Ateismo e libertà
Benvenuto sul forum "Ateismo e libertà"

Per partecipare alle discussioni effettua il login. Non sei ancora iscritto? Registrati per iniziare a partecipare!

Filosofia fuori dai testi filosofici...

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Ludwig von Drake il Ven Gen 03 2014, 19:35

Spesso si parla di filosofia e si immaginano noiosissimi saggi, ma stralci di filosofia possono essere trovati nei posti più disparati, quali libri fantasy:
"C'è un solo dio e il suo nome è Morte" disse Syrio "e c'è una sola cosa che diciamo alla Morte: "Non oggi".
Oppure in un film di fantascienza:
“Hai mai fatto un sogno tanto realistico da sembrarti vero? E se da un sogno così non dovessi più svegliarti, come potresti distinguere il mondo dei sogni dalla realtà?”
o
Desidero condividere con te una geniale intuizione che ho avuto, durante la mia missione qui. Mi è capitato mentre cercavo di classificare la vostra specie. Improvvisamente ho capito che voi non siete dei veri mammiferi: tutti i mammiferi di questo pianeta d'istinto sviluppano un naturale equilibrio con l'ambiente circostante, cosa che voi umani non fate. Vi insediate in una zona e vi moltiplicate, vi moltiplicate finché ogni risorsa naturale non si esaurisce. E l'unico modo in cui sapete sopravvivere è quello di spostarvi in un'altra zona ricca. C'è un altro organismo su questo pianeta che adotta lo stesso comportamento, e sai qual è? Il virus. Gli esseri umani sono un'infezione estesa, un cancro per questo pianeta: siete una piaga.
… e ancora in un fumetto:
Non riusciremo mai a scoprire se è nato prima l'uovo o la gallina finché non ci domanderemo che parte abbia avuto in tutto questo il gallo!
ops :D , ho citato male, volevo incollare questa:
L'orrore di Inverary, in fondo, mi fa sentire vivo... mi rende ancor più cosciente della mia vita... bella o brutta che sia... inutile... ridicola... forse senza scopo... solo un istante nell'eternità... ma un istante da vivere, comunque... e se non è così, che Dio, la materia, l'universo intero abbiano pietà di me...

Per chi fosse interessato, le frasi sono prese rispettivamente da “le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco”, Matrix e Dylan Dog.
… e voi? Qualche frase comparsa in luoghi inaspettati vi ha sorpreso?
Please, non citatemi 3MSC scritto sul muro dietro casa!!!
 ciao 
(grazie per la faccina)

Ludwig von Drake

Messaggi : 1121
Data d'iscrizione : 03.01.14

http://martinedentree.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Akka il Ven Gen 03 2014, 20:52

a me ci sono un sacco di cose che mi lasciano di stucco... per esempio una marmocchia che mi abita di fianco, mi ha fatto un paio di domande sconvolgenti, e m' ha davvero steso!

prima domanda:''ma esiste lo spazio vuoto?''( a scuola avevano fatto quella roba del tubo di vetro sotto vuoto al cui interno gli oggetti cadono alla stessa velocità, piume comprese...), e io non sapevo bene come risponderle... ma le ho detto che penso di si

e lei mi ha chiesto:''ok, prendi il tubo e crei il vuoto, però se sposti il tubo si sposta anche il vuoto quindi??''

ecco questa m' ha sconvolto... intuisco che la questione non va posta in questi termini... però davvero mi fa capire quanto non capisco un tubo(per restare in tema) di ste robe... che minchia è lo spazio vuoto???

secondo me una marmocchia di 9 anni che si fa una domanda del genere è un genio comunque...

Akka

Messaggi : 1525
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Lyallii il Ven Gen 03 2014, 20:58

Quello che mi domando è come gli possa esser venuto in mente di chieder a te...

_________________
Il mio zito virtuale è fuxino, il mio amante geloso è akka!
 cuori

Lyallii


Messaggi : 2626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Akka il Ven Gen 03 2014, 21:02

:Risatona:  :Risatona:  :Risatona:  

c' hai ragione c' hai!!! ma vedi, come tutte le signorine è una chiacchierona di prima, e ogni volta ti racconta per filo e per segno la sua giornata, e se non la ascolti si incazza pure perchè è un tantino egocentrica!!!

Akka

Messaggi : 1525
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Lyallii il Ven Gen 03 2014, 21:05

Prima o poi quando torno d avere un telefono, ti chiamo e ti rincretinisco di chiacchere per un paio di ore  :Risatona:  

_________________
Il mio zito virtuale è fuxino, il mio amante geloso è akka!
 cuori

Lyallii


Messaggi : 2626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Lyallii il Ven Gen 03 2014, 21:08

Siamo OT, per la prima volta!
Io e akka!


_________________
Il mio zito virtuale è fuxino, il mio amante geloso è akka!
 cuori

Lyallii


Messaggi : 2626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Akka il Ven Gen 03 2014, 21:09

ah che bello!!! ma sai che risatone!!  :Risatona:

ps è va be', il primo ot... è uno sporco lavoro, ma qualcuno doveva farlo  mgreen : 

Akka

Messaggi : 1525
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Mazda il Ven Gen 03 2014, 21:42

e dove poteva comparire il primo OT, se non in un 3d a tema filosofico??
certe tradizioni non cambiano!!  mgreen : 

Mazda

Messaggi : 513
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Mazda il Ven Gen 03 2014, 22:14

ecco il mio primo post con contenuto quasi serio...

parto col film che nell'altro forum mi faceva da avatar.
carlito's way con al pacino.

carlito brigante:
"Arrivati a una certa età, si ricorda sempre un motivo per cui qualcuno vuole il tuo male, e pensi che abbiano tutti ragione. Però sai che qualcuno dev'essere in malafede. O forse sono tutti in malafede. Ma quando non riesci più a vederci chiaro, allora sei nei guai, di brutto."


forse può sembrare poco filosofico...
ma se ci sei dentro... è vero.
come i guai.
di brutto!

e quella notte la ho superata solo fermando il mondo e affrontando la sfida dell'inconscio che voleva mangiarsi tutto... allora ho comiciato a pensare... dopo due ore di fantarazionalizzazioni c'era finalmente ancora un filo rosso da seguire, sottile,...

era la mia dignità,
la mia identità e tutto ciò in cui ho creduto.

e seppure mi risuonasse la frase di gail:
"Sì, ho avuto un sogno, Charlie. Ma ora sono sveglia. E lo odio quel mio sogno."
son riuscito a ripetermi:
"Non ci resta più tanto tempo... Il sogno non diventerà realtà da solo: dobbiamo corrergli dietro, adesso."
ben consapevole che:
"Questa è la mia vita. Io sono come sono, nel bene e nel male:
non posso farci niente."



Mazda

Messaggi : 513
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Mazda il Ven Gen 03 2014, 22:17

ma forse poteva bastare vasco...

cambiamenti.

Cambiare macchina è molto facile
Cambiare donna un po’ più difficile
Cambiare vita è quasi impossibile
Cambiare tutte le abitudini
Eliminare le meno utili
E cambiare direzione

Cambiare marca di sigarette
O cercare perfino di smettere
Non è poi così difficile
È tenere a freno le "passioni"
Non "farci prendere" dalle emozioni
E "non indurci in tentazioni"

Cambiare logica è molto facile
Cambiare idea già un po’ più difficile
Cambiare fede è quasi impossibile
Cambiare tutte le ragioni
Che ci hanno fatto fare gli errori
Non sarebbe neanche naturale

Cambiare opinione non è difficile
Cambiare partito è molto facile
Cambiare il mondo è quasi impossibile
Si può cambiare solo se stessi
Sembra poco ma se ci riuscissi
Faresti la rivoluzione

Vivere bene o cercare di vivere
Fare il meno male possibile
E non essere il migliore
Non avere paura di perdere
E pensare che sarà difficile
Cavarsela da questa situazione

Mazda

Messaggi : 513
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Diva il Ven Gen 03 2014, 22:49

I bambini spesso stupiscono con le loro domande... mia figlia alcune volte se ne esce con certi ragionamenti di metafisica veramente elaborati. L'altra sera in auto, al ritorno da una cena, stavamo parlando dei gemelli (una mia cugina ha avuto due gemelline). Quindi mi ha chiesto se davvero fossero uguali, perche' aveva notato che un'altra coppia di gemellini che conosciamo si somigliano moltissimo, ma hanno qualche piccola differenza... cosi', di discorso in discorso, siamo passate al concetto di "uguale". Cosa e' uguale? Io le ho detto che non sarebbe riuscita a trovare due oggetti perfettamente uguali... devo averla "scioccata" perche' da quel momento ha iniziato a cercare due cose perfettamente uguali nel mondo che la circonda. Prima mi portava esempi di cose complesse, poi ha capito che piu' erano semplici, piu' c'era la possibilita' che fossero simili... l'ultimo esempio e' stato "due quantita' piccolissime di aria"... quindi le ho spiegato che, seppure molto, molto simili, non saranno mai uguali, che il concetto di uguale esiste nella nostra mente appunto come "concetto", ma che due "oggetti" non sono uguali mai, perche' anche quando lo fossero per caratteristiche, differirebbero per la loro posizione nello spazio.
Al che' mi ha totalmente spiazzata dichiarando "allora non esistono nemmeno nella mente perche' quando io penso due cose uguali, ne penso prima una e poi l'altra o una vicino all'altra, quindi sono sempre diverse". Intendendo dire che A≡A non e' possibile. Dico, cazzarola, c'ha ragione... o no?  affraid 

Ad ogni modo io penso che la curiosita' filosofica sia innata nei bambini e che purtoppo il pragmatismo di molti genitori la uccide miseramente... per conto mio invece e' assolutamente da coltivare... anche se spesso mette in crisi le nostre certezze... ma d'altronde questo e' il ruolo della filosofia, quello della "torpedine marina" (cit.) yessir

Diva


Messaggi : 1133
Data d'iscrizione : 30.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Fux il Ven Gen 03 2014, 22:54

Tua figlia è un genio. sisi

_________________
Il mio blog su ateismo e dintorni: https://ioateo.wordpress.com/

Fux


Messaggi : 7890
Data d'iscrizione : 02.01.14

https://ioateo.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Diva il Ven Gen 03 2014, 23:51

@Fux ha scritto:Tua figlia è un genio. sisi

Tutta sua madre...  clown 


Io adoro parlare con i bambini... hanno tantissimo da insegnarci, posseggono quel tipo di saggezza che noi perdiamo crescendo.  wink 

Diva


Messaggi : 1133
Data d'iscrizione : 30.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Mix il Sab Gen 04 2014, 01:02

Di' a tua figlia che nella mente l'uguaglianza immaginata di due oggetti/soggetti è circoscritta ad alcune caratteristiche tra le moltissime appartenenti alle classi prese in esame.
Per esempio i gemelli sono uguali (approssimativamente) per i tratti somatici.
I loro pensieri sono autonomi e diversi. Alcuni schemi mentali possono facilmente essere uguali tra i gemelli. Ma possono essere *uguali* anche tra un gemello ed un estraneo e non tra i gemelli.
il pensiero è schematizzazione, catalogazione, rappresentazione.
Le parole per supportarlo sono strumenti limitati. Pensare preverbalmente è una capacità utilissima.
Separare l'idea di *rappresentazione* dalle parole strumentalmente usate per *costruirla* , tale rappresentazione è un'utilissima presa di consapevolezza. Perché le parole a volte vengono usate per imbrogliare le carte. È utilissimo andare oltre la suggestione delle parole e focalizzare l'attenzione sull'essenza delle cose.
Non sarà sempre possibile *rappresentare* con accuratezza tutti i dettagli del pensiero profondo, in parte preverbale; ma partire da una comprensione migliore può permettere di costruire rappresentazioni più precise.
Può fare una riflessione su "mappe e territori" : l'unica mappa perfetta di un territorio è il territorio stesso. Che perciò resta al di fuori di una rappresentabilità totale senza approssimazioni.
Te l'ho già scritto che tua figlia mi pare veda quello che normalmente non vediamo.

Mix

Messaggi : 1974
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Ludwig von Drake il Sab Gen 04 2014, 07:07

@Mazda ha scritto:ma forse poteva bastare vasco...
[...]
Beh, se vogliamo citare Vasco:
Voglio trovare un senso a questa voglia
Anche se questa voglia un senso non ce l'ha

Sai che cosa penso
Che se non ha un senso
Domani arriverà...
Domani arriverà lo stesso

Per ora non passo a Guccini, De André e I Nomadi perché sarebbe troppo facile.

Diva, tua figlia é un genio! Del resto la mela non cade mai lontano dall’albero…
A questo punto, peró, non ho capito io: un elettrone non é uguale a un altro?

Comunque, come credo abbia detto anche Mix, di norma si parla di uguaglianze relative che nascono dalla capacitá che ci ha reso la specie “dominante” sul pianeta terra: la capacitá di astrazione, che ci porta a poter affermare che possiamo associare la componente unitaria sia alla capra che alla mela. Detta cosí mi rendo conto di non essere stato chiaro, penso che l’argomento meriti una trattazione a se stante.

Tornando alla filosofia fuori dai libri di filosofia, eccola in un fumetto (Batman):
Le armi sono strumenti... ma sono strumenti che rendono tutto troppo facile. Qualsiasi strumento con cui togliere la vita diventa semplice come schiacciare un pulsante è sbagliato, tutto qua.

Ludwig von Drake

Messaggi : 1121
Data d'iscrizione : 03.01.14

http://martinedentree.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Mazda il Sab Gen 04 2014, 11:57

insomma, non esiste filosofia più facile, solo perchè parte da una frase di un film, di un bambino, o di una canzone.

i temi son sempre quelli.

e restano irrisolti e probabilmente irrisolvibili.

basterebbe continuare di un solo step la riflessione della figlia di diva per essere già nelle questioni classiche della filosofia che hanno turbato parmenide, platone, aristotele...

l'uno e il molteplice, il divenire e quindi il cambiamento e l'identità, il "ti esti" (che cosa è? quindi la natura, l'essenza delle cose), e le loro relazioni (finali, causali...),...


basterebbe una sola risposta in più a quella bimba per essere già nel dilemma se l'esistenza delle mele implichi l'esistenza della idea di mela...e se l'esistenza dell'idea sia uguale all'esistenza dell'ente...e se i numeri esistono davvero...
se l'essere sia univoco... e se essere uguale a ... voglia dire essere la stessa cosa di... (come la mette diva parlando di spazio e tempo)
ma non andiamo oltre.

vi lascio con una frasetta tosta... è già troppo filosofia vera.
"Non è possibile che l’essere sia un genere. E’ necessario, infatti, che le differenze di ciascun genere
siano, e che ciascuna differenza sia una … Ne segue che, se l’essere è genere, nessuna differenza
potrà né essere né essere una."
( Met. B3, 998 b 22-27)

Si, dal libro della metafisica...

è una pena che oggi, per motivi ideologici e pragmatici, si continui e si incrementi, nella massa, a ritenere cose come la metafisica o l'ontologia cazzate inutili...

in realtà sono prima della fisica, prima della ragione... le ragioni della ragione, e della fisica, e di tutto...


l'uomo parlerà sempre di questo, anche se si è "stancato" di farlo in maniera sistematica e trova più utile trastullarsi con gadget tecnologici innovativi.

ma il mistero più grande riguarda l'intuizione.
come fanno i bambini, prima ancora di aver sviluppato una razionalità in grado di seguire le astrazioni della filosofia, a intuire i problemi?
questo mistero si manifesta anche nella scienza, da quando ci si è resi consapevoli del falsificazionismo e dei problemi con l'induzione.

come l'uomo conosce?
cosa l'uomo conosce?

quando poi, riprendendo lud nella sua citazione di vasco, si passa al piano del senso...
beh...
lì la filosofia si intreccia, odora di religioso.


forse è per quella parte, riguardante di più l'etica, l'antropologico, che molti poi la snobbano come fantasia e pseudo religione.


ma dell'uomo SI DEVE parlare, più di ogni altra cosa, perchè...
cazzo, perchè noi siamo uomini e non banane...


per dirla alla kant:
« Ogni interesse della mia ragione (tanto quello speculativo quanto quello pratico) si concentra nelle tre domande seguenti:
Che cosa posso sapere?
Che cosa devo fare?
Che cosa ho diritto di sperare? »
(Immanuel Kant, Critica della ragion pura)

è chiaro che se la prima domanda resta più sul piano epistemologico, le altre due entrano a pieno titolo nei temi che trattano anche le religioni.

ma l'uomo è questo.
è l'uomo che ha inventato le religioni per rispondere a un bisogno REALE.

e lo vediamo nei bambini, che senza sovrastrutture impiantate nel cervello, sono capaci di spiazzare le nostre certezze con una semplice domanda che noi non ricordiamo neppure di esserci mai fatti...
in realtà probabilmente ce la siamo fatta, ma i grandi ci hanno insegnato che non era importante, che dovevi colorare gli spazi vuoti, e mettere i triangoli coi triangoli e i quadrati coi quadrati... come scimmie da laboratorio...

ma noi siamo uomini.


e l'uomo prima di tutto chiede "perchè?"









Mazda

Messaggi : 513
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da alberto il Sab Gen 04 2014, 12:34

io però in questo trovo un problema.
che è un problema "buono" spero, cioè foriero di conversazione, di ramificazione.

siamo uomini e non banane...
1. questo mi colma di meraviglia positiva, siamo una specie giovane e maldestra, ancora invischiata nelle sue naturalità (nonostante una arrembante evoluzione sociale e culturale), eppure in grado di avvicinarsi a conoscenze che esulano persino dal suo ambito percepibile. ma non è straordinario che possa parlare di quasar e di quark? la banana che ci precedeva di milioni di anni l'abbiamo lasciata al palo!
certo, si vede attorno a questo ancora nebbia, ma questo non frena, non sminuisce, non banalizza.
se l'uomo riuscirà a frenare l'impulso distruttivo che potrebbe trascinarlo in una catastrofe, che cose incredibili riuscirà a fare! non ho intenzione di avere un approccio fideistico dicendo che l'uomo "conoscerà" tutto, figuriamoci, ma amico Mazda non scommetterei troppo su frasi del tipo "temi irrisolti e probabilmente irrisolvibili"... il ragazzo sembra piuttosto sveglio...

2. penso che buona parte dei problemi sia di natura strutturale. la necessità di definizione è causa stessa di fallacità della definizione di sua incompletezza, a volte si ha l'impressione che le parole si accartoccino su di loro e si nascondano a vicenda. questo è un lato della filosofia che mi respinge, che mi sa di autoreferenziale e di dibattito sterile.

in tutto questo c'è però una cosa di cui la frequentazione del forum mi ha aiutato a prendere atto, ed è capire che la filosofia ha un valore strutturale e per alcuni rappresenta una guida nella esplorazione del mondo, quella filosofia che come mi avete insegnato è anche alla base dei miei ragionamenti, per la struttura stessa che il pensiero ha.

io ritengo la conoscenza in campo scientifico più interessante e più diretta, più coinvolgente e più in sintonia con quelli che sono i miei parametri di elaborazione del pensiero, ma ho capito che anche questa è filosofia. la vita è una sola e non si può studiare tutto. quando la filosofia mi porrà domande spero che avrò questo forum a disposizione per farmi suggerire delle risposte.

alberto


Messaggi : 845
Data d'iscrizione : 31.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Ludwig von Drake il Sab Gen 04 2014, 13:37

[PIPPONE NERD ON]
Beh, con tale nome non mi sarei aspettato una profondità differente… e non può che strapparmi un sorriso il fatto che chi porti tale nick inserisca come uno dei primi post uno che parla di cosa sia il “conoscere”. Perché qualcuno si stará chiedendo, la risposta è che Mazda è il secondo nome della divinità dello zoroastrismo (Ahura Mazda) e che questo secondo nome deriva dal verbo “imparare, apprendere”.
[PIPPONE NERD OFF]

Ludwig von Drake

Messaggi : 1121
Data d'iscrizione : 03.01.14

http://martinedentree.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Akka il Sab Gen 04 2014, 13:48

@Mix ha scritto:Di' a tua figlia che nella mente l'uguaglianza immaginata di due oggetti/soggetti è circoscritta ad alcune caratteristiche tra le moltissime appartenenti alle classi prese in esame.
Per esempio i gemelli sono uguali (approssimativamente) per i tratti somatici.
I loro pensieri sono autonomi e diversi. Alcuni schemi mentali possono facilmente essere uguali tra i gemelli. Ma possono essere *uguali* anche tra un gemello ed un estraneo e non tra i gemelli.
il pensiero è schematizzazione, catalogazione, rappresentazione.
Le parole per supportarlo sono strumenti limitati. Pensare preverbalmente è una capacità utilissima.
Separare l'idea di *rappresentazione* dalle parole strumentalmente usate per *costruirla* , tale rappresentazione è un'utilissima presa di consapevolezza. Perché le parole a volte vengono usate per imbrogliare le carte. È utilissimo andare oltre la suggestione delle parole e focalizzare l'attenzione sull'essenza delle cose.
Non sarà sempre possibile *rappresentare* con accuratezza tutti i dettagli del pensiero profondo, in parte preverbale; ma partire da una comprensione migliore può permettere di costruire rappresentazioni più precise.
Può fare una riflessione su "mappe e territori" : l'unica mappa perfetta di un territorio è il territorio stesso. Che perciò resta al di fuori di una rappresentabilità totale senza approssimazioni.
Te l'ho già scritto che tua figlia mi pare veda quello che normalmente non vediamo.

ecco il problema mappa-territorio... certo non riusciremo mai a rappresentare il territorio in modo completo, perchè farlo vorrebbe dire perfetta coincidenza di mappa e territorio, quindi la mappa nemmeno servirebbe più... però la questione è un più radicale ancora secondo me, provo a spiegarmi con un esempio

io sono nella mia stanza, e cerco darne una descrizione il più accurata possibile attraverso una rappresentazione, una mappa, ebbene inizierò a trasporre in una certa scala ogni dettaglio fino al grado di precisione cui voglio arrivare, e fin qui tutto ok... ad un certo punto mi accorgo di una cosa però...caspita!! all' interno della stanza ci sono pure io! allora se voglio rappresentare la realtà in modo accurato sulla mia mappa dovrò esserci anche io! e qui sorge un altro problema, perchè se voglio una descrizione accurata dovrò anche tenere conto che io sto creando una mappa, quindi sulla mia mappa dovrò esserci io che creo la mappa, e se voglio essere ancora più accurato, su questa mappa all' interno della mappa dovrò esserci di nuovo io che creo un' ulteriore mappa, e così via all' infinito...

insomma, la nostra rappresentazione della realtà, da quel chi mi pare di capire, è per forza incompleta, e questo è determinato dall' essere parte della realtà che vorremmo descrivere, insomma non è una questione puramente quantitativa, ma qualitativa

Akka

Messaggi : 1525
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Diva il Sab Gen 04 2014, 15:55

@Mazda ha scritto:
è una pena che oggi, per motivi ideologici e pragmatici, si continui e si incrementi, nella massa, a ritenere cose come la metafisica o l'ontologia cazzate inutili...

[...]

l'uomo parlerà sempre di questo, anche se si è "stancato" di farlo in maniera sistematica e trova più utile trastullarsi con gadget tecnologici innovativi.

[...]

e lo vediamo nei bambini, che senza sovrastrutture impiantate nel cervello, sono capaci di spiazzare le nostre certezze con una semplice domanda che noi non ricordiamo neppure di esserci mai fatti...
in realtà probabilmente ce la siamo fatta, ma i grandi ci hanno insegnato che non era importante, che dovevi colorare gli spazi vuoti, e mettere i triangoli coi triangoli e i quadrati coi quadrati... come scimmie da laboratorio...

ma noi siamo uomini.


e l'uomo prima di tutto chiede "perchè?"

Il tuo post mi ha commossa... saranno fortunati i tuoi figli, c'e' molta luce nelle tue parole.  yessir 

Diva


Messaggi : 1133
Data d'iscrizione : 30.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da delfi68 il Sab Gen 04 2014, 15:57

La filosofia e' come un revolver in una fondina..se al fianco di un fanatico serve solo per sparare cazzate.

La filosofia e' troppo comoda alle prestidigitazioni solipsistiche, va somministrata e assunta con estrema cautela..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!

delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Mix il Sab Gen 04 2014, 16:51

@delfi68 ha scritto:La filosofia e' come un revolver in una fondina..se al fianco di un fanatico serve solo per sparare cazzate.

La filosofia e' troppo comoda alle prestidigitazioni solipsistiche, va somministrata e assunta con estrema cautela..
Concordo sulla cautela, dissento sull'arma.
Siamo in grado benissimo di evidenziare i *trucchi* linguistici che vengono utilizzati quando si vuole usare il prodotto del pensiero per scopi di sopraffazione.
Altro discorso essere in grado di impedire queste sopraffazioni, a prescindere dagli strumenti utilizzati dai *carnefici*.
Spesso la cattiva filosofia è solo uno dei tanti strumenti a disposizione nell'arsenale dei prepotenti.
Che possono sfoderare benissimo anche altre armi alternative e diverse, per addivenire ai loro scopi.
A quel punto è solo questione di costi/benefici, per loro, ma anche per chi gli si contrappone.
E spessissimo è una questione di STUPIDITA', che affligge i prepotenti.

Anche la filosofia soffre del problema della mappa e del territorio, ma anche per un deficit strumentale: deve usare le parole e le parole non possono rappresentare completamente la realtà.
Oltre al problema della precisione, inevitabilmente sempre relativa
e del problema dell'osservatore che condiziona, modifica, l'osservabile.

Mix

Messaggi : 1974
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da delfi68 il Sab Gen 04 2014, 16:54

porc..

quoto tutto ovviamente, ehh..e' quello che volevo dire io!! ..quando cresco ti picchio!!!

mannaggia a me che quel giorno ero malato e non sono andato a scuola!

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!

delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Diva il Sab Gen 04 2014, 16:57

@delfi68 ha scritto:La filosofia e' come un revolver in una fondina..se al fianco di un fanatico serve solo per sparare cazzate.

La filosofia e' troppo comoda alle prestidigitazioni solipsistiche, va somministrata e assunta con estrema cautela..

Vero, gia' Platone si preoccupava, nella sua polemica contro i sofisti, di un cattivo uso della filosofia... pero', come ha giustamente detto Mix, tutti gli strumenti possono essere adoperati per raggiungere obiettivi poco virtuosi.

Per come la vedo io la filosofia - intendo il "fare filosofia" - non e' una semplice disciplina, ma un modo di essere e di agire che e' in primo luogo ricerca... ricerca in senso piu' lato possibile e in questo rientra anche la scienza, perche' solo con la divisione settoriale delle scienze (e tecniche) si e' vista la separazione -e alcune volte contrapposizione, purtroppo- tra scienza e filosofia.

_________________
Il fatto che, quando sono innamorati, quasi tutti facciano della poesia mostra chiaramente che il pensiero concettuale non basta a esprimere l'infinità interiore. (E. Cioran)

Diva


Messaggi : 1133
Data d'iscrizione : 30.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Diva il Sab Gen 04 2014, 16:59

@Mazda ha scritto:

i temi son sempre quelli.

e restano irrisolti e probabilmente irrisolvibili.

Ho letto recentemente alcune riflessioni di Adorno sulla "decidibilita'" delle questioni filosofiche e sul loro continuo riproporsi nella storia del pensiero umano... e' un argomento estremamente interessante... metto insieme le idee e appena le ho riordinate (non le mie, quelle di Adorno, riassunte e rielaborate da me), ci apro un thread.  yessir 

Diva


Messaggi : 1133
Data d'iscrizione : 30.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Filosofia fuori dai testi filosofici...

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum