Ateismo e libertà
Benvenuto sul forum "Ateismo e libertà"

Per partecipare alle discussioni effettua il login. Non sei ancora iscritto? Registrati per iniziare a partecipare!

Valutazione oggettiva dell'eternità relativa

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Valutazione oggettiva dell'eternità relativa

Messaggio Da SergioAD il Ven Ott 31 2014, 07:06

Si può affermare che l'eternità è relativa? Sapreste sostenerlo oppure contraddirlo?

Le condizioni a contorno da cui è venuto fuori questo tema sono:

1. Sono in uno stato melancolico del noioso annoiato;

2. Non vedo l'ora di lasciare l'Italia;

3. Ho sognato che cercavo il cesso in ufficio -

3a. Strano perché normalmente sogno di defecare in pubblico senza imbarazzo come se stessi in un'altra dimensione;

3b. Avevo Dhabi al guinzaglio è non volevo portarla nel cesso;

3c. Allora è apparso mio nipote e così gli ho dato il cane prima di entrare;

Poi mi sono svegliato e ho pensato alla valutazione oggettiva dell'eternità relativa.

SergioAD

Messaggi : 875
Data d'iscrizione : 06.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Valutazione oggettiva dell'eternità relativa

Messaggio Da altroita il Ven Ott 31 2014, 07:54

Minchia 'bro se porto il cucchiaino ce la spariamo insieme... share it my friend! Nel terzo millennio siamo tutti social!
Visto il punto 1, comunque, consiglio un film VonTrieresco così da tirarti su. (e poi giù veloce senza toccare il pavimento)
Punto 2 te lo appoggio.
Punto 3 ce l'ho, anzi mò lo uso pure, prima che arrivi il mio collega e senza puzzo di bambini in putrefazione.
Punto 3a mi si ghiaccia il culo.
Punto 3b eh no, il cane al cesso no... loro hanno un olfatto 1000 volte più sviluppato del nostro, potrebbe essere l'ultimo luogo che vede.
3c. Nulla da eccepire.
Conclusione: la cacca è relativamente infinita, finchè ci saranno abbastanza culi (umani o no) nell'universo.
p.s. se il tempo è relativo, l'eternità è relativa. L'oggettività appartiene solo a YHW.
avatar
altroita

Messaggi : 195
Data d'iscrizione : 09.06.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Valutazione oggettiva dell'eternità relativa

Messaggio Da SergioAD il Ven Ott 31 2014, 09:05

LSD, leccare francobolli, niente cucchiaini.

Il cane (cagna) nel cesso lede la privacy di più degli umani per qualche legge sociale diciamo di civiltà. Il sogno penso che lo dimostri scavando al di sotto degli stati della coscienza.

Si lo so, il guaio è la mia allucinazione di stupefacenti endocrini. Voglio dire che quando l'effetto diminuisce non saprei cosa tirare... si lo so cosa si tira al cesso oltre la catena.

In attesa di qualche altro eventuale intervento in risposta ai miei contorni di merda, che con me l'utenza è appunto un po' stitica perdio vado al post scriptum o scrotum...

Esistono dei concetti in cui lo spazio tempo è definito pressoché nullo, si lo so che quel pressoché pesa molto ma per esempio quello che resta di una supernova tipo "Ia" è niente - puffete - Allora per noi il tempo scorre, grande o piccolo infiniti? Quale altro punto di osservazione c'è?

Ho il cesso intasato! Che forza di socializzazione che ha la merda! Un giorno dobbiamo parlarne, per le donne è un po' diverso - credo di sapere perché.

altroita ha scritto:Minchia 'bro se porto il cucchiaino ce la spariamo insieme... share it my friend! Nel terzo millennio siamo tutti social!
Visto il punto 1, comunque, consiglio un film VonTrieresco così da tirarti su. (e poi giù veloce senza toccare il pavimento)
Punto 2 te lo appoggio.
Punto 3 ce l'ho, anzi mò lo uso pure, prima che arrivi il mio collega e senza puzzo di bambini in putrefazione.
Punto 3a mi si ghiaccia il culo.
Punto 3b eh no, il cane al cesso no... loro hanno un olfatto 1000 volte più sviluppato del nostro, potrebbe essere l'ultimo luogo che vede.
3c. Nulla da eccepire.
Conclusione: la cacca è relativamente infinita, finchè ci saranno abbastanza culi (umani o no) nell'universo.
p.s. se il tempo è relativo, l'eternità è relativa. L'oggettività appartiene solo a YHW.

SergioAD

Messaggi : 875
Data d'iscrizione : 06.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Valutazione oggettiva dell'eternità relativa

Messaggio Da Avalon il Ven Ott 31 2014, 20:19

Io sono sempre al cesso col gatto, che si piazza nel bidè e: osserva - toglie il tappo e smanazza nel buco - miagola perché non ho ancora finito - miagola perché vuole che apro il rubinetto così può giocare con l'acqua - miagola e basta - rompe alquanto le palle.
Comunque sì, quanto un infinito sia infinito è relativo ad altri infiniti.
Ma un cane in bagno con me non ce lo voglio.

_________________
Adesso sono un pirata.
Un pirata è tenerezza che esplode fiera,
è giustizia incompresa, è amore sconsolato,
è lottare,
è solitudine condivisa,
è navigare senza mai porto, è perenne tormenta,
è possesso sempre insoddisfatto,
è senza riposo.

El Sup
avatar
Avalon


Messaggi : 2454
Data d'iscrizione : 30.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Valutazione oggettiva dell'eternità relativa

Messaggio Da SergioAD il Ven Ott 31 2014, 20:42

Avalon ha scritto:...
Comunque sì, quanto un infinito sia infinito è relativo ad altri infiniti.
Ma un cane in bagno con me non ce lo voglio.

...quanto un infinito sia infinito è relativo ad altri infiniti?

Ma un cane in bagno con noi non lo vogliamo forse perché facciamo parte dello stesso branco e sono irruenti, a me salta in braccio, infila il muso dappertutto, non posso spogliarmi senza che devo correre a nascondermi, grandi dimostrazioni di affetto - come si fa a non stare separati in certi momenti? Non posso abbracciare nessuno che vuole partecipare.

SergioAD

Messaggi : 875
Data d'iscrizione : 06.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Valutazione oggettiva dell'eternità relativa

Messaggio Da Avalon il Ven Ott 31 2014, 20:46

Ad altri infiniti, ovvero: vi sono infiniti di ordine diverso, un infinito tende a infinito più velocemente, e via dicendo mgreen


_________________
Adesso sono un pirata.
Un pirata è tenerezza che esplode fiera,
è giustizia incompresa, è amore sconsolato,
è lottare,
è solitudine condivisa,
è navigare senza mai porto, è perenne tormenta,
è possesso sempre insoddisfatto,
è senza riposo.

El Sup
avatar
Avalon


Messaggi : 2454
Data d'iscrizione : 30.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Valutazione oggettiva dell'eternità relativa

Messaggio Da SergioAD il Ven Ott 31 2014, 21:28

Cosi metti le cose a posto, nel loro contesto e pure con la faccina verde.

Sopratutto quando "tendi", certo, diventa valore trascurabile e che si sposta - questo sarebbe stato il tema che avevo proposto altrove.

Da Parmenide esiste un legame definito Neoparmenidismo con la relativita' einsteiniana ma noi si va nel mondo pratico e prendo in prestito dei ragionamenti tecnici -

Quando facciamo dei calcoli per gestire decine di centimetri consideriamo nulli gli errori sotto i cinque millimetri cosi come quelli sopra, li consideriamo "troppi", ovvero infinitesimamente piccolo e grande.

Ma ancora più vero, per definizione, è non avere cognizione di quello che si trova oltre la nostra conoscenza - quello che si trova oltre la tangente della sfera di cognizione è il limite del nostro sapere ovvero è propriamente intangibile.

Dico che possiamo estrapolare dove esistono delle misure che sappiamo valutare come l'universo osservabile sulla velocità della luce ma le cose mai osservate prima sono fuori e concettualmente sono temporaneamente associabili all'infinito.

Abituati a valutare le cose meglio quando ci servono allora anche alcune considerazioni riferite ad esse diciamo che sono relative. Quindi intorno a questi "frammenti" l'eventuale valutazione dell'infinito, come ho detto sopra, va bene se anch'esso venga considerato relativo.

Il termine infinito così come ce lo hanno insegnato esiste solo nell'ambito della fede, credenza, altrimenti non esiste ed è infinito in tale senso.

Quando dico frammenti di realtà intendo valutazioni specifiche, addirittura all'interno di sottospecie di insiemi. I sensori che catturano la realtà, inclusi quelli nostri, hanno diversi errori di misura. Questo significa anche che la realtà essa stessa è rappresentata, non è mai elaborata nel tempo che essa accade ma con un tempo di elaborazione.

Oggi sappiamo che la realtà così è una illusione, non significa falsa ma, viene osservata e con diversi errori di misura elaborata e riconosciuta con diversi tempi di latenza e pertanto capita con più o meno distorsioni.

Ci si accorge di questo quando si deve lavorare con gli oggetti reali e costruire uno scenario con dei simboli che devono rappresentare questi oggetti mentre essi si muovono e condizionano le operazioni da fare su di loro.

Posso dire che l'infinito non esiste senza che nessuno possa dimostrare l'incontrario difatti una delle possibili definizioni è connessa al relativismo e nella fattispecie sarebbe l'infinito relativo a tutto ciò che è tangibile, nei termini di grandezze sproporzionate messe a confronto.

Guarda la definizione di cielo - Spazio siderale percepibile, di colore variabile a causa dell'atmosfera terrestre. Be' oggi sappiamo che questo cielo "percepito" non è infinito. Molte cose sono variate...

SergioAD

Messaggi : 875
Data d'iscrizione : 06.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Valutazione oggettiva dell'eternità relativa

Messaggio Da silvio il Ven Ott 31 2014, 23:40

SergioAD ha scritto:
Ma ancora più vero, per definizione, è non avere cognizione di quello che si trova oltre la nostra conoscenza - quello che si trova oltre la tangente della sfera di cognizione è il limite del nostro sapere ovvero è propriamente intangibile.

Il termine infinito così come ce lo hanno insegnato esiste solo nell'ambito della fede, credenza, altrimenti non esiste ed è infinito in tale senso.

Oggi sappiamo che la realtà così è una illusione, non significa falsa ma, viene osservata e con diversi errori di misura elaborata e riconosciuta con diversi tempi di latenza e pertanto capita con più o meno distorsioni.

Guarda la definizione di cielo - Spazio siderale percepibile, di colore variabile a causa dell'atmosfera terrestre. Be' oggi sappiamo che questo cielo "percepito" non è infinito. Molte cose sono variate...

Noi pensiamo troppo e non rimaniamo a terra (terra terra) se non siamo capaci di concepire o raffigurarci una dimensione senza fine è un limite nostro, ma in fondo che c'è frega ?

avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Valutazione oggettiva dell'eternità relativa

Messaggio Da SergioAD il Sab Nov 01 2014, 00:15

Concepire, immaginare come credere è diverso rispetto a concepire, immaginare attraverso le misure. Inoltre, le misure stesse vanno rielaborate per recuperare le latenze in modo tale da rappresentarle il più vicino alla realtà e si tratta di fare delle stime su predizioni.

Figurati se si tratta della prima osservazione e peggio quando nemmeno quella esiste. Niente prima misura niente posizione, niente seconda misura niente spazio, niente terza misura niente accelerazione. Man mano che si rivela l'infinito si riduce ma poi si sposta.

SergioAD

Messaggi : 875
Data d'iscrizione : 06.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Valutazione oggettiva dell'eternità relativa

Messaggio Da Avalon il Sab Nov 01 2014, 07:12

Sergio, parliamo di infinito fisico o matematico? Perché la dimostrazione che i numeri (naturali, e.g.) sono infiniti c'è eccome.

_________________
Adesso sono un pirata.
Un pirata è tenerezza che esplode fiera,
è giustizia incompresa, è amore sconsolato,
è lottare,
è solitudine condivisa,
è navigare senza mai porto, è perenne tormenta,
è possesso sempre insoddisfatto,
è senza riposo.

El Sup
avatar
Avalon


Messaggi : 2454
Data d'iscrizione : 30.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Valutazione oggettiva dell'eternità relativa

Messaggio Da SergioAD il Sab Nov 01 2014, 07:57

L'infinito matematico, come concetto di equilibrio, periodicità e rapporto contiene lo stato di eternità innegabile e dimostrabile. Anche il PC va, si dice, in loop stretto e si "impalla" che devi spegnere e riaccenderlo e anche se non ho pensato a fondo sono eternità che dovrebbero cadere in relazione all'evento che le sostiene.

L'eternità degli strumenti è relativa, la matematica è un linguaggio uno strumento; // questo è per misura

Lo sai che per me la matematica sta all'ingegneria come la teoria pura sta alla realtà verificata? Come dire un matematico con la testa da ingegnere batte l'ingegnere con la testa da matematico per il senso di praticità che viene a mancare al secondo. Parlo di discipline non titoli di studio.

SergioAD

Messaggi : 875
Data d'iscrizione : 06.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Valutazione oggettiva dell'eternità relativa

Messaggio Da Avalon il Sab Nov 01 2014, 14:14

Lo stesso per me, Sergio: vale la medesima proporzione. Anzi... perché credi che la quasi totalità dei miei amori siano ingegneri?! mgreen
Eppure quella forma mentale combinata, con l'aggiunta di una fortissima cultura umanistica classica, l'ho trovata solo nell'ingegnere - pardon l'OT, è che lui è il mio infinito cuori

_________________
Adesso sono un pirata.
Un pirata è tenerezza che esplode fiera,
è giustizia incompresa, è amore sconsolato,
è lottare,
è solitudine condivisa,
è navigare senza mai porto, è perenne tormenta,
è possesso sempre insoddisfatto,
è senza riposo.

El Sup
avatar
Avalon


Messaggi : 2454
Data d'iscrizione : 30.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Valutazione oggettiva dell'eternità relativa

Messaggio Da silvio il Sab Nov 01 2014, 15:03

Quando dimentico chi sono, annullo il mio nome, mi cancello nell'oblio , sento un po di eternità, muta e immobile.
avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Valutazione oggettiva dell'eternità relativa

Messaggio Da Psyre il Lun Nov 03 2014, 10:50

è da tanto che l'"andare in bagno" è stato da me translato in "andare a riflettere sui problemi dell'universo"

l'eternità, come da definizione, è assoluta, pertanto, fittizia rapportata alla realtà degli eventi
la realtà si accontenta di averne molte, tutte esclusivamente e squisitamente relative
stosveglio
avatar
Psyre

Messaggi : 403
Data d'iscrizione : 26.06.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Valutazione oggettiva dell'eternità relativa

Messaggio Da SergioAD il Mar Nov 04 2014, 11:43

Psyre ha scritto:è da tanto che l'"andare in bagno" è stato da me translato in "andare a riflettere sui problemi dell'universo"

l'eternità, come da definizione, è assoluta, pertanto, fittizia rapportata alla realtà degli eventi
la realtà si accontenta di averne molte, tutte esclusivamente e squisitamente relative
stosveglio  
Io al bagno porto la tastiera, la chitarra, il laptop o se mi trovo senza niente allora leggo le etichette dei prodotti e c'è perfino un bollitore, te, camomilla, karkadè, caffè e latte in polvere che abbiamo levato dalla toeletta perché c'arriva il cane che sta dappertutto.

L'eternità è stata definita assoluta da chi aveva definito la terra piatta; come chiedersi se agape, philia ed eros non siano la stessa cosa; e perfino se il legame tra questi tre con l'andare nel bagno non sia più forte di quello che sembra. Le definizioni non sono eterne.

La tua giusta conclusione, non perché sono d'accordo con te e lo sono ma, perché oggettivamente le cose che sono state associate all'eternità sono racconti di leggende, poesie o ragionamenti astratti e fa dire che sono "tutte esclusivamente e squisitamente relative"

Ero stato lasciato senza più risposte quando parlammo dei livelli di civiltà tipo, dei ragionamento di Kaku, di Spinoza, iniziato in questo collegamento per dire che anche la fisica teorica cade all'interno della valutazione soggettiva quando essa non può essere oggettiva.

SergioAD

Messaggi : 875
Data d'iscrizione : 06.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Valutazione oggettiva dell'eternità relativa

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum