abbastanza conoscenze per riuscire a distinguerle..il più delle volte.

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cristianesimo e transgender

Messaggio Da quovadis il Mar Feb 03 2015, 17:25

@delfi68 ha scritto:

Dio è una fumosità irrazionale dell'origine della filogenia sapiens dotata di mente "intenzionale" e null'altro..siamo portati a vedere e concepire un'intenzionalità intrinseca nei fenomeni e poi negli esseri viventi che sia indipendente dai corpi o dagli oggetti (anime), ma è difficile accettare che DIO sia solo questo..solo questa devianza minusvalente della nostra mente ancestrale..ma è cosi. Lo dicono i FATTI, non le teorie strampalate come sono strampalate quelle a sostegno di dei assurdi e impossibili..

Un po’ complicato per me (credente) cogliere il senso dell’asserita minusvalenza figlia di questa percezione noematica smaltata di vago fulgore Husserliano addossata al credente ontologicamente tarato
Detta spiccia, da ateo a credente, mi consideri un sapiens un poco meno dotato?

sine contentio  sorriso
avatar
quovadis

Messaggi : 117
Data d'iscrizione : 16.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cristianesimo e transgender

Messaggio Da delfi68 il Mer Feb 25 2015, 23:07

Sarò sincero.

divido i credenti in due tipi, uno è stato semplicemente educato alla credenza, ma se viene introdotto alla logica matematica e alle scienze e al suo metodo, riesce a sviluppare una critica sul rapporto tra se e la sua credenza.
un'altro tipo invece è quello che può essere dotato di tutta la libreria del sapere e della cultura ma rifiuta ad ogni costo di applicare la logica razionale nel formulare delle domande sulla sustanzialità della credenza in cui crede.

la maggioranza dei credenti non è che non vuole fare ragionamenti oggettivi sui paradossi e sulle implausibilità o plausibilità del credere in un dio, in generale, ma sopratutto in una teologia in particolare: costoro NON POSSONO!

indipendentemente che venga illustrato il paradosso della divinità onnipotente in termini logici, essi rifiutano in modo imprescindibile di procedere, di conseguenza alle ulteriori analisi del concetto di divinità e poi di religione.

questa impossibilità, sarò sincero lo avevo premesso, secondo me dipende da un vincolo genetico e non culturale.

credo che sia lecito supporre, vista l'assurdità di un intellettuale o di un dotto di non poter il divino e il religioso usando i suoi mezzi di dotazione intellettuale, che ciò dipenda da un emergenza epigenetica. Essi NON POSSONO eradicare un pensiero religioso e di accettazione del divino, poichè la loro mente non è "cablata" per questa operazione.

Non trovo altre possibili spiegazioni di fronte ad una persona capace di analisi matematica e logica su tutto fuorchè su dio e la religione. dev'esserci un motivo profondo se un credente non affronta una critica al concetto di dio rifiutandosi il "processo ragionativo". Quando dite: questione di fede, state solamente abdicando a ben più che alla ragione, ma state facendo emergere una particolarità  specifica: l'impossibilità di procedere a un'elaborazione ragionativa che invece dovrebbe essere LA PRIMA e più importante elaborazione ragionativa: cazzo, parliamo di DIO e della vita eterna!! mica di calcio o neuroscienze!

vedi per me dio e la vita eterna erano cosi importanti e capitali che HO DOVUTO assolutamente saperne di più e affrontare ogni risposta, altro che non porsi domande adducendo a un atto di fede!..ma scherziamo!!..dio e la vita eterna???..ma è la cosa più importante in assoluto da chiarire.

vero è, che se lo fai, se chiarisci..smetti di credere, dapprima nelle religioni, e poi al concetto stesso di divinità. Accetti forse forse un ipotetico architetto o artefice di un "esperimento umanità"

ma nulla paragonabile a un dio è plausibile, e mi riferisco al dio dagli attributi supermaxi, ai superpoteri infiniti di dio.

ma sopratutto è impossibile la vita eterna..e me ne dispiace tantissimo, non sai quanto ci tenevo a sta cosa..purtroppo se chiedi ti verrà risposto. Cosa sei, come sei fatto, come nasci e come muori. Solo il come vivere dipende, in minima parte da noi stessi, e purtroppo grandemente dalla nostra programmazione (evoluzione-selezione) genetica. I credenti irriducibili infatti dipendono, secondo me, da un vincolo genetico, nessun ragionamento o informazione li smuove dal divieto di indagare sul concetto di dio (NON SU DIO, ma sul concetto di dio)

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cristianesimo e transgender

Messaggio Da quovadis il Ven Feb 27 2015, 15:50

@delfi68 ha scritto: Sarò sincero.
Come constato da sempre, dacché ti leggo.

@delfi68 ha scritto:
...
la maggioranza dei credenti non è che non vuole fare ragionamenti oggettivi sui paradossi e sulle implausibilità o plausibilità del credere in un dio, in generale, ma sopratutto in una teologia in particolare: costoro NON POSSONO!
...questa impossibilità, sarò sincero lo avevo premesso, secondo me dipende da un vincolo genetico e non culturale.
...Non trovo altre possibili spiegazioni di fronte ad una persona capace di analisi matematica e logica su tutto fuorchè su dio e la religione.

In effetti…
Diversamente, i credenti in questo o quel dio dovrebbero “tendenzialmente” essere più inclini a credere a qualsiasi cosa gli si racconti , dagli oroscopi alle alghe di Vanna Marchi, rispetto a chi non crede in alcuna Intelligenza superiore. Nondimeno dovremmo evidenziare l’estensione di tare alla capacità di analisi logico e matematico dei credenti su un piano più generale e non circoscritte ai soli processi di indagine speculativa sul proprio dio.



@delfi68 ha scritto:
Cosa sei, come sei fatto, come nasci e come muori. Solo il come vivere dipende, in minima parte da noi stessi, e purtroppo grandemente dalla nostra programmazione (evoluzione-selezione) genetica.

vado a copiaincollare Einstein

"La scienza contrariamente ad un'opinione diffusa, non elimina Dio. La fisica deve addirittura perseguitare finalità teologiche, poichè deve proporsi non solo di sapere com'è la natura, ma anche di sapere perchè la natura è così e non in un'altra maniera, con l'intento di arrivare a capire se Dio avesse davanti a sè altre scelte quando creò il mondo" (Holdon, The Advancemente of Science and Its Burdens, Cambridge University Press, New York 1986)

@delfi68 ha scritto:
dev'esserci un motivo profondo se un credente non affronta una critica al concetto di dio rifiutandosi il "processo ragionativo". Quando dite: questione di fede, state solamente abdicando a ben più che alla ragione, ma state facendo emergere una particolarità  specifica: l'impossibilità di procedere a un'elaborazione ragionativa che invece dovrebbe essere LA PRIMA e più importante elaborazione ragionativa: cazzo, parliamo di DIO e della vita eterna!! mica di calcio o neuroscienze!
l’elaborazione “ragionativa”, il primo e più importante strumento di indagine, non è l'unico strumento, né è sempre il più adeguato per ogni esigenza  

copiaicollo bis  

"Nelle leggi della natura si rivela una ragione così superiore che tutta la razionalità del pensiero e degli ordinamenti umani è al confronto un riflesso assolutamente insignificante. Qual è il senso della nostra esistenza, qual è il significato dell'esistenza di tutti gli esseri viventi in generale? Il saper rispondere a una siffatta domanda significa avere sentimenti religiosi. Voi direte: ma ha dunque un senso porre questa domanda. Io vi rispondo: chiunque crede che la sua propria vita e quella dei suoi simili sia priva di significato è non soltanto infelice, ma appena capace di vivere".  (Albert Einstein, Religione e scienza, 1930)

@delfi68 ha scritto:
vedi per me dio e la vita eterna erano cosi importanti e capitali che HO DOVUTO assolutamente saperne di più
Quanto di più?

ter
"... Noi siamo nella situazione di un bambino che è entrato in una immensa biblioteca piena di libri scritti in molte lingue. Il bambino sa che qualcuno deve aver scritto quei libri, ma non sa come e non conosce le lingue in cui sono stati scritti. Sospetta però che vi sia un misterioso ordine nella disposizione dei volumi, ma non sa quale sia. Questa mi sembra la situazione dell’essere umano, anche il più intelligente, di fronte a Dio. La convinzione profondamente appassionante della presenza di un superiore potere razionale, che si rivela nell’incomprensibile universo, fonda la mia idea su Dio".  (Einstein: His Life and Universe, Simon e Schuster,)

"Ciò che veramente mi interessa è se Dio avesse potuto fare il mondo in una maniera differente, cioè se la necessità di semplicità logica lasci qualche libertà".(S. W. Hawking e W. Israel, Einstein. A Centenary Volume, Cambridge University Press 1987)

Nemmeno Einstein sembra saper spiegare granché, anche se spende molte parole.
"Gli atei fanatici sono come schiavi che ancora sentono il peso delle catene dalle quali si sono liberati dopo una lunga lotta. Essi sono creature che - nel loro rancore contro le religioni tradizionali come 'oppio delle masse' - non posso sentire la musica delle sfere".
(Isaacson, Einstein: His Life and Universe, Simon e Schuster 2008)

Qui parla pure di musica delle sfere(?) , denuncia i nostri limiti e la nostra piccolezza.

Insomma siamo solo uomini, puntini ciechi dentro la pancia dell'universo, ma non dice nulla che possa aiutarci a spiegare il concetto di dio. E così anche lui elude il processo ragionativo proprio come fanno la maggior parte dei credenti.

avatar
quovadis

Messaggi : 117
Data d'iscrizione : 16.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cristianesimo e transgender

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum