Ateismo e libertà
Benvenuto sul forum "Ateismo e libertà"

Per partecipare alle discussioni effettua il login. Non sei ancora iscritto? Registrati per iniziare a partecipare!

Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Pagina 3 di 20 Precedente  1, 2, 3, 4 ... 11 ... 20  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da jessica il Lun Lug 14 2014, 13:57

grazie dell'illuminazione... ma non era la presenza di illustri esponenti del carroccio a perplimermi, bensì il significato letterale della frase. quindi anche alla luce di tali preziose informazioni continuo a non capire come da
"poi s'incazza se gli do del mastelliano " discenda "Beh, effettivamente tra questi è la tua borgheziana metodologia. ."
tra questi cosa?
avatar
jessica

Messaggi : 616
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Hara il Lun Lug 14 2014, 14:02

Questi=Mastella

Ma vabbè dai, non è così importante, ho ribattuto al cocente insulto del "mastelliano" dandoti del "borgheziano"

Break  balla
avatar
Hara

Messaggi : 1107
Data d'iscrizione : 09.04.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da jessica il Lun Lug 14 2014, 14:24

dubbioso 
ah comincio ad intravvederne il senso...
se al posto della è ci volevi mettere una e.
avatar
jessica

Messaggi : 616
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Hara il Lun Lug 14 2014, 15:30

I-Minkia più presbiopia galoppante...
avatar
Hara

Messaggi : 1107
Data d'iscrizione : 09.04.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da silvio il Lun Lug 14 2014, 21:41

Forse aveva ragione Pannella far entrare Israele nelle Comunità Europea, anzi ci avrei fatto entrare pure i Palestinesi e li fregavamo tutti e due !
avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Hara il Mar Lug 15 2014, 10:50

Gaza, Hamas respinge il cessate il fuoco. Tregua unilaterale ordinata da Israele

Prima le Brigate Ezzedin al-Qassam e poi il movimento politico al governo nella Striscia bocciano l'iniziativa egiziana: "Si tratta di una resa. Inaspriremo la battaglia contro il nemico". Il gabinetto di guerra di Tel Aviv approva la proposta egiziana. Bilancio aggiornato: 194 palestinesi morti e più di 1.400 feriti

GAZA - Lo spiraglio aperto dalla proposta egiziana di cessate il fuoco sembra richiudersi dopo appena qualche ora: prima il braccio armato di Hamas e poi il partito stesso respingono  l'iniziativa minacciando di "inasprire" ulteriormente il conflitto con Israele, un no che arriva quasi in contemporanea all'opposto via libera del governo israeliano, che ha così ordinato una tregua unilaterale.

"In accordo con le direttive ricevute dal governo, le forze armate israeliane hanno sospeso il fuoco", rende noto un portavoce militare dell'Ifd: "Restiamo comunque in stato di allerta e di massima preparazione sia difensiva che offensiva. Se l'organizzazione terroristica di Hamas sparerà contro Israele, reagiremo".

Il no di Hamas. "Se il contenuto di questa proposta di tregua è quello che sembra, si tratta di una resa e noi la rifiutiamo senza appello. La nostra battaglia contro il nemico si intensificherà", si legge nel comunicato diffuso dalle Brigate Ezzedin al-Qassam. Sami Abu Zuhri, dirigente di Hamas, ha semplicemente detto che la tregua "non è accettabile".

Parole che soffocano le flebili speranze di porre fine all'ennesimo conflitto: in sette giorni i raid israeliani sulla Striscia di Gaza hanno provocato 194 morti e più di 1.400 feriti, mentre i miliziani palestinesi hanno continuato a lanciare razzi contro il territorio israeliano, suscitando il terrore anche a Gerusalemme e Tel Aviv.

La decisione finale contrasta con le precedenti aperture del leader di Hamas, Ismail Haniyeh, e rappresenta uno schiaffo alla Lega Araba, che aveva fatto appello alle parti affinché accettassero il cessate il fuoco, e alla diplomazia internazionale.

La proposta egiziana, accolta con favore tra gli altri dall'amministrazione Obama, prevederebbe la cessazione delle ostilità aeree, marittime o terrestri a partire dalle 8 italiane di oggi e la disponibilità ad accogliere, entro 48 ore, delegazioni di alto livello israeliane e palestinesi per aprire i negoziati. Un piano che ha ottenuto il via libera unilaterale del gabinetto di guerra del governo israeliano.

Hamas chiude il transito a Erez. Con un provvedimento a sorpresa, Hamas ha deciso di impedire da oggi il transito fra Gaza ed Israele attraverso il valico di Erez. La misura, afferma un comunicato, riguarda anche i giornalisti stranieri, nonchè i malati palestinesi che progettavano oggi di sottoporsi a cure in Israele. Hamas esige ora garanzie internazionali per la sicurezza del proprio personale al confine dopo che nei giorni scorsi la aviazione israeliana ha bombardato i suoi uffici.

http://www.repubblica.it/esteri/2014/07/15/news/gaza_15_luglio-91592990/?ref=HRER3-1
avatar
Hara

Messaggi : 1107
Data d'iscrizione : 09.04.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da jessica il Mar Lug 15 2014, 12:46

giusto, 200 morti, ora possiamo smettere...
avatar
jessica

Messaggi : 616
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Hara il Mar Lug 15 2014, 12:54

Ma dai, da una parte vi sono quelli che scrissero nel proprio atto costitutivo

Articolo 8

Dio come scopo, il Profeta come capo, il Corano come costituzione, il jihad come metodo, e la morte per la gloria di Dio come più caro desiderio.

e

L’Ultimo Giorno non verrà finché tutti i musulmani non combatteranno contro gli ebrei, e i musulmani non li uccideranno, e fino a quando gli ebrei si nasconderanno dietro una pietra o un albero, e la pietra o l’albero diranno: O musulmano, o servo di Allah, c’è un ebreo nascosto dietro di me – vieni e uccidilo

http://www.cesnur.org/2004/statuto_hamas.htm

Quelli che hanno investito il denaro degli aiuti in razzi a lunga gittata, si dice 10.000, che possono colpire 5 degli 8 milioni di israeliani. Vabbè più difesa e più rifugi, che vuoi che sia dover scappare anche decine di volte al giorno? Non è così, vi sono nella superficie a rischio obiettivi MOLTO sensibili, impianti di desalinizzazione, CENTRALI atomiche e via così. Poi vi è la paura che vi possano essere armi non convenzionali.

Mentre dall'altra parte, che poi è una democrazia compiuta dove vi sono maggiori libertà, ad esempio di informazione che in Italia, prima di bombardare
1)si lanciano volantini
2)si mandano sms
3)si lanciano bombe innocue di avvertimento
Mentre i civili sono "invitati" da hamas a rimanere nelle proprie case, scuole, ospedali, ecc, insomma nei luoghi dove hanno installato quartieri generali e basi di lancio.

Su, su, non difendiamo l'indifendibile...(lo so che quoterai e rigirerai quest'ultimo periodo)



AGGIUNGO

Secondo te qual è, a parte l'inimicarsi l'opinione pubblica di mezzo mondo, l'oscuro fine che spinge i perfidi giudei a voler uccidere innocenti? E poi quanti di loro sono "innocenti"? Chi può saperlo (a parte gli infanti naturalmente)? Non è che le notizie che arrivano da Hamas potrebbero essere un attimo inesatte?


eccetera
avatar
Hara

Messaggi : 1107
Data d'iscrizione : 09.04.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da jessica il Mar Lug 15 2014, 13:51

Su, su, non difendiamo l'indifendibile...(lo so che quoterai e rigirerai quest'ultimo periodo)
si esatto. è la prima cosa alla quale ho pensato, oltre che l'unica cosa sensata che hai scritto.
è inutile che continui a postare lo statuto speciale di hamas per dipingere i palestinesi come brutti e cattivi e infoiati con le loro cazzate jihadiste e fazzolettoni in testa, questo lo sappiamo tutti. quello che invece almeno il 50% di quella famosa opinione pubblica di cui parli sembra incapace di fare è guardare ai numeri, ai risultati, invece che ai libri della fallaci.
quindi hamas che è così brutto e cattivo e assetato di sangue ha la possibilità di sterimare il 70% degli odiati nemici, 5 milioni di morti, ma la potenza di jeova è talmente grande che ha ridotto per miracolo tale numero di almeno cinquemila volte (vabè, c'è scappata qualche vacca in cambio). altra magia, con tanto di volantini, sms, cotillon e ricchi premi, di là i civili muoiono comunque con un rate di almeno sei volte più alto (sempre che non parliamo di tempi più recenti, allora il rapporto si impenna) ti faccio notare che kappler è stato processato per numeri tipo questi...
ah, se vuoi qualche sito torahesegetico che grazie alla cabala riesce a far capire cosa vogliono davvero dire questi numeri (e cioè che gli israeliani sono le vittime e i palestinesi i carnefici), non perdere tempo, te ne posso passare io un paio di veramente buoni...
Secondo te qual è, a parte l'inimicarsi l'opinione pubblica di mezzo mondo, l'oscuro fine che spinge i perfidi giudei a voler uccidere innocenti?
tutte le risposte che chiedi mi sembrano di una banalità disarmante, è per quello che continuo a sostenere che le tue idee in amteria non siano altro che prese di posizione dettate dal senso di appartenenza.
non c'è nessun oscuro fine, ma una semplice guerra di conquista, cosa che è avvenuta ed avverrà ancora in qualsiasi parte del mondo ad opera di tutte le "civiltà" più avanzate bellicamente a danno di quelle che lo sono di meno. con la piccola differenza che visto che in questo caso il danno l'abbiamo fatto noi e non siamo più all'era dei piccioni viaggiatori, esiste appunto un'opinione pubblica di culi bianchi che leggono repubblica su internet a cui dover rendere più o meno conto delle proprie azioni palesi (da cui appunto, ad esempio, tutto il casino delle armi di distruzioni di massa in iraq per andare a far la guerra).
E poi quanti di loro sono "innocenti"?
esatto. quando torni a casa batti tua moglie. se lo merita. tu non sai perchè ma lei si.
anzi meglio, ammazzateli tutti, il signore manderà i buoni in paradiso e i colpevoli all'inferno.
come ti scrivevo, se pigli mezzo milione di persone e lo porti nella terra promessa, scovolando via quelli che ormai ci abitano, e poi questo mezzo milione diventa uno, poi due, e manda i vecchi inquilini fori dalle balle in tenda o in baraccopoli, gli leva i diritti e le risorse, la vittoria di un partito razzista ed estremista che fa perno sul risentimento della gente mi sembra il minimo sindacale (basta pensare che piglia il 10% di voti pure qui) . quindi cosa intendi esattamente con "innocenti"?
Chi può saperlo (a parte gli infanti naturalmente)? Non è che le notizie che arrivano da Hamas potrebbero essere un attimo inesatte?
sicuro, salvo il fatto che le notizie di cui parlo non arrivano da hamas ma da italiani che sono là per assicurarsi che delle ragazzine che passano il muro non vengano abusate, che dei vecchi che hanno sete possano trovare l'acqua e che le casse cibo riescano ad entrare almeno con la frequanza con cui entrano quelle di missili.

eccetera


dopodichè, se invece di recriminare e basta, vogliamo anche parlare di soluzioni, a mio avviso non ne esistono.
avatar
jessica

Messaggi : 616
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Hara il Mar Lug 15 2014, 14:24

Come,   la soluzione è estremamente semplice:  che si becchino i missili e non romano i coglione,  un attentato a un autobus o in un bar? Ovvia non facciamo ne un dramma. .

Sarei davvero curioso , al di là delle inesattezze che scrivi (ma rison sulla I-minkia) vedere i pacifisti col culo degli altri come si comporterebbero

Comunque aspettiamo fiduciosi che il sistema passivo di difesa aerea vada in affanno,  così almeno rifacciamo i conti.

Ps
Perché parli di statuto "speciale"?

Pps
Ma poi conquista di che? Non vi è alcun interesse a riprendere la ceduta gaza, anzi. O hai indizi contrari?
avatar
Hara

Messaggi : 1107
Data d'iscrizione : 09.04.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da jessica il Mar Lug 15 2014, 14:42

 
Ashke ha scritto:Come,   la soluzione è estremamente semplice:  che si becchino i missili e non romano i coglione,  un attentato a un autobus o in un bar? Ovvia non facciamo ne un dramma. .
beh, mi pare più o meno dello stesso livello di quella attuata: levateve dar cazzo che adesso qua abitano loro.

Sarei davvero curioso , al di là delle inesattezze che scrivi (ma rison sulla I-minkia) vedere i pacifisti col culo degli altri come si comporterebbero
a chi ti riferisci?

Comunque aspettiamo fiduciosi che il sistema passivo di difesa aerea vada in affanno,  così almeno rifacciamo i conti
erto, intanto usiamo i numeri che ci sono adesso.

P Perché parli di statuto "speciale"?
ah, boh niente di particolare, ogni tanto un gruppo di neuroni prende il sopravvento e incolla parole che di solito stanno là

Pps Ma poi conquista di che? Non vi è alcun interesse a riprendere la ceduta gaza,  anzi.  O hai indizi contrari?
ma vai a... bacio
ma ci fai o ci sei?
avatar
jessica

Messaggi : 616
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Hara il Mar Lug 15 2014, 14:50

Bene, spiegami che interesse ha israele  ha riprendersi i territori a suo tempo ceduti. ..comunque se non intervengono altri questo duetto diventa un po ripetitivo.


Break  balla 
avatar
Hara

Messaggi : 1107
Data d'iscrizione : 09.04.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da jessica il Mer Lug 16 2014, 10:36

ok, ci fai...
avatar
jessica

Messaggi : 616
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da JoJo il Mer Lug 16 2014, 10:53

Ashke ha scritto:..comunque se non intervengono altri questo duetto diventa un po ripetitivo.
io non intervengo perchè, devo dire la verità, non sono granchè informato a riguardo
motivo per cui trovo il 3d molto interessante

cmq come regola generale direi che non ci sono innocenti, nè da una parte nè dall'altra, quindi cercare di dare tutta la colpa ai palestinesi mi sembra quantomeno ridicolo
poi, ripeto, non sono granchè informato, ma in una guerra direi che è difficile trovare i buoni e i cattivi: tutti commettono infamie e tutti tirano di mezzo i civili

i palestinesi non sono santi ma israele non è una vittima inerme che fa di tutto per evitare lo scontro  no!
avatar
JoJo

Messaggi : 838
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Fux il Mer Lug 16 2014, 11:23

@JoJo ha scritto:
Ashke ha scritto:..comunque se non intervengono altri questo duetto diventa un po ripetitivo.
io non intervengo perchè, devo dire la verità, non sono granchè informato a riguardo
motivo per cui trovo il 3d molto interessante
Mi associo. sisi 

_________________
Il mio blog su ateismo e dintorni: https://ioateo.wordpress.com/

Fux


Messaggi : 7890
Data d'iscrizione : 02.01.14

https://ioateo.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Hara il Mer Lug 16 2014, 11:53

@JoJo ha scritto:

cmq come regola generale direi che non ci sono innocenti, nè da una parte nè dall'altra, quindi cercare di dare tutta la colpa ai palestinesi mi sembra quantomeno ridicolo

Come regola generale direi che le popolazioni sono sempre "innocenti" , ma innocenti non sono gli interessi politici/economici che tengono in ostaggio i civili palestinesi e di conseguenza anche gli israeliani, innocente non è chi persegue il folle sogno del grande Islam (e lasciam perdere la conquista di roma  lookaround ), innocente non è chi intercetta ogni dollaro destinato agli aiuti umanitari, innocente non è chi tiene le donne in schiavitù, chi esegue centinaia di condanne a morte in modo orripilante, chi sgozza  orgogliosamente innocenti di fronte alle telecamere invocando allah ecc


poi, ripeto, non sono granchè informato, ma in una guerra direi che è difficile trovare i buoni e i cattivi: tutti commettono infamie e tutti tirano di mezzo i civili

Sì, è inevitabile, funziona così. Però mettere sistematicamente le infrastrutture militari vicino o dentro scuole, ospedali e quartieri popolari, "invitare" la popolazione a non abbandonare i luoghi che l'esercito nemico ha avvertito che bombarderà, rifiutare tregue e far saltare ogni possibile accordo di pace diciamo che non aiuta?
i palestinesi non sono santi ma israele non è una vittima inerme che fa di tutto per evitare lo scontro  no!

No, Israele non è certo una vittima inerme, altrimenti sarebbe scomparsa fin dal giorno della sua proclamazione
avatar
Hara

Messaggi : 1107
Data d'iscrizione : 09.04.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da JoJo il Mer Lug 16 2014, 12:30

Ashke ha scritto:
@JoJo ha scritto:

cmq come regola generale direi che non ci sono innocenti, nè da una parte nè dall'altra, quindi cercare di dare tutta la colpa ai palestinesi mi sembra quantomeno ridicolo

Come regola generale direi che le popolazioni sono sempre "innocenti"
sì, concordo sul fatto che in genere le popolazioni (intese come i civili che si beccano le bombe quando magari della guerra non ne vedono la necessità) si possono annoverare tra gli "innocenti"

poi, ripeto, non sono granchè informato, ma in una guerra direi che è difficile trovare i buoni e i cattivi: tutti commettono infamie e tutti tirano di mezzo i civili
Sì, è inevitabile, funziona così. Però mettere sistematicamente le infrastrutture militari vicino o dentro scuole, ospedali e quartieri popolari, "invitare" la popolazione a non abbandonare i luoghi che l'esercito nemico ha avvertito che bombarderà, rifiutare tregue e far saltare ogni possibile accordo di pace diciamo che non aiuta?
per non parlare di quelli che minano i ponti, fanno attentati e poi quando il nemico per rappresaglia fucila centinaia di civili si nascondono e lasciano fare... ah, sti partigiani, che figli di puttana.... voglio dire: se si racconta quello che succede solo da una parte, "dimenticandosi" di tutto ciò che succede dall'altra, anche chi combatteva contro i nazisti (i partigiani, appunto) non ci fanno una bella figura
ribadisco quel che ho detto prima in modo più chiaro: la guerra è una merda, soprattutto perchè, una volta che si è dentro, tutti (TUTTI) fanno porcherie inimmaginabili, in tempo di pace
qunidi israele non si può assolvere elencando ciò che è stato fatto dai palestinesi
perchè se chiedo ad un palestinese probabilmente si premurerebbe di farmi sapere quante buone e umane cose ha fatto Hamas per proteggere i civili mentre invece gli israeliti si sono comportati da veri bastardi

i palestinesi non sono santi ma israele non è una vittima inerme che fa di tutto per evitare lo scontro  no!

No, Israele non è certo una vittima inerme, altrimenti sarebbe scomparsa fin dal giorno della sua proclamazione
invece i palestinesi avrebbero dovuto accettare l'imposizione dello stato di israele rimanendo vittima inerme.... noti che c'è una certa asimmetria nel tuo ragionamento?
avatar
JoJo

Messaggi : 838
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Hara il Mer Lug 16 2014, 13:26

@JoJo ha scritto:


Sì, è inevitabile, funziona così. Però mettere sistematicamente le infrastrutture militari vicino o dentro scuole, ospedali e quartieri popolari, "invitare" la popolazione a non abbandonare i luoghi che l'esercito nemico ha avvertito che bombarderà, rifiutare tregue e far saltare ogni possibile accordo di pace diciamo che non aiuta?
per non parlare di quelli che minano i ponti, fanno attentati e poi quando il nemico per rappresaglia fucila centinaia di civili si nascondono e lasciano fare... ah, sti partigiani, che figli di puttana.... voglio dire: se si racconta quello che succede solo da una parte, "dimenticandosi" di tutto ciò che succede dall'altra, anche chi combatteva contro i nazisti (i partigiani, appunto) non ci fanno una bella figura

Rivendicare come proprio, in base ad accordi internazionali, un minuscolo lembo di terra, creandovi l'unica democrazia della regione, assicurando una buona qualità della vita a TUTTI i propri cittadini è in qualche modo comparabile all'infame ideologia e alla feroce aggressione nazionalsocialista (e italicamente fascista)?

Davvero?

Tutti i confini, ovunque e da sempre, sono stati scavati nel sangue, nessuna nazione è esente dal peccato originale (non credo occorra portare esempi) quei confini sono solo più recenti, esiste ancora chi si sente   "sconfitto" chi  cova sogni di riconquista. Legittimo. Inutile. Nocivo.
Quel peccato originale, sul quale non mi soffermerei più di tanto che è un altro discorso, è nato da una serie di contingenze, la seconda guerra mondiale la decolonizzazione, l'ipocrita senso di colpa dei paesi occidentali ecc.
ribadisco quel che ho detto prima in modo più chiaro: la guerra è una merda, soprattutto perchè, una volta che si è dentro, tutti (TUTTI) fanno porcherie

Già.


inimmaginabili, in tempo di pace


Inimmaginabili per noi, vuoi i dati, foto e video di cosa succede in tempo di pace in alcuni  paesi della regione(e non solo)?


perchè se chiedo ad un palestinese probabilmente si premurerebbe di farmi sapere quante buone e umane cose ha fatto Hamas per proteggere i civili mentre invece gli israeliti si sono comportati da veri bastardi

Sinceramente la (ri)nascita del fanatismo di stato non mi sembra che abbia determinato azioni buone e umane. Questo a partire dal rientro dello ayatollah khomeyni, che noi di sinistra ciecamente appoggiavamo contro il filo ocidentale "tiranno" Palevi. Dell'Iran ricordo, ad esempio, le ragazze in minigonna "allo struscio", ( sisi ) ora è un incubo


No, Israele non è certo una vittima inerme, altrimenti sarebbe scomparsa fin dal giorno della sua proclamazione
invece i palestinesi avrebbero dovuto accettare l'imposizione dello stato di israele rimanendo vittima inerme.... noti che c'è una certa asimmetria nel tuo ragionamento?

Sul peccato originale come già accennato ci sarebbe molto d dire, io mi riferivo al fatto che il neostato superò subito la propria prova del fuoco quando gli eserciti di 5 stati arabi cercarono di distruggerla attaccando nello stesso giorno della proclamazione.
Hanno perso la guerra, hanno perso territori. Diciamo che il verdetto e il giudizio lo hanno dato le armi? Funziona sempre così.
avatar
Hara

Messaggi : 1107
Data d'iscrizione : 09.04.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Akka il Mer Lug 16 2014, 14:01

Ashke ha scritto:
@JoJo ha scritto:

cmq come regola generale direi che non ci sono innocenti, nè da una parte nè dall'altra, quindi cercare di dare tutta la colpa ai palestinesi mi sembra quantomeno ridicolo

Come regola generale direi che le popolazioni sono sempre "innocenti" , ma innocenti non sono gli interessi politici/economici che tengono in ostaggio i civili palestinesi e di conseguenza anche gli israeliani, innocente non è chi persegue il folle sogno del grande Islam (e lasciam perdere la conquista di roma  lookaround ), innocente non è chi intercetta ogni dollaro destinato agli aiuti umanitari, innocente non è chi tiene le donne in schiavitù, chi esegue centinaia di condanne a morte in modo orripilante, chi sgozza  orgogliosamente innocenti di fronte alle telecamere invocando allah ecc

si ma ashke, tu sei schieratissimo! chi è che impedisce gli aiuti umanitari??? (io cito da wikipedia, non da consulenze ebraiche punto minchia..)

'Nell'ambito di una tregua di sei mesi, mediata nel giugno 2008 dall'Egitto, Hamas accettò di porre fine al lancio dei razzi in cambio di un alleggerimento del blocco da parte di Israele. Il cessate-il-fuoco, però, non fu completamente osservato: si sono contati 49 palestinesi uccisi nel periodo di tregua. Inoltre Israele non ha rispettato la parte centrale dell'accordo, che prevedeva l'alleggerimento del blocco: invece dei 450 camion di aiuti giornalieri previsti, al massimo a una settantina era concesso attraversare i confini di Gaza, aggravando le condizioni di vita di una popolazione che sopravvive in gran parte grazie ad aiuti umanitari.'


e poi ci si stupisce di quanto siano integralisti sti cazzo di palestinesi... ci si stupisce che se li incorci er strada questi ti puntano la pistola piuttosto che farti un bel sorrisone a 32 denti!
avatar
Akka

Messaggi : 1525
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da jessica il Mer Lug 16 2014, 14:10

Rivendicare come proprio, in base ad accordi internazionali, un minuscolo lembo di terra, creandovi l'unica democrazia della regione, assicurando una buona qualità della vita a TUTTI i propri cittadini
 risata 
ormai ha smesso di stupirmi, è diventato praticamente un comico.

mi piacerebbe leggere i suoi post qualora il governo italiano, a seguito di mandato universale pseudodivino, conquistasse casa sua e ci piazzasse mezzo milione di ittiti o chi cazzo erano quelli che ci stavano là prima...  risata  risata  risata 

ask ha scritto:ma certo, cedo volentieri la mia abitazione ad una popolazione che rivendica come propria, in base ad accordi internazionali, un minuscolo lembo di terra, creandovi l'unica democrazia della regione, assicurando una buona qualità della vita a TUTTI i propri cittadini. intendo tutti quelli che rimangono, mica me che me ne vado a dormire in tenda a rimini

p.s. ah, per la cronaca, l'ultima evidenza di buona qualità della vita assicurata a tutti i cittadini era una rete tirata sulla strada perchè i coloni dai piani alti cagavano sugli altri cittadini meno uguali.
avatar
jessica

Messaggi : 616
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Hara il Mer Lug 16 2014, 15:27

@jessica ha scritto:
Rivendicare come proprio, in base ad accordi internazionali, un minuscolo lembo di terra, creandovi l'unica democrazia della regione, assicurando una buona qualità della vita a TUTTI i propri cittadini
 risata 
ormai ha smesso di stupirmi, è diventato praticamente un comico.

 


Se estrapoli si va poco lontano: il periodo continua con  "è in qualche modo comparabile all'infame ideologia e alla feroce aggressione nazionalsocialista (e italicamente fascista)?" Se argomenti con le faccine e cercando (scioccamente) di dequalificare me e non ci ho che io scrivo idem  si va poco lontano

Che la qualità della vita  sia buona per i  cittadini israeliani (che non significa ebrei) è un fatto, che l'informazione sia libera(più che in italia) è un fatto, che i diritti civili siano garantiti(e che siano più estesi che in italia) è un fatto, che sia l'unica democrazia nella regione è un fatto.
Prendi tutti gli indici che vuoi.


mi piacerebbe leggere i suoi post qualora il governo italiano, a seguito di mandato universale pseudodivino, conquistasse casa sua e ci piazzasse mezzo milione di ittiti o chi cazzo erano quelli che ci stavano là prima...  risata  risata  risata

Non capisco, io ho scritto "Tutti i confini, ovunque e da sempre, sono stati scavati nel sangue, nessuna nazione è esente dal peccato originale (non credo occorra portare esempi) quei confini sono solo più recenti, esiste ancora chi si sente   "sconfitto" chi  cova sogni di riconquista. Legittimo. Inutile. Nocivo."

Questo è il tuo pensiero in materia? Interessante, continua

ask ha scritto:ma certo, cedo volentieri la mia abitazione ad una popolazione che rivendica come propria, in base ad accordi internazionali, un minuscolo lembo di terra, creandovi l'unica democrazia della regione, assicurando una buona qualità della vita a TUTTI i propri cittadini. intendo tutti quelli che rimangono, mica me che me ne vado a dormire in tenda a rimini

Vedi sopra



p.s. ah, per la cronaca, l'ultima evidenza di buona qualità della vita assicurata a tutti i cittadini era una rete tirata sulla strada perchè i coloni dai piani alti cagavano sugli altri cittadini meno uguali.

Ambè, allora è tutto chiaro.
avatar
Hara

Messaggi : 1107
Data d'iscrizione : 09.04.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da JoJo il Mer Lug 16 2014, 16:11

Ashke ha scritto:
Rivendicare come proprio, in base ad accordi internazionali, un minuscolo lembo di terra, creandovi l'unica democrazia della regione, assicurando una buona qualità della vita a TUTTI i propri cittadini è in qualche modo comparabile all'infame ideologia e alla feroce aggressione nazionalsocialista (e italicamente fascista)?

Davvero?
no, infatti: quello che stavo dicendo io è  che guardando a ciò che succede da un solo lato, si possono far passare per delinquenti* anche quelli che combattevano contro "l'infame ideologia e alla feroce aggressione nazionalsocialista"
più chiaro ora?

*perchè anche loro hanno fatto cose che fuori-contesto (contesto = guerra) sono infami... ma questo se appunto non si tiene conto del contesto

Quel peccato originale, sul quale non mi soffermerei più di tanto che è un altro discorso, è nato da una serie di contingenze, la seconda guerra mondiale la decolonizzazione, l'ipocrita senso di colpa dei paesi occidentali ecc.
risultato: invasione del territorio appartenente ai palestinesi (invasione dal loro punto di vista ovviamente... ma se domani per decreto divino venisse gente a prendere possesso della mia casa e delle mie cose non sarei felicissimo neanche io... e nonostante il diritto internazionale sia dalla loro, li vedrei come invasori, e immagino anche tu)


Inimmaginabili per noi, vuoi i dati, foto e video di cosa succede in tempo di pace in alcuni  paesi della regione(e non solo)?
anche in Italia avvengono omicidi, stupri, rapine e quant'altro... quindi?
(e poi che intendi con "alcuni paesi della regione"? paesi arabi?)

Sinceramente la (ri)nascita del fanatismo di stato non mi sembra che abbia determinato azioni buone e umane. Questo a partire dal rientro dello ayatollah khomeyni, che noi di sinistra ciecamente appoggiavamo contro il filo ocidentale "tiranno" Palevi. Dell'Iran ricordo, ad esempio, le ragazze in minigonna "allo struscio", ( sisi ) ora è un incubo
ma non potrebbe essere che il fanatismo sia nato in risposta all'insediamento forzato degli israeliti da parte della NATO dell'ONU?
e poi, siamo d'accordissimo sul fatto che governi che fondano le loro basi su testi "sacri" ultradatati e iper-interpretabili-alla-bisogna sono uno schifo, ti assicuro che sfondi una porta aperta! ma questo ci dà diritto ad intervenire e mettere al comando qualcuno che piace a noi in un certo momento (fatto salvo poi ri-invadere il paese per "ri-portare la pace" perchè quello che avevamo messo prima non ci piace più)?

Sul peccato originale come già accennato ci sarebbe molto d dire, io mi riferivo al fatto che il neostato superò subito la propria prova del fuoco quando gli eserciti di 5 stati arabi cercarono di distruggerla attaccando nello stesso giorno della proclamazione.
Hanno perso la guerra, hanno perso territori. Diciamo che il verdetto e il giudizio lo hanno dato le armi? Funziona sempre così.
io invece mi riferivo al fatto che se la nato non avesse deciso con un atto unilaterale di togliere territori a stati già esistenti per darli agli ebrei, quei 5 stati arabi non avrebbero attaccato nessuno...
è proprio quello che sto dicendo cazzo: è inutile cercare chi ha cominciato, perchè se si guarda dall'altra parte si vedrà sempre che ciò che è successo è stata una reazione inevitabile per un atto ingiusto commesso dagli altri, i quali hanno solamente reagito ad un'ingiustizia perpetrata dai primi, che però non potevano a quel punto fare null'altro a meno di non patire un affronto volontariamente provocatorio da parte dei primi ecc ecc ecc ecc ecc ecc ecc



quindi, tanto per essere chiaro, non sto dicendo che è colpa di israele e che i palestinesi sono vittime

io sto dicendo che sono colpevoli tanto i palestinesi quanto gli israeliani (o arabi ed ebrei, se preferisci) e che oramai è ovvio che a meno che non ci sia davvero da entrambe le parti la volontà di farla finita e trovare un accordo, questa fottuta guerra durerà nei secoli dei secoli


Ultima modifica di JoJo il Mer Lug 16 2014, 16:32, modificato 1 volta
avatar
JoJo

Messaggi : 838
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da primaverino il Mer Lug 16 2014, 16:21

Scusa Jojo... Israele non fa parte della NATO...
avatar
primaverino


Messaggi : 1626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da JoJo il Mer Lug 16 2014, 16:31

@primaverino ha scritto:Scusa Jojo... Israele non fa parte della NATO...
sbagliato sigla... volevo dire "decisione dell'ONU"

sorry (e grazie prim)
avatar
JoJo

Messaggi : 838
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Akka il Mer Lug 16 2014, 16:41

io quello che contesto è il tentativo ridicolo di scaricare tutte le colpe su hamas! lo sappiamo tutti cosa è hamas, ma bisogna anche cercare di capire perchè hamas alla fine vince le elezioni democraticamente a gaza!

è davvero troppo facile dire 'è colpa di hamas', è un modo per non riconoscere le colpe che, piaccia oppure no, israele condivide con hamas, con gli usa, inghilterra...

io posto un' intervista, se qualcuno ha voglia di leggerla vedrà che neppure gli israeliani(almeno alcuni, perfortuna..) credono a sta balla che è tutta colpa di hamas... e non credono neppure che gli integralisti stiano da una parte soltanto...

http://www.unita.it/mondo/zeev-sternhell-apartheid-br-gia-presente-in-israele-1.566954?page=2
avatar
Akka

Messaggi : 1525
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 20 Precedente  1, 2, 3, 4 ... 11 ... 20  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum