Ateismo e libertà
Benvenuto sul forum "Ateismo e libertà"

Per partecipare alle discussioni effettua il login. Non sei ancora iscritto? Registrati per iniziare a partecipare!

Dilemmi morali

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da Daniela1968 il Ven Giu 13 2014, 20:55

@elima ha scritto:
Ben tornata, mi sei mancata.  bacio 

 fiori 

Per quanto riguarda il tema del 3D suppongo che la fregatura stia nel fatto che spesso è molto diverso ciò che faremmo davvero in certe situazioni rispetto a ciò che desidereremmo fare a mente lucida.

Del primo quesito poi non mi è mai piaciuta la parte che sottolinea il "ciccione", forse davvero è inteso come "solo un ciccione può fermare un treno" ma visto il non nesso con la realtà dei fatti, ci ho sempre letto un po' di malizia, come se fosse stato messo lì per vedere se le persone sarebbero state disposte più facilmente a sacrificare un "ciccione" rispetto a George Clooney.

Il quesito del PS è posto in modo ingenuo visto che nessuno in una fase di concitazione può sapere chi vivrà e chi morrà. Troppo facile rispondere "i meno gravi". In realtà ci occuperemmo del più grave (come infatti fanno in tutti i PS del mondo) a rischio di perdere 5 all'apparenza meno gravi. Ma chi può saperlo?
Per cui secondo me, questo quesito non aggiunge nulla al nostro sapere sul nostro modo di decidere "moralmente-eticamente-civilsocialmente".

Gli altri devo rileggerli con calma  lookaround 
avatar
Daniela1968

Messaggi : 117
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da joker il Sab Giu 14 2014, 11:28

1. Si. Con dispiacere ma meglio 1 che 5.
1b. Assurdo. Comunque no.
2. Piuttosto inverosimile, comunque per istinto mi dedicherei prima alla vittima in condizioni disperate.
2b. Assolutamente no.
3. Tiro dritto attaccandomi ai freni e contemporaneamente al clakson/sirena o quel che è.
4. No. No. I 10.000 sono certi e subito mentre i 50.000 solo ipotizzati e con possibilità di ovviare in altro modo.
5. Si. Con raccapriccio, disgusto e rimorsi, ma si.
avatar
joker

Messaggi : 410
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da Fux il Sab Giu 14 2014, 19:38

@Daniela1968 ha scritto:
 ça_va 
Penso che me lo procurerò. smile 

Comunque, mi pare che le risposte siano abbastanza uniformi, a parte per la 4. Alla 5 sono se non sbaglio sono l'unico che ha risposto che non torturerebbe l'innocente. lookaround

_________________
Il mio blog su ateismo e dintorni: https://ioateo.wordpress.com/

Fux


Messaggi : 7890
Data d'iscrizione : 02.01.14

https://ioateo.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da Diva il Lun Giu 16 2014, 00:37

Ottimi consigli Dani, ho letto di recente "Menti selvagge" di Hauser e l'ho trovato molto interessante... non credo pero' che si trovi ancora in commercio, almeno io non l'avevo trovato, forse lo puoi reperire in biblioteca perche' e' un'edizione fuori catalogo.

Tornando ai dilemmi morali... io risponderei piu' o meno come tutti voi... Quello su cui vale la pena di riflettere comunque e' che e' molto molto difficile trovare una spiegazione razionale alle nostre scelte morali. Di fronte a questi (ed altri) dilemmi ci si sente di dare determinate risposte senza riuscire poi a giustificarle razionalmente. Come se la moralita' sia un qualcosa di estremamente intuitivo e che dipende dal riuscire a "sentire" l'altro piu' che da un tipo di ragionamento logico-razionale. Anche gli esperimenti di Milgram (se non li conoscete fate un giretto su Google, sono interessanti), mostrano che piu' si e' lontani -nello spazio- dal soggetto che prova dolore, piu' si e' inclini ad ignorare i suoi lamenti e a continuare ad infliggere la punizione. Lo stesso si puo' dedurre anche dal fatto che molti di noi sono pronti a sacrificare le persone lontane sul binario, ma nessuno di noi se la sentirebbe di spingere un uomo dal ponte. In linea teorica pero' se si e' disposti a deviare il corso del treno, si dovrebbe anche acconsentire a spingere l'uomo dal ponte (se la regola morale seguita fosse quella che privilegia la scelta di salvare il numero maggiore di vite)...
Se da una parte questo puo' essere "spaventoso" (non esistono regole morali precise che dovremmo seguire? Va tutto in base al sentire del momento?), dall'altra credo che questo meccanismo sia molto efficace dal punto di vista evolutivo.
Ci sono diverse scuole di pensiero che propongono altrettante teorie morali/etiche, ma tutte partono dall'intuizione pre-razionalesu cosa sia giusto e sbagliato, per cercare di formulare un principio generale che segua le regole della logica. E tutti questi principi vengono prontamente invalidati da puntuali controesempi che mettono in crisi le definizioni di "azione moralmente giusta". In un certo senso il discorso sembra simile a quello della lingua, prima gli umani hanno iniziato a parlarla e hanno visto che funzionava bene per capirsi... e poi e' arrivato qualcuno a scrivere i libri di grammatica cercando di raggruppare i casi sotto regole e definizioni, ma essendo una creazione degli uomini per gli uomini, ci si imbatte in una marea di eccezioni che sembrano smentire le regole.

_________________
Il fatto che, quando sono innamorati, quasi tutti facciano della poesia mostra chiaramente che il pensiero concettuale non basta a esprimere l'infinità interiore. (E. Cioran)
avatar
Diva


Messaggi : 1133
Data d'iscrizione : 30.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da Fux il Lun Giu 16 2014, 18:59

@Diva ha scritto:su cui vale la pena di riflettere comunque e' che e' molto molto difficile trovare una spiegazione razionale alle nostre scelte morali.
Già, proprio così.  ça_va Nel primo degli esempi viene spontaneo giustificare la risposta con un argomento utilitaristico (faccio deviare il treno perché lascio morire una persona invece di cinque), però nel secondo nessuno di noi ha risposto che spingerebbe una persona davanti al treno per salvare le altre cinque. Quindi chiaramente il ragionamento utilitaristico non è sufficiente a giustificare la scelta. È una questione interessante. smile

_________________
Il mio blog su ateismo e dintorni: https://ioateo.wordpress.com/

Fux


Messaggi : 7890
Data d'iscrizione : 02.01.14

https://ioateo.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da alberto il Mar Giu 17 2014, 12:34

l'argomento è molto interessante.
scendendo di molto ma entrando nel mondo reale, guidando un'auto puoi trovarti di fronte a un pedone, un cane, un uccellino, una lucertola. la tua mente elabora in microsecondi un comportamento che sarà diverso nei diversi casi, senza che ci sia stato il tempo materiale di effettuare un vero e proprio ragionamento. insomma, si agisce d'istinto. quell'istinto morale ancestrale cui si fa cenno in precedenza.
questo mi ricorda un esempio che avevo inserito in un testo teatrale e di cui mi sembra di aver parlato qualche tempo fa su questo forum o sul precedente.
vi ricordate silver surfer? era l'araldo di Galactus. andava in giro a scoprire mondi che galactus poteva mangiare, poi trova la terra e a lui sembra bellissima e se ne innamora e chiede a galactus di risparmiarla.
e galactus gli dice: "per me un mondo è un minuscolo insignificante pezzetto di cibo di cui non mi curo." e così per noi. c'è una gerarchia di valori che è anche dimensionale, lo stesso motivo per cui ci curiamo di un cane ma non di un uccellino, o di un uccellino ma non di una farfalla ecc.
la morale dettata in un libro è una cosa da ridere.
avatar
alberto


Messaggi : 845
Data d'iscrizione : 31.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da Psyre il Ven Lug 18 2014, 14:25

Rispondo:
1)Sei il conducente di un treno. Hai perso completamente il controllo della vettura, i freni non funzionano. Davanti a te, sui binari, ci sono 5 operai innocenti che stanno per essere investiti. Alla velocità a cui stai andando, l'impatto li ucciderà tutti. C'è uno scambio però, che porta ad un altro binario, dove un solo operaio sta lavorando. Puoi girare il volante, e decidere di uccidere una persona invece che cinque.
Giri quel volante oppure no?
Non giro il volante perché non c'è nessun volante

1b)Situazione affine. C'è sempre un treno che sta andando a velocità allucinante, questa volta senza conducente. Sul binario, cinque operai stanno lavorando ignari della morte che si sta per rovesciargli addosso. Questa volta sei su un cavalcavia. Ti senti completamente inerme, ma ti rendi conto che, appoggiato alla ringhiera, c'è un grossissimo uomo obeso, sporto oltre il parapetto. Puoi dargli, senza alcuno sforzo, uno spintone, e buttarlo di sotto: la sua obesità è certamente in grado di fermare il treno, ma la caduta senza alcun dubbio lo ucciderà. Puoi dare la spinta, e decidere di uccidere una persona invece che cinque.
Spingi l'uomo obeso oppure no?
Non lo spingo perchè la cosa non avrebbe senso  no! 

2)Sei un medico chirurgo in un pronto soccorso italiano. Siccome il pronto soccorso è italiano, c'è una grandissima carenza di personale. Un'ambulanza scarica le 6 vittime di un tremendo incidente ferroviario. Cinque di loro sono ferite seriamente, mentre una è gravissima. Se dedichi tutta la tua attenzione alla vittima gravissima, è molto probabile che tu riesca a salvarlo, ma che le altre cinque persone muoiano. Se distribuisci la tua attenzione tra i 5 meno feriti, morirà solo il paziente ferito gravemente. Se distribuisci uniformemente la tua attenzione tra tutti i feriti, quasi certamente moriranno tutti.
A chi dedichi la tua attenzione?
Penso seguirò la prassi, prima il ferito grave, poi vedo come si evolve mano a mano la situazione.

2b)Ora sei un medico chirurgo, ma in una clinica privata. Qui ci sono 5 pazienti che hanno tremendamente bisogno di un trapianto, ciascuno di un organo differente: se non lo riceveranno entro una settimana, moriranno. C'è un paziente, però, che è arrivato in clinica, stamattina, per un check-up. E' perfettamente sano e compatibile con tutti quelli che hanno bisogno di un trapianto. In questo momento sta facendo un pisolino. E' anche un'immigrato clandestino non registrato, senza famiglia né amici che potrebbero mai risalire a qualsiasi cosa gli stia succedendo.
Espianteresti i suoi organi per salvare 5 altre persone?
No perché non mi salterebbe proprio in testa.

3)Stai guidando. Sei in una stretta galleria, e un operaio esce da un tombino davanti a te. Alla tua velocità, non c'è tempo per frenare: se prosegui dritto, lo decapiterai certamente, uccidendolo sul colpo. D'altro canto, se sterzi e lo eviti andando contromano, farai un frontale con uno scuolabus, uccidendo almeno due bambini rischiando anche di perdere la vita nello scontro. Cosa fai?
Andando dritto con il piede sul freno, suono ripetutamente il clacson. Magari il tipo capisce in che situazione si è andato ad immischiare e torna giù.

4)Sei un tenente dell'aeronautica statunitense durante la seconda guerra mondiale. Diecimila civili vivono vicino ad una fabbrica di munizioni in Giappone.Se bombardi la fabbrica, e la fai esplodere, i diecimila civili moriranno. Se non la bombardi, la fabbrica produrrà bombe che ammazzeranno cinquantamila civili nel pacifico e in europa.
Daresti l'ordine ? Saliresti sul bombardiere?
Non ho fatto nè avrò mai intenzione di fare il militare.

5)Un terrorista cristiano ha preso il controllo di un ordigno nucleare, e l'ha nascosta da qualche parte a New York. Dal momento che è convinto che questo provocherà la seconda venuta di Cristo, nessuna forma di interrogazione o tortura è in grado di estrarre informazioni da lui. La bomba esploderà entro 2 ore. Il terrorista cederà tutte le informazioni che volete se messo di fronte alla tortura di sua moglie, completamente innocente esclusa la colpa di essere sposata con questo tizio.
Torturereste un innocente per salvare 8 milioni di persone?
Aridaje, un'altra situazione dove c'ho la palla di vetro. La palla di vetro non ce l'ho.
Comunque penso che valuterei la fattibilità di una collaborazione con la moglie. Se la moglie ci sta all'interpretazione, bon (lei e gli altri 8 milioni di persone salvate, lui ciulato); altrimenti la si comincia a torturare sul serio perché significherebbe che poi tanto innocente non era (lui ciulato, 8 milioni di persone salvate).
avatar
Psyre

Messaggi : 403
Data d'iscrizione : 26.06.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da elima il Ven Lug 18 2014, 14:46

@Psyre ha scritto:
2)Sei un medico chirurgo in un pronto soccorso italiano. Siccome il pronto soccorso è italiano, c'è una grandissima carenza di personale. Un'ambulanza scarica le 6 vittime di un tremendo incidente ferroviario. Cinque di loro sono ferite seriamente, mentre una è gravissima. Se dedichi tutta la tua attenzione alla vittima gravissima, è molto probabile che tu riesca a salvarlo, ma che le altre cinque persone muoiano. Se distribuisci la tua attenzione tra i 5 meno feriti, morirà solo il paziente ferito gravemente. Se distribuisci uniformemente la tua attenzione tra tutti i feriti, quasi certamente moriranno tutti.
A chi dedichi la tua attenzione?
Penso seguirò la prassi, prima il ferito grave, poi vedo come si evolve mano a mano la situazione.
No, la prassi è che si curano prima gli altri.


il triage è funzionale a far sì che tutto l'impianto del soccorso funzioni efficientemente per salvare il maggior numero di persone, dovendo a volte scegliere di dirigere le cure solo verso chi, soccorso prontamente, ha più probabilità di sopravvivere.


_________________
"Primo di tutti fu il Caos" Esiodo (Theog. 116)

Jesus promised the end of all wicked people
Odin promised the end of all Ice Giants
I don't see many Ice Giants around ....
avatar
elima


Messaggi : 1316
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da Psyre il Ven Lug 18 2014, 14:53

@elima ha scritto:...
No, la prassi è che si curano prima gli altri.


il triage è funzionale a far sì che tutto l'impianto del soccorso funzioni efficientemente per salvare il maggior numero di persone, dovendo a volte scegliere di dirigere le cure solo verso chi, soccorso prontamente, ha più probabilità di sopravvivere.


Sul serio? E la storia del prima il codice rosso? ... mi andrò ad informare meglio. Grazie  yessir 
avatar
Psyre

Messaggi : 403
Data d'iscrizione : 26.06.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da Angelica il Ven Lug 18 2014, 23:26

@Fux ha scritto:Thread copiato spudoratamente da un altro forum.  mgreen 

Consideriamo le seguenti situazioni:

1)Sei il conducente di un treno. Hai perso completamente il controllo della vettura, i freni non funzionano. Davanti a te, sui binari, ci sono 5 operai innocenti che stanno per essere investiti. Alla velocità a cui stai andando, l'impatto li ucciderà tutti. C'è uno scambio però, che porta ad un altro binario, dove un solo operaio sta lavorando. Puoi girare il volante, e decidere di uccidere una persona invece che cinque.
Giri quel volante oppure no?

1b)Situazione affine. C'è sempre un treno che sta andando a velocità allucinante, questa volta senza conducente. Sul binario, cinque operai stanno lavorando ignari della morte che si sta per rovesciargli addosso. Questa volta sei su un cavalcavia. Ti senti completamente inerme, ma ti rendi conto che, appoggiato alla ringhiera, c'è un grossissimo uomo obeso, sporto oltre il parapetto. Puoi dargli, senza alcuno sforzo, uno spintone, e buttarlo di sotto: la sua obesità è certamente in grado di fermare il treno, ma la caduta senza alcun dubbio lo ucciderà. Puoi dare la spinta, e decidere di uccidere una persona invece che cinque.
Spingi l'uomo obeso oppure no?

2)Sei un medico chirurgo in un pronto soccorso italiano. Siccome il pronto soccorso è italiano, c'è una grandissima carenza di personale. Un'ambulanza scarica le 6 vittime di un tremendo incidente ferroviario. Cinque di loro sono ferite seriamente, mentre una è gravissima. Se dedichi tutta la tua attenzione alla vittima gravissima, è molto probabile che tu riesca a salvarlo, ma che le altre cinque persone muoiano. Se distribuisci la tua attenzione tra i 5 meno feriti, morirà solo il paziente ferito gravemente. Se distribuisci uniformemente la tua attenzione tra tutti i feriti, quasi certamente moriranno tutti.
A chi dedichi la tua attenzione?

2b)Ora sei un medico chirurgo, ma in una clinica privata. Qui ci sono 5 pazienti che hanno tremendamente bisogno di un trapianto, ciascuno di un organo differente: se non lo riceveranno entro una settimana, moriranno. C'è un paziente, però, che è arrivato in clinica, stamattina, per un check-up. E' perfettamente sano e compatibile con tutti quelli che hanno bisogno di un trapianto. In questo momento sta facendo un pisolino. E' anche un'immigrato clandestino non registrato, senza famiglia né amici che potrebbero mai risalire a qualsiasi cosa gli stia succedendo.
Espianteresti i suoi organi per salvare 5 altre persone?

3)Stai guidando. Sei in una stretta galleria, e un operaio esce da un tombino davanti a te. Alla tua velocità, non c'è tempo per frenare: se prosegui dritto, lo decapiterai certamente, uccidendolo sul colpo. D'altro canto, se sterzi e lo eviti andando contromano, farai un frontale con uno scuolabus, uccidendo almeno due bambini rischiando anche di perdere la vita nello scontro. Cosa fai?

4)Sei un tenente dell'aeronautica statunitense durante la seconda guerra mondiale. Diecimila civili vivono vicino ad una fabbrica di munizioni in Giappone.Se bombardi la fabbrica, e la fai esplodere, i diecimila civili moriranno. Se non la bombardi, la fabbrica produrrà bombe che ammazzeranno cinquantamila civili nel pacifico e in europa.
Daresti l'ordine ? Saliresti sul bombardiere?

5)Un terrorista cristiano ha preso il controllo di un ordigno nucleare, e l'ha nascosta da qualche parte a New York. Dal momento che è convinto che questo provocherà la seconda venuta di Cristo, nessuna forma di interrogazione o tortura è in grado di estrarre informazioni da lui. La bomba esploderà entro 2 ore. Il terrorista cederà tutte le informazioni che volete se messo di fronte alla tortura di sua moglie, completamente innocente esclusa la colpa di essere sposata con questo tizio.
Torturereste un innocente per salvare 8 milioni di persone?

Cosa fareste in queste situazioni? E sapreste giustificare le vostre scelte? Sia chiaro che non ci sono risposte giuste o sbagliate.
Io formulerei questo dilemma "morale" ( che a mio avviso morale non è)  come segue, in quanto ritengo essere il primo step trovare la domanda per poter risolvere un problema.
"un'azione morale è riducibile a questioni quantitative, a ordini di grandezza?"
Ecco, a mio avviso, questo è il dilemma in gioco.
avatar
Angelica

Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 09.07.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da delfi68 il Dom Lug 20 2014, 22:26

"un'azione morale è riducibile a questioni quantitative, a ordini di grandezza?"


se devi decidere della morte in ogni caso, meglio ridurre i morti.

quindi secondo me non e' questione etica o morale, ma semplicemente logica.

piu'  difficile se devi scegliere tra un morto e un morto, uno a uno. Chi scegli?
ad esempio tra un bambino e un adulto..un adulto e un anziano, un anziano e un bambino...donna uomo, bambina o bambino..invalido o sano..

ecco che sono cazzi..tra uno e uno il dilemma si complica..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da delfi68 il Dom Lug 20 2014, 22:29

..sul secondo quesito..eh..credo che spunti fuori la mia parte piu' ombrosa..torturerei senza pieta' la moglie innocente,non ho dubbi..se devo salvare qualche milione di mogli innocenti, ne taglio a fettine una sola, senza dubbio..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da Fux il Dom Lug 20 2014, 22:31

@Angelica ha scritto:"un'azione morale è riducibile a questioni quantitative, a ordini di grandezza?"
Secondo me questi quesiti (e le risposte che la maggior parte di noi ha dato) dimostrano che non è sufficiente fare considerazioni puramente numeriche. Ad esempio, nel quesito 1b "converrebbe" spingere l'uomo dal cavalcavia, salvando così cinque vite al costo di una, però nessuno di quelli che ha risposto farebbe questa scelta. smile 

_________________
Il mio blog su ateismo e dintorni: https://ioateo.wordpress.com/

Fux


Messaggi : 7890
Data d'iscrizione : 02.01.14

https://ioateo.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da Tommy the Cat il Dom Lug 20 2014, 23:01

Leggendo sul principio di non aggressione:
Some critics argue that the non-aggression principle is unethical because it opposes the initiation of force even when the results of such initiation would be better (though not necessarily for each and every individual involved) than any other course of action. Suppose, for example, that you could save a million lives by killing one innocent person. The non-aggression principle holds that you should not kill that person, which is consistent with a non-collectivist, non-utilitarian worldview. However, this leads to a million deaths, which, according to utilitarian philosophers such as John Stuart Mill, is morally reprehensible. Advocates of NAP argue that milder forms of the same dilemma (for example, the choice between taking away part of a wealthy person's property or allowing a poor person to starve) are useful in explaining the validity of the NAP, as the above situation would constitute theft.[citation needed]

Another response to this argument would be that no one has a positive right to be saved. Some critics see the denial of positive rights as unethical but most libertarians argue that positive rights conflict with the right to self-ownership and self-determination of every individual and would legitimize some form of slavery.[69]
Trad. veloce:
Alcuni critici sostengono che il principio di non aggressione non è etico perché si oppone all'uso della forza anche quando questa porterebbe ad un risultato migliore(non necessariamente per ogni singolo individuo coinvolto) di ogni alternativa.
Si supponga, ad esempio, di poter salvare un milione di vite uccidendo un innocente. Il principio di non aggressione afferma che quella persona non andrebbe uccisa, il che è consistente con una visione non-collettivista e non-utilitaria. In ogni caso, questo porterebbe a milioni di morti, il quale, secondo filosofi utilitaristici come John Stuart Mill, è moralmente riprovevole.
I sostenitori del PNA sostengono che versioni più leggere dello stesso dilemma(ad esempio la scelta tra prendere parte dei beni di una persona ricca e permettere ad una povera di morire) sono utili per spiegare la validità del PNA, in quanto la situazione esposta costituirebbe furto[citazione necessaria].

Un altra risposta a questo argomento è che nessuno ha il "diritto positivo" ad essere salvato. Alcuni critici vedono la negazione dei diritti positivi come non etica ma buona parte dei libertari sostengono che i diritti positivi sono in conflitto con il diritto alla proprietà di se stessi e all'autodeterminazione di ogni individuo e potrebbero legittimare alcune forme di schiavitù.
avatar
Tommy the Cat


Messaggi : 1566
Data d'iscrizione : 30.12.13

http://ateismoeliberta.forumattivo.eu

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da elima il Lun Lug 21 2014, 12:31

@Fux ha scritto:
@Angelica ha scritto:"un'azione morale è riducibile a questioni quantitative, a ordini di grandezza?"
Secondo me questi quesiti (e le risposte che la maggior parte di noi ha dato) dimostrano che non è sufficiente fare considerazioni puramente numeriche. Ad esempio, nel quesito 1b "converrebbe" spingere l'uomo dal cavalcavia, salvando così cinque vite al costo di una, però nessuno di quelli che ha risposto farebbe questa scelta. smile 
1b) e 2b) Ci pongono l'identico dubbio: uccidere un'innocente per salvarne altri destinati a morire.
La questione è tutta lì: se il ciccione o l'immigrato non fossero "al posto giusto al momento giusto" le persone in questione non sarebbero salvabili, quindi la nostra morale ci impone di fingere che non ci siano.
Le persone che invece si trovano "al posto sbagliato al momento sbagliato" sono sacrificabili.

_________________
"Primo di tutti fu il Caos" Esiodo (Theog. 116)

Jesus promised the end of all wicked people
Odin promised the end of all Ice Giants
I don't see many Ice Giants around ....
avatar
elima


Messaggi : 1316
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da Fux il Lun Lug 21 2014, 14:11

Avevo letto da qualche parte che il punto era che riteniamo sbagliato "usare" un'altra persona come mezzo, anche se questo significa salvare più vite. Nel primo dilemma del treno, la vittima è un "danno collaterale", per cui è lecito deviare il treno per salvare cinque vite al prezzo di una, mentre nel secondo l'uomo sul cavalcavia sarebbe usato come mezzo per fermare il treno, e quindi non è più lecito sacrificare quella vita per salvarne cinque.

_________________
Il mio blog su ateismo e dintorni: https://ioateo.wordpress.com/

Fux


Messaggi : 7890
Data d'iscrizione : 02.01.14

https://ioateo.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da elima il Lun Lug 21 2014, 15:42

Mi sembra plausibile fino alla moglie del terrorista, lì la usiamo ...  question 

_________________
"Primo di tutti fu il Caos" Esiodo (Theog. 116)

Jesus promised the end of all wicked people
Odin promised the end of all Ice Giants
I don't see many Ice Giants around ....
avatar
elima


Messaggi : 1316
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da Fux il Lun Lug 21 2014, 15:49

@elima ha scritto:Mi sembra plausibile fino alla moglie del terrorista, lì la usiamo ...  question 
Io ho risposto che non la userei. lookaround Ma sono l'unico, mi sa... lookaround 

_________________
Il mio blog su ateismo e dintorni: https://ioateo.wordpress.com/

Fux


Messaggi : 7890
Data d'iscrizione : 02.01.14

https://ioateo.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da Angelica il Lun Lug 21 2014, 16:32

@elima
1b) e 2b) Ci pongono l'identico dubbio: uccidere un'innocente per salvarne altri destinati a morire.
Anche nella 1 ne va di uccidere un innocente per salvarne altri destinati a morire. Quel che cambia però rispetto alla situazione all' 1b è la ns posizione.


Ultima modifica di Angelica il Lun Lug 21 2014, 17:00, modificato 1 volta
avatar
Angelica

Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 09.07.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da Angelica il Lun Lug 21 2014, 16:57

---- pasticcio mio ----
avatar
Angelica

Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 09.07.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da Psyre il Mar Lug 22 2014, 14:21

dipende anche dall'empatia che si innesca con la persona "sacrificabile"
avatar
Psyre

Messaggi : 403
Data d'iscrizione : 26.06.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da Angelica il Mar Lug 22 2014, 15:33

@Psyre ha scritto:dipende anche dall'empatia che si innesca con la persona "sacrificabile"
Concordo ci sta una molteplicità di concause ed ingredienti, più o meno consci, che agiscono nel processo decisionale.
avatar
Angelica

Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 09.07.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da Fux il Mar Lug 22 2014, 15:55

Sì, chiaro. Ad esempio, se non si ha a che fare con sconosciuti, e una (o più) delle persone che si deve scegliere se salvare o sacrificare è una persona cara, le risposte probabilmente cambierebbero...

_________________
Il mio blog su ateismo e dintorni: https://ioateo.wordpress.com/

Fux


Messaggi : 7890
Data d'iscrizione : 02.01.14

https://ioateo.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dilemmi morali

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum