Ateismo e libertà
Benvenuto sul forum "Ateismo e libertà"

Per partecipare alle discussioni effettua il login. Non sei ancora iscritto? Registrati per iniziare a partecipare!

Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Pagina 20 di 20 Precedente  1 ... 11 ... 18, 19, 20

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Akka il Ven Nov 28 2014, 20:14

urca, deve essermi sfuggita l' ironia, credo, scusasse!

il discorso politico al di là della retorica... bo, tu che faresti? negheresti il riconoscmento della palestina se fosse in tuo potere scegliere? quali dovrebbero essere per te le condizioni affinchè possa esserci un stato palestinese? devono giurare fedeltà alla bandiera ebraica?

cioè, così non si va da nessuna parte, è 60 anni che si lascia fare ad israele e non si va da nessuna parte, anzi il sospetto(magari sospetto..) è che ci speculi traendone vantaggi...

qualcuno perfortuna inizia a dire che così non si può continuare!

tu che faresti? per me benvengano le iniziative di svezia e inghilterra, e forse spagna! sperare nell' italia è vano, è tema tabù qui da noi! siamo il primo esportatore europeo di armi in israele!

vediamo se così succede qualcosa, l' alternativa è continuare a fregarsene..



avatar
Akka

Messaggi : 1525
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da silvio il Ven Nov 28 2014, 21:38

Ashke ha scritto:A me pare un discorso molto politico, comunque se vi interessano solo le parti di pura retorica c'è poco da dire

Akka se ti attacchi anche alle battute....

Il discorso è semplice e molto chiaro e rispecchia una realtà indiscutibile:

Israele rischia la distruzione per mano del mondo arabo (il pericolo è reale perchè in larga parte della popolazione araba il desiderio di buttare a mare gli ebrei è evidente)

Quindi la sicurezza fisica viene prima di tutto.

Su questo sono d'accordo e penso lo siano tutti, il buon senso lo dice.

Però bisogna vederla in un modo politico e rivolto al futuro, è vero che le risoluzioni Onu Israele le ha accettate, con qualche distrazione pesante, però nel contesto di una situazione straodinaria, cioè la creazione di un nuovo stato venuto dal nulla e in mezzo ad un'altra popolazione che ha finito per venirne schiacciata, una verità che non può essere negata.
D'altra parte il nuovo stato era quello degli ebrei, dei rifugiati, degli idealisti, uno zoccolo duro sopravvissuto non tanto alle persecuzioni ma al naturale assorbimento nei paesi di origine.
In quel periodo creare un stato del genere non aveva scelta che la guerra contro gli arabi.

Ma dai duri anni 50/60/70 molte cose sono cambiate, l'Egitto ha di fatto accettato la pace e non costituisce un pericolo, almeno con i governi laici al potere, la Giordania ha scelto la pace da tempo, il Libano una volta riprese le parti sotto controllo di Israele, a parte Hezbollah, ma che non rappresenta tutto il paese, non ha nessun interesse a fare una politica antisionista, la Siria è a terra, l'Iraq è lontano e steso, l'Iran lontano ed è più un cane che abbaia che morde.

Quindi i grossi nemici rimangono i palestinesi e libanesi di hezbollah, ma anche i palestinesi non sono tutti feroci, molti lavorano in israele e non hanno alcun interesse a rompere i coglioni a chi da loro uno stipendio.

Non mi preoccuperei più di tanto dell'ISIS perchè si stanno scavando la fossa da soli, USA e Europa interverranno presto, aspettano solo perchè vogliono la testa di Assad.

I termini per un cammino di pace sia pur flebili ci sono, ma serve da parte della dirigenza Israeliana un profilo basso, soprattutto gli ambasciatori, che purtroppo si distinguono sempre per una mancanza di diplomazia, li scelgono così, non si capisce perchè.
Io trovo che nel discorso riportato da AshKe manchi proprio questo.
Ma è dovuto alla mancanza di sensibilità politica nei confronti di un soggetto importante nello scenario ma sottovalutato, l'europa.
L'Europa può svolgere un ruolo importante nello sviluppo di una pace duratura, ma deve essere trattata in un certo modo, perchè di fondo ha una cultura in parte ambigua, c'è l'antisionismo non neghiamolo, ma più che altro ha ripudiato la retorica ed il militarismo.
Con la giusta capacità e rinunciando a certi termini retorici e pettoruti, israele potrebbe portare a se i paesi europei, rinfrancare il rapporto con la casa bianca visto il nuovo corso USA portato da Obama, ottenendo molto, perchè nessuno in europa o in occidente ha interesse a vedere Israele a terra, anzi.

Concludendo non sono i contenuti ad essere messi in discussione ma il modo in cui vengono posti.
avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Magic Oblivion il Lun Dic 01 2014, 10:15

video molto IMPORTANTE da GUARDARE con GIULIETTO CHIESA
(diffondetelo il piu possibile gli eventi stanno precipitando....)

https://www.youtube.com/watch?v=5u2UZgcMV-0

Magic Oblivion

Messaggi : 169
Data d'iscrizione : 05.10.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Akka il Mar Dic 09 2014, 13:23

Importanze iniziativa di alcuni influenti intellettuali israeliani.
Gli scrittori Amos Oz, David Grossman e Abraham Yehoshua hanno firmato una petizione che chiede ai parlamenti europei di riconoscere la Palestina come Stato.
OLTRE 800 FIRME. Secondo l'organizzazione 'Gush Shalom', citata da Haaretz, i tre autori hanno firmato la richiesta insieme ad altri 800 israeliani tra cui il premio Nobel Daniel Kahneman.


http://www.lettera43.it/cronaca/stato-di-palestina-petizione-di-oz-grossman-e-yehosua_43675150509.htm

ah... questa gente contro i palestinesi... diffidente
avatar
Akka

Messaggi : 1525
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da silvio il Mer Dic 10 2014, 01:05

@Akka ha scritto:Importanze iniziativa di alcuni influenti intellettuali israeliani.
Gli scrittori Amos Oz, David Grossman e Abraham Yehoshua hanno firmato una petizione che chiede ai parlamenti europei di riconoscere la Palestina come Stato.
OLTRE 800 FIRME. Secondo l'organizzazione 'Gush Shalom', citata da Haaretz, i tre autori hanno firmato la richiesta insieme ad altri 800 israeliani tra cui il premio Nobel Daniel Kahneman.


http://www.lettera43.it/cronaca/stato-di-palestina-petizione-di-oz-grossman-e-yehosua_43675150509.htm

ah... questa gente contro i palestinesi... diffidente

Sono uomini illuminati e saggi, ho molta stima per questi grandi scrittori, trall'altro uno ha perso il figlio in Libano, ucciso in azione.
Ritengo che trovare un dialogo vero e riconoscere ai Palestinesi un diritto rafforzi la componente moderata degli stessi.
avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Fux il Ven Gen 16 2015, 18:23


_________________
Il mio blog su ateismo e dintorni: https://ioateo.wordpress.com/

Fux


Messaggi : 7890
Data d'iscrizione : 02.01.14

https://ioateo.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da primaverino il Ven Gen 16 2015, 19:48


Perché scandalosa è la medesima c.p.i.
avatar
primaverino


Messaggi : 1626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Fux il Ven Gen 16 2015, 19:51

@primaverino ha scritto:

Perché scandalosa è la medesima c.p.i.
Boh, può darsi, sinceramente non ho un'opinione in merito. boh
Però, posto che la C.P.I. esiste, e al di là del giudizio sulla stessa, perché questa particolare decisione sarebbe scandalosa?

_________________
Il mio blog su ateismo e dintorni: https://ioateo.wordpress.com/

Fux


Messaggi : 7890
Data d'iscrizione : 02.01.14

https://ioateo.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da primaverino il Ven Gen 16 2015, 20:42

@Fux ha scritto:
@primaverino ha scritto:

Perché scandalosa è la medesima c.p.i.
Boh, può darsi, sinceramente non ho un'opinione in merito. boh
Però, posto che la C.P.I. esiste, e al di là del giudizio sulla stessa, perché questa particolare decisione sarebbe scandalosa?
Perché l'illegittimità scandalosa della cpi determina giudizi inficiati dalla sua insussistenza di merito.
Illegittima la cpi, illegittimo qualsiasi suo pronunciamento.
avatar
primaverino


Messaggi : 1626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Fux il Ven Gen 16 2015, 21:22

Ok, ma a prescindere da ciò (su cui, ripeto, non ho un'opinione fondata), non mi pare che questa particolare decisione abbia qualcosa di scandaloso. È scandaloso ipotizzare che Israele possa aver commesso crimini di guerra?

_________________
Il mio blog su ateismo e dintorni: https://ioateo.wordpress.com/

Fux


Messaggi : 7890
Data d'iscrizione : 02.01.14

https://ioateo.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da delfi68 il Sab Gen 17 2015, 12:44

Israele HA e Tutt'ora copie crimini di guerra.

Il tribunale dell'aja ha aperto un indagine proriro perchè la lubnga storia dell'occupazione israeliana dei territori è pregna di solidissimi indizi (se non prove) che siano stati perpetrati crimini di guerra sulla popolazione civile.


_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Akka il Dom Gen 18 2015, 15:44

si ma son cose che si sanno da 40 anni, anzi da sempre...

l' opinione pubblica occidentale inizia ad accorgersene solo ora, e dunque pretende prese di posizione da parte della politica, che piano piano, con molto timore, iniziano ad arrivare, specie nei paesi in cui la questione palestinese è meno tabù che in italia(fatalità primo partner commerciale militare in europa di israele!)
avatar
Akka

Messaggi : 1525
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da silvio il Dom Mar 22 2015, 23:33

La vittoria della destra in Israele getta il paese in una pericolosa situazione, traggo questa notizia da ANSA che mi sembra preoccupante.

La cantante Noa e' stata assalita verbalmente all'aeroporto di Tel Aviv, al ritorno dall'Italia.
''Nemica d'Israele - le e' stato urlato - ti tratteremo come Yehonatan Gefen'', uno scrittore di sinistra percosso giorni fa.
''Una situazione d'incubo'' scrive Noa, su Facebook. ''Proprio una bella accoglienza mi attendeva all'aeroporto... ''scrive ancora Noa, con sarcasmo. ''Carina, ah ? Benvenuti nell'incubo in cui ci siamo risvegliati''. In successive dichiarazioni al sito Walla, Noa (Achinoam Nini) imputa questo ed altri episodi analoghi al clima di radicalizzazione politica impresso a suo avviso dal premier Benyamin Netanyahu. ''Ho l'impressione di trovarmi in un luogo pericoloso'', esclama. ''Sta a lui esprimere una dura condanna'' Noa quindi collega l'attacco verbale da lei subito all' attacco contro lo scrittore di sinistra Yehonatan Gefen (aggredito venerdi' scorso da uno sconosciuto penetrato nella sua abitazione) e alle minacce lanciate contro il cantante Assaf Avidan da un noto estremista di destra. ''Tutti i diavoli - avverte - sono adesso usciti dalla bottiglia''
avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da nemo il Dom Mar 22 2015, 23:57

@silvio ha scritto:La vittoria della destra in Israele getta il paese in una pericolosa situazione, traggo questa notizia da ANSA che mi sembra preoccupante.

La cantante Noa e' stata assalita verbalmente all'aeroporto di Tel Aviv, al ritorno dall'Italia.
   ''Nemica d'Israele - le e' stato urlato - ti tratteremo come Yehonatan Gefen'', uno scrittore di sinistra percosso giorni fa.
   ''Una situazione d'incubo'' scrive Noa, su Facebook. ''Proprio una bella accoglienza mi attendeva all'aeroporto... ''scrive ancora Noa, con sarcasmo. ''Carina, ah ? Benvenuti nell'incubo in cui ci siamo risvegliati''. In successive dichiarazioni al sito Walla, Noa (Achinoam Nini) imputa questo ed altri episodi analoghi al clima di radicalizzazione politica impresso a suo avviso dal premier Benyamin Netanyahu. ''Ho l'impressione di trovarmi in un luogo pericoloso'', esclama. ''Sta a lui esprimere una dura condanna'' Noa quindi collega l'attacco verbale da lei subito all' attacco contro lo scrittore di sinistra Yehonatan Gefen (aggredito venerdi' scorso da uno sconosciuto penetrato nella sua abitazione) e alle minacce lanciate contro il cantante Assaf Avidan da un noto estremista di destra. ''Tutti i diavoli - avverte - sono adesso usciti dalla bottiglia''

Gli anti-semiti alla Rasputin direbbero che sono notizie false. Fra di loro gli "ebrei" se le danno solo per finta.
Io ritengo che gli attuali sionisti corrispondano ad un modello di destra ultra reazionaria (e teocratica integralista) e ci si può aspettare solo il peggio

nemo

Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da silvio il Lun Mar 23 2015, 16:20

@nemo ha scritto:
@silvio ha scritto:La vittoria della destra in Israele getta il paese in una pericolosa situazione, traggo questa notizia da ANSA che mi sembra preoccupante.

La cantante Noa e' stata assalita verbalmente all'aeroporto di Tel Aviv, al ritorno dall'Italia.
   ''Nemica d'Israele - le e' stato urlato - ti tratteremo come Yehonatan Gefen'', uno scrittore di sinistra percosso giorni fa.
   ''Una situazione d'incubo'' scrive Noa, su Facebook. ''Proprio una bella accoglienza mi attendeva all'aeroporto... ''scrive ancora Noa, con sarcasmo. ''Carina, ah ? Benvenuti nell'incubo in cui ci siamo risvegliati''. In successive dichiarazioni al sito Walla, Noa (Achinoam Nini) imputa questo ed altri episodi analoghi al clima di radicalizzazione politica impresso a suo avviso dal premier Benyamin Netanyahu. ''Ho l'impressione di trovarmi in un luogo pericoloso'', esclama. ''Sta a lui esprimere una dura condanna'' Noa quindi collega l'attacco verbale da lei subito all' attacco contro lo scrittore di sinistra Yehonatan Gefen (aggredito venerdi' scorso da uno sconosciuto penetrato nella sua abitazione) e alle minacce lanciate contro il cantante Assaf Avidan da un noto estremista di destra. ''Tutti i diavoli - avverte - sono adesso usciti dalla bottiglia''

Gli anti-semiti alla Rasputin direbbero che sono notizie false. Fra di loro gli "ebrei" se le danno solo per finta.
Io ritengo che gli attuali sionisti corrispondano ad un modello di destra ultra reazionaria (e teocratica integralista) e ci si può aspettare solo il peggio

In Israele ci sono tante persone come Noa, purtroppo la destra fa pressione sulla paura, ricordiamo uno che tutto era tranne che tenero.

avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Israele a un passo da guerra. Abu Mazen, "e' genocidio"

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 20 di 20 Precedente  1 ... 11 ... 18, 19, 20

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum