Ateismo e libertà
Benvenuto sul forum "Ateismo e libertà"

Per partecipare alle discussioni effettua il login. Non sei ancora iscritto? Registrati per iniziare a partecipare!

La par condicio nella scienza non esiste

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La par condicio nella scienza non esiste

Messaggio Da Fux il Sab Lug 19 2014, 18:02

La par condicio nella scienza non esiste: facciamocene una ragione

Non fate dibattiti aperti e chiamate solo le voci della (…) scienza ufficiale.
Se fai la giornalista scientifica, capita che tu ti metta nei guai per una cosa che, se fai la giornalista scientifica, è ovvia. Cioè sì: chiamo solo le voci della scienza ufficiale.
Perché dovrei far finta che l’oroscopo e astrusità dichiaratamente fuori da ogni crisma del metodo scientifico siano scienza? Sarei onesta se intavolassi un dibattito tra un medico e un sostenitore della qualcosaterapia o tra un fisico particellare e un prete? Sarei onesta se contrapponessi a una pubblicazione scientifica un opuscolo pieno di voci, di si dice, del semprevalido è sotto gli occhi di tutti e di vaghezze di questo tipo?
Non credo.
Eppure in Italia vige da tempo l’idea che, per ogni cosa, ci debbano essere due campane.
La chiamiamo par condicio ed è il letto di Procuste di ogni dibattito pubblico.
Il problema è che la par condicio comporta la rinuncia alla competenza. E la rinuncia alla competenza è una falsa libertà.
Perché chiede di far finta di credere che l’opinione di uno che di mestiere studia, da anni, e magari con fondi pubblici, una cosa che è importante studiare, valga quanto l’opinione, magari carica di emotività e di preoccupazioni, di qualcuno che porta come prova il si vede benissimo e che come fonte ha Google, il vicino di casa o il best-seller di un famoso truffatore (magari medico, perché non mancano mai i truffatori medici).
Diventa in fretta anche il pensare che quello di cui sopra che lavora con fondi pubblici debba essere messo a discutere con quello che lavora per il proprio interesse, per dire, perché (magari anche legittimamente, eh) fa profitti con un business in qualche modo collegabile a quella ricerca, e magari per qualche euristica tutta nostra si colloca all’opposto dello spettro dello scienziato ufficiale.
Intendo. Anche le cose che decidiamo essere buone si comprano e si vendono, e qualcuno ci guadagna. Perciò, anche se abbiamo deciso che quelle sono cose buonissime, non dovremmo chiedere che nel dibattito scientifico a quello di cui sopra che studia con fondi pubblici si contrapponga il produttore di bontà. Perché se anche le competenze sono simili è ovvio che gli interessi sono diversi.
Quindi le tre voci (quella di chi studia per la collettività, quella di chi non studia ma ha voglia di parlare, e quella di chi studia, semmai, per sé) non possono avere la stessa dignità. Non c’è par condicio che tenga, qui.
Poi ci sono le situazioni in cui si trovano competenze da entrambe le parti.
Onestamente, non è mai 50% e 50%: il più delle volte è 90% a 10%, a essere generosi, e comunque nella scienza non ci sono mai guelfi e ghibellini, per fortuna, e le cose sono sempre più articolate e dialettiche di due percentuali.
Ma per chi ti accusa di non chiamare le due campane questo non conta. Le campane sono due, devono essere due, e devono suonare in maniera diversa.
Lì si fa più difficile: se fai il giornalista, e non sei anche botanico, non hai una posizione su un tema, appunto, botanico. E ti affidi al botanico per la ragione delle competenze di cui sopra.
Ma se fai il giornalista scientifico sai anche che i botanici non sono tutti uguali. Ed è ovvio che devi fare una scelta. Sta alla tua professionalità e alla tua etica quella di fare questa scelta usando gli strumenti più adatti a un dibattito scientifico (strumenti che esistono e sono oggettivi).
Infine ci sono le situazioni in cui tu sei lì, a spiegare tutto questo, a difenderti dall’accusa di faziosità mossa da un gruppo di manichei, e ti trovi a ricevere una selva di insulti.
Va bene, ci si fa il callo. Alle volte non sono nemmeno insulti, e poi non è detto che vergogna! lo sia. Ma perché tanta animosità?
Mi è successo stamani, parlando alla radio di come costruiamo, alla radio, i dibattiti sui temi controversi, tipo gli Ogm. Sì, ho detto Ogm. E so già che qui ci sarà qualcuno pronto a scrivere qui sotto che sono venduta alle multinazionale dei semini. Ma non sprecate tempo: sareste i 435042953esimi a dirmi questa baggianata. A me non mi paga nessuno, proprio nessuno (ma questo è un piccolo dramma personale su cui non mi dilungherò).
Comunque, che vi abbia convinti o no, sappiate che anche dalla buriana di stamani sono uscita viva.
Tra i tanti commenti alla storia, vi riporto quello della collega di esperienza che mi ha detto: Però, sei brava… Dovresti farlo di mestiere! La Sansebastiana, intende.
E quello mio che è scappato dalle mie dita. È successo quando l’anonima ascoltatrice mi ha scritto per dirmi che sì, va beh, gli Ogm, la scienza ufficiale, dispiace per la reazione virulenta del pubblico, che però… ma per me siete sempre bravissimi, eh, comunque! Mi sono trovata a rispondere, lì per lì senza pensarci, tranquilla, sono abituata agli insulti: faccio la giornalista scientifica!

http://www.silviabencivelli.it/2014/07/16/par-condicio-scienza-non-esiste-facciamocene-ragione/

_________________
Il mio blog su ateismo e dintorni: https://ioateo.wordpress.com/

Fux


Messaggi : 7890
Data d'iscrizione : 02.01.14

https://ioateo.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: La par condicio nella scienza non esiste

Messaggio Da delfi68 il Sab Ott 04 2014, 13:13

vero..ma, si notano fin troppo spesso preconcetti e dogmi che di fatto lasciano più dubbi che certezze sull'affidabilità, sempre e incondizionata, sull'effettiva applicazione del metodo scientifico puro..

è infatti da complottisti insunuare che si potrebbe indagare un po meglio anche gli indizi ostici..

qui ci sono nomi e cognomi di professionisti e loro indirizzi accademici, eppure sono tutti scemi?

Semir Osmanagich, ha scritto:


Il dottor Semir Osmanagich, antropologo di Houston, scopritore delle possibili piramide bosniache di Visoko e fondatore del Bosnian Archaeology Park, in una recente dichiarazione ha ribadito con granitica certezza che le prove scientifiche confermano in maniera inconfutabile che nel passato della Terra è esistita una civiltà altamente tecnologica che costringe a riscrivere i libri di storia.

Da un esame delle strutture individuate da Osmanagich, e su altri siti altrettanto interessanti, il ricercatore stima che tale civiltà avanzata sia esistita oltre 29 mila anni fa.

“Riconoscere che ci troviamo di fronte a delle prove fondamentali che confermano l’esistenza di una civiltà tanto antica e tanto progredita costringe la comunità scientifica a riconsiderare la sua comprensione dello sviluppo della civiltà e della storia”, spiega il dott. Semir Osmanagich. “I dati conclusivi sul sito delle piramidi bosniache di Visoko forniti da diversi laboratori indipendenti che hanno condotto la datazione al radiocarbonio confermano che le strutture risalgono a oltre 29 mila anni fa”.

Le analisi sono state condotte su materiale organico trovato nel sito delle piramidi. Il primo annuncio dell’incredibile scoperta fu dato nel 2008 dalla dottoressa Anna Pazdur della Silesian University, Polonia, nel corso di una conferenza stampa tenuta a Sarajevo nel mese di agosto.

Alessandra Mona Haggag, professoressa di archeologia presso l’Università di Alessandria, coinvolta anch’ella nelle analisi al radiocarbonio, dopo aver condotto il suo studio spiegò che il materiale su cui fu eseguito il test al radiocarbonio fu ottenuto da un pezzo di materiale organico recuperato da una misteriosa guaina argillosa rinvenuta all’interno della piramide del Sole.

L’ultimo studio condotto nel 2012, di cui abbiamo riportato i risultati in un articolo precedente , ha rivelato che la struttura interna della piramide, realizzata con una sorta di calcestruzzo, è databile a quasi 30 mila anni, confermando le analisi di laboratorio su materiale organico.

HOUSTON, TEXAS — April 19, 2013 — Independent analysis from five separate Institutes of materials confirms that the Bosnian Pyramids contain high quality man-made concrete construction material eliminating all skeptical claims about the authenticity of the Bosnian Pyramids.  The controversial site of the Bosnian Pyramid of the Sun has a team of over 200 interdisciplinary scientists from all over the world doing scientific analysis on not only the nature and age of the building materials, but also determining how the energy of the pyramid was used by the ancient scientists for applications beneficial to humanity ranging from geothermal transportation, climatology, and advancements in human physiology and health.

    Results released by the Polytechnic University of Turin, Italy of chemical and diffractometry laboratory analysis done on sandstone and conglomerate blocks taken from the Bosnian Pyramid of the Sun show that the samples are an inert material with a binding, similar to that found in ancient Roman concrete.  These results were confirmed by analysis on the samples done at the University of Zenica, Bosnia-Herzegovina. -

non è una fonte qualificata..ma certe volte mi vengono dubbi sulle fonti qualificate..infatti molte analisi sono state effettuate a torino e altrove, con strumenti di comprovata affidabilità scientifica..

ad ogni modo NON trovo parimenti confutazioni scientifiche..
http://www.tnetimes.com/article/580-scientific-evidence-prove-bosnian-pyramids-are-man-made-using-geopolymer-cement--debbie-West-sam-osmanagich-christopher-dunn-turin-radiocarbon-dating-24800-years-old-michel-barsoum-/#sthash.4SgAjXLQ.dpuf

un elenco di idioti?

Alessandra Mona Haggag, professoressa di archeologia presso l’Università di Alessandria, coinvolta anch’ella nelle analisi al radiocarbonio, dopo aver condotto il suo studio spiegò che il materiale su cui fu eseguito il test al radiocarbonio fu ottenuto da un pezzo di materiale organico recuperato da una misteriosa guaina argillosa rinvenuta all’interno della piramide del Sole


Ulteriori prove sull’uso del calcestruzzo per la costruzione delle piramidi arriva dal lavoro del professor Micheal Barsoum, professore presso il Dipartimento di Scienza dei Materiali della Drexel University, e del professor Gilles Hug, dell’Aerospace Research Agency francese, i quali hanno ottenuto la prova scientifica che i materiali che compongono le enigmatiche colline bosniache sono di origine artificiale.

Un’ulteriore conferma all’entusiasmante scoperta arriva dal professor Joseph Davidovits, un celebre scienziato francese, membro dell’Associazione Internazionale degli egittologi, il quale ha eseguito personalmente alcuni test sui campioni prelevati nel sito della piramide.

“Ho eseguito le analisi al microscopio elettronico e posso affermare che la struttura chimica del conglomerato utilizzato è molto antico”, scrive Davidovits.

Secondo le sue analisi, il conglomerato risulta essere un cemento composto da calcio e potassio e che, nonostante sia difficile stabilirne con precisione una datazione, non c’è dubbio che si tratti di materiale molto antico, forse più antico della tecnica utilizzata dagli egizi di 3500 anni fa.


I risultati del politecnico sono stati confermati in maniera indipendente dalle analisi compiute sugli stessi campioni presso l’Università di Zenica, in Bosnia-Erzegovina.


_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La par condicio nella scienza non esiste

Messaggio Da delfi68 il Sab Ott 04 2014, 13:25

http://misterobufo.corriere.it/files/2013/02/Piramidi_Bosniache_Le_Ultime_Scoperte2.pdf ha scritto:- almeno una parte di queste strutture (mi riferisco, ad esempio, proprio ai “Tunnel di Ravne”) era libera da detriti ed esplorabile ancora nel XVIII secolo; in particolare, per quel che riguarda i “Tunnel di Ravne”, ne è la prova il reperto costituito da un’antica lampada ad olio del XVIII secolo, ritrovato all’interno dei tunnel stessi, e, di conseguenza, corrisponde a falsità l’affermazione che sia la Fondazione di Osmanagich, attraverso l’opera degli scavatori volontari, a “realizzare” oggigiorno i tunnel, spacciandoli poi furbescamente per strutture antiche;

- alcuni campioni di materiale prelevato dagli scavi sono stati analizzati da un noto esperto internazionale che afferma trattarsi di geopolimero cementizio artificiale;

- alla luce delle ultime scoperte archeologiche effettuate in loco (anche dal Brett), chi insiste nel dire che le “Piramidi Bosniache” e le strutture sotterranee ad esse connesse non esistono, oppure che si tratta solamente di formazioni geologiche naturali è quanto meno in errore o, al peggio, in malafede.

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La par condicio nella scienza non esiste

Messaggio Da Jael il Sab Ott 04 2014, 13:37

Sulle piramidi bosniache non ne so una cippa, ma di gente formalmente titolata che spara stronzate ce n'è. Il titolo in sé non è garanzia alcuna, contano i fatti in scienza. Le evidenze. Quelle che, ad esempio, il vannoni non aveva manco per il cazzo.
avatar
Jael

Messaggi : 1037
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La par condicio nella scienza non esiste

Messaggio Da delfi68 il Sab Ott 04 2014, 13:42

ah..vanoni andrebbe arrestato..a calci in culo guarda. Apparte che Vanoni non ha NESSUN titolo accademico specifico..

comunque sia gli studi su visoko sono stati infamati e sputtanati fin da subito, chi si azzardava veniva deriso..

infatti TU (NOI) non sai nulla su visoko proprio perchè la prima percezione che ne avrai avuto t'ha fatto scartare i riferimenti e distratto la curiosità..io pure mi sono avvicinato con il massimo sospetto alla questione e per i primi mesi dalla scoperta li ho pesati come buffoni e ciarlatani..purtroppo poi costoro NON sono stati smentiti ma confermati..anche se nel silenzio generale del media più famosi..

poi..invece qualche coraggioso s'è messo a fare analisi universitarie, verifiche indipendenti e con ausilii scientifici in sede di laboratori accreditati (università) ..e niente imbrogli e niente trucchi, ma solo scomodissime verità che costringono ad accettare, controvoglia evidente, che la storia non può essere considerata un capitolo chiuso..
è doloroso, lo capisco, luminari che hanno basato decenni e intere carriere pontificando verità assolute devono fare un grande, e forse troppo grande, sforzo per accettare delle nuove evidenze..senza insultare, ingiuriare, mentire..

fatti.

tu jael sei un analista dei preconcetti che spesso ci occludono la mente..e te ne sono grato guarda..mi piacerebbe se ti informi indipendentemente sulla questione visoko e mi dai il tuo parere..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La par condicio nella scienza non esiste

Messaggio Da Jael il Sab Ott 04 2014, 18:42

Buona idea, mi faccio qualche ricerchina.
avatar
Jael

Messaggi : 1037
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La par condicio nella scienza non esiste

Messaggio Da Hara il Sab Ott 04 2014, 21:40


DECLARATION
We, the undersigned professional archaeologists from all parts of Europe, wish to protest strongly at the continuing support by the Bosnian authorities for the so-called “pyramid” project being conducted on hills at and near Visoko. This scheme is a cruel hoax on an unsuspecting public and has no place in the world of genuine science. It is a waste of scarce resources that would be much better used in protecting the genuine archaeological heritage and is diverting attention from the pressing problems that are affecting professional archaeologists in Bosnia-Herzegovina on a daily basis.
Professor Hermann Parzinger, President, German Archaeological Institute, Berlin
Professor Willem Willems, Inspector General, Rijksinspectie Archeologie (RIA), The Hague
Dr Jean-Paul Demoule, President, Institut nationale de recherches archéologiques préventives (INRAP), Paris
Professor Romuald Schild, Director, Institute of Archaeology and Ethnology, Polish Academy of Sciences, Warsaw
Professor Vassil Nikolov, Director, Institute of Archaeology, Bulgarian Academy of Sciences, Sofia
Professor Anthony Harding, President, European Association of Archaeologists, c/o Institute of Archaeology, Czech Academy of Sciences, Prague
Dr Mike Heyworth, Director, Council for British Archaeology, York
11 December 2006


Ah sì

Semir Osmanagić: "He has been the owner and CEO of the manufacturing company Met Company, Inc. in Houston, Texas, since 1995" Laureato in economia.

avatar
Hara

Messaggi : 1107
Data d'iscrizione : 09.04.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La par condicio nella scienza non esiste

Messaggio Da delfi68 il Sab Ott 04 2014, 21:55

si ma non confutano nulla..non è che dicono: quelli dicono X invece è Y..

il concetto espresso è solo che fondi e ricerca vengono affidati a chi pare a loro..e non a costoro..

che ci siano resistenze e malumori è ovvio e noto, ma NON trovo confutazioni scientifiche alle dimostrazioni e prove scientifiche proposte dalle personalità già citate nei quote sopra..

all'inizio tutti avevano tacciato le piramidi come una bufala, e ne presero tutti le distanze, poi esami scientifici accreditati dimostrano che non lo è..a meno che non si confutino in modo scientifico..e siccome il progetto è stato "scippato" alle autorità classiche ora queste protestano per essere tagliate fuori..DAI FONDI legati al progetto!!

oppure abbiamo tesi scientificamente sostenute che confutino le dimostrazioni e risultanze offerte dagli enti e professionisti del progetto "piramidi visoko"?

quella dichiarazione sembra più simile alla storia della "volpe e l'uva" ..l'uva non è buona solo perchè non arriva a mangiarsela..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La par condicio nella scienza non esiste

Messaggio Da Hara il Sab Ott 04 2014, 22:30

Mah, a me, a occhio, sembra una bufala colossale, ma aspettiamo il rapporto Jael

http://balkanologie.revues.org/2298

[Anche qui a occhio che in francese so giusto ordinare il caffe macchiato]
avatar
Hara

Messaggi : 1107
Data d'iscrizione : 09.04.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La par condicio nella scienza non esiste

Messaggio Da delfi68 il Sab Ott 04 2014, 23:31

bene..cerchiamo informazioni e vediamo un po..

ma più che testi dove dicono che non sono daccordo, visto che ho trovato fonti di studi e ricerche accreditate e in modi scientifici 8vedi citazioni sopra), vorrei trovare confutazioni argomentate e sostenute da dati scientifici..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La par condicio nella scienza non esiste

Messaggio Da Akka il Lun Ott 06 2014, 22:38

ma il delfi è pazzesco! c' ha sempre una quantità di chicche fotoniche!!

questa mi diverte proprio devo dire! e non sono ironico! è uno di quei temi talmente ideologizzati e mitizzati che se anche vi fossero(e se vi siano io non lo so per nulla!!) evidenze schiaccianti passerebbero, bo, 50 anni prima di ammetterle serenamente!

ma cavolo, è proprio sicuro il radiocarbonio? quali sono i fattori che possono falsarlo? (per esempio l' esposizone al sodio porta ad ampie sovradatazioni da quel che mi risulta... ma non ne so un cazzo in verità)... e in ogni caso sarebbero in grado di produrre sbandate di 30000 anni?? e se non vi fossero evidenze questi si sputtanano così? bo... gente strana, pure tra i titolati, ce n'è a dire il vero, quindi tutto è possibile...

certo che se fosse provata sta cosa mi sconfifererebbe(lookaround ) proprio tanto!!! risata
avatar
Akka

Messaggi : 1525
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La par condicio nella scienza non esiste

Messaggio Da delfi68 il Lun Ott 06 2014, 22:55

..ah.ma sai..è semplice allenamento il mio..

alle volte corro il rischio di pigliare cantonate paurose e fare la figura del cretino eh..ma mi piace sempre osare un po più del dovuto e andare a verificare anche le cose apparentemente più assurde..

ho il terrore di farmi incatenare o inglobare nel sistema che gestisce le nostre società..davvero, so quanto è falso tutto quello che abbiamo servito a tavola dal sistema..e cosi, sai..vado a ficcare il naso anche dove dicono che ce lo ficchino solo i cretini..

mi sono fatto scorpacciate di religioni, sette, credenze, superstizioni..leggende metropolitane, ciarlatani..e sai cos'è? ..la linea di confine tra il rigore scientifico è quasi esattamente la dove dev'essere e dove crediamo che sia..solo che, appena appena qualche millimetro un tantino al di qua di lievissimi, quasi impercettibili, limiti fisiologici di preconcettismo..interessi di cattedra e piccole manie personalistiche..

La verità relativa NON è esattamente e sempre li dove dovrebbe essere..

99,9 volte su cento, la ciarlatagine si rivela una ciarlatagine..ma da quando un archeologa s'è giocata carriera e credibilità svelando di aver retrodatato i primi insediamenti in nord america..e poi AVEVA ragione ed oggi siamo alla sua data e non a quella di chi la sbeffeggiava precedentemente..ecco, da quell'esempio ricordo sempre a me stesso che non bisogna mai ridere troppo in fretta sulle cose..meglio abboccare un pochino di più e vedere di che si tratta..senza paura di restare invischiato in qualche minchiata o credenza..

non temo wanna marchi ma nemmeno Zacarria Sichin..me li ascolto senza paura di infettarmi..tuttavia sospetto molto più di Zaky Hawas che pur di non spostare di uno yota la SUA egittologia mette veti di censra un po oltre il dovuto..appena uno puzza di non perfettamente allineato è un complottista da ripudiare e negare agli accessi..

..insomma..credo zero in dio..ma anche negli uomini c'ho poco in che sperare..mi tocca sorbirmele di tutti i colori e per restare sempre con un carico di dubbi..


Ultima modifica di delfi68 il Lun Ott 06 2014, 23:13, modificato 1 volta

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La par condicio nella scienza non esiste

Messaggio Da Akka il Lun Ott 06 2014, 23:01

e inzomma bravo il delfone! quotone alla grande!
avatar
Akka

Messaggi : 1525
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La par condicio nella scienza non esiste

Messaggio Da delfi68 il Lun Ott 06 2014, 23:15

..eh grazie fra..con questi 3D rischio spesso per passare per un mezzo fuori di testa..

Lya mi chiese se credevo nelle scie chimiche..semplice allenamento..semplice allenamento..non credo a un bel cazzo di niente e se devo prendere atto cerco di informarmi sopratutto presso chi dice che ho torto..

grazie per il verde!

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La par condicio nella scienza non esiste

Messaggio Da Akka il Lun Ott 06 2014, 23:28

ma alla lya le piace sfottere!! risata

ma infatti, meglio rischiare di passsre per il fracassamaroni di turno piuttosto che prendere tutto per buono perchè lo dice l' espertone... che poi di solito c' hanno ragione quelli, per caità, ma errare humanum est... si sa mai che...

avatar
Akka

Messaggi : 1525
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La par condicio nella scienza non esiste

Messaggio Da delfi68 il Lun Ott 06 2014, 23:35

..daccordissimo!!!!

..c'è da ricordare anche l'esempio Einstein-Eddington..la Royal Society acconsenti di mandar E. a misurar le stelle per CONFUTARE lo scienziato tedesco..e quando Eddington presento i risultati, il presidente del comitato governativo che finanziò la spedizione, si offese e se ne andò dalla sala..ed era uno scienziato di grande prestigio!
Sembrò un insulto a Newton e non un nuovo passo in avanti per la conoscenza..

insomma..bisogna sempre stare allerta..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: La par condicio nella scienza non esiste

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum