Ateismo e libertà
Benvenuto sul forum "Ateismo e libertà"

Per partecipare alle discussioni effettua il login. Non sei ancora iscritto? Registrati per iniziare a partecipare!

Poesia e racconti direttamente dal cuore..

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Poesia e racconti direttamente dal cuore..

Messaggio Da Ludwig von Drake il Dom Ago 17 2014, 17:19

Forte come una roccia,
fragile come il vetro.

Il titolo promette bene, ma è solo un gran casino.

Son pensieri confusi, sensazioni imbarazzanti.

È un ragazzo o forse un uomo, è qualcosa che non so.

È la morte sulla soglia e la vita un po’ sprecata.

È tutto questo bene, di cui non chiediamo mai il senso.
È tutto questo male, di cui chiediamo sempre il senso.
È tutto ed è nulla.

È …
o sono?
Chi, sono?
Sono prosa e non poesia.

Sono la polvere che non s’accetta,
la dannata confusione che si rotola nel fango,
questa maschera da guitto, che non ride di se stessa.

Una domanda,
quella resta,
ma non vedo quale sia.



em.il.
avatar
Ludwig von Drake

Messaggi : 1121
Data d'iscrizione : 03.01.14

http://martinedentree.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesia e racconti direttamente dal cuore..

Messaggio Da delfi68 il Mar Ago 26 2014, 19:16

Quella telefonata dal mare..



il dolore e il piacere di veder cambiare il mondo e restare sempre uguali..

non crescere mai e' contemporaneamente bellissimo e dolorisissimo..restare a diciasette anni d'eta' quando il tuo mondo cambia ed esige da te un uguale cambiamento e' un connubbio di emozioni che spesso ferisce..



Il mondo e la societa' pretendono da te che ti adegui..che ti responsabilizzi, che assumi impegni e debiti, in cambio ti accompagna senza troppi scossoni verso la morte con la falsa poesia di un eterno riposo..

Sono dolori e frustrazioni per chi non ne e' capace..



non e' piu' permesso ne dal tempo ne dalle circostanze dare ancora il primo bacio..non e' piu' permesso prendersi ancora la prima cotta d'amore..non si puo' piu' piangere per il primo amore lasciato o tradito..

tutto questo si fa una volta sola..ogni altra e' la seconda..la terza..la quarta..tutto diluito nel tempo, che come una fotocopia perde i suoi contorni nitidi e un'estate assomiglia sempre piu' di piu' a tutte le altre..



Persino la neve che mi riempiva il cuoredi felicita' e il sudore sotto la giacca a vento delle prime battaglie a palle di neve e' une'emozione sempre piu' sfumata sebbene ancora oggi, la prima cosa che faccio quando nevica e' fare una palla di neve e tirarla!



nessuna macchina al mondo sara' mai piu' bella e bellissima della mia prima auto, un alfa 75 con il carburatore andato e la seconda che grattava..nessuna delle piu' costose e meravigliose sara' mai cosi..con quei sedili mezzi sfondati e quell'odore di benzina di decine di guarnizioni andate e marcite..

Al mondo non interessa..al mondo non interessa delle emozioni che mi concede una volta e una soltanto..il mondo pensa che io tanto cresco..che tanto m'e' bastata quella volta e quella soltanto dovevo avere.

Che tanto si cresce, gli impegni cambiano, gli interessi maturano..ci sono le responsabilita' dell'uomo, del padre, dell'operaio e infine del vecchio..



E invece ci sono gli incapaci, chi non cresce..per un difetto di sicuro..per un torto mai dimenticato o per un incapacita' ottusa..
Questi che non sanno mai rassegnarsi alla scadenza di ogni prima volta..che non puo' mai piu' tornare. Tutto cio' che accade accade per la prima volta una volta sola..

A questi che non rimane altro da fare che reinventarsi mille e mille volte di nuovo qualcosa che sara' la prima volta..fino a diventare un pazzo, un diverso, un emarginato incapace e irresponsabile..

Sempre con il fiato corto impegnato a rincorrere qualcosa e poi ancora e poi ancora..



E' la voce sussurrata di una bambina al telefono che ti dice "..ma io non ti posso dimenticare mai.." quell'unica emozione che invece non si diluisce mai..e non lo sapevo che c'era qualcosa che non si consuma mai..che e' sempre la prima volta, sempre uguale, sempre forte, con lo stesso numero di lacrime ogni volta..

Non sono io, allora, che non so piu' emozionarmi come la prima volta..e' solo che il mondo cambia ed e' lui che invecchia e non e' piu' capace di stupirmi..di farmi piangere.

Non lo avrei capito se non avessi avuto lei..

E cosi resto con tutti i miei dolori e le mie corse, con tutte le mie incapacita'..con l'impossibilita' di crescere e di capire questo mondo che va fin troppo veloce e  che non raggiungero' mai..

ma almeno ho le mie lacrime di gioia, almeno per questo unico e meraviglioso momento che e' sempre la prima volta..ogni volta che succede.


_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesia e racconti direttamente dal cuore..

Messaggio Da Ludwig von Drake il Mar Ago 26 2014, 19:55

Storia di tempo addietro...

-----------

“Buongiorno”.

Silenzio e sguardo fisso sul PC.

Resto fisso davanti a lei. Posso sembrare un imbecille o un matto, ma non m’interessa. Il mio sguardo è il solito, forse un po’ strano, ma fa nulla tanto quanto fa niente che questa frase suoni così male. Resto fermo lì davanti e aspetto.


Sospira, poi alza lo sguardo. Mi guarda un po’ impaurita, mi sa che ho proprio l’aria da matto, che confermo quando le sorrido e ripeto “buongiorno”.

Lei accenna un timido “ciao” e abbassa di nuovo gli occhi sul PC.

Un bel lunedì di merda è iniziato.

Dopo aver passato l’intero fine settimana nel buco del culo del mondo ricoperto da una maledetta neve che non ti ha permesso neanche di andare a prendere il latte, almeno un buongiorno decente lo meriti, no? Almeno un saluto non strappato con i denti, cavolo!

Fa nulla, di nuovo: queste due parole stamattina mi piacciono.

Con il mio bel “ciao” in tasca mi metto alla mia scrivania, accendo il PC e me ne vado a prendere il caffè, anche perché di lunedì mattina pure il computer sembra non avere voglia di lavorare.

Passo per i corridoi e mi accorgo che la vita esiste, che non sono l’unico che ha voglia di fare una chiacchiera e due risate. Al caffè si parla, si sparla e si ride. Si ride di nulla, di un “che posto di merda” o di “io in ferie non ci vado, mi pagano per non fare un cazzo” e di “sei un ramo secco”.

Purtroppo, però, a me non mi pagano per non fare un cazzo (e che “a me mi” non si dovrebbe dire non me ne potrebbe fregare di meno) e non me la sento neanche di essere pagato per non fare una mazza. Quindi, torno nel mio allegrissimo ufficio e dalla signora simpatica quanto un riccio nelle mutande o quanto un micino, di quelli piccoli, che con le sue unghiette aguzze resta attaccato allo scroto.


Fuori è gelido, ma questa è più gelida e acida dell’ambiente. Guardo alla neve che cade, mi rilassa un po’, ma un sospiro inutile mi ansia e un’urgenza inventata mi strappa tutta la calma che lo zen mi ha insegnato. Delle sue urgenze e dei suoi sospiri bisogna parlare, ma ora è lunedì mattina e le parole sono poche.

Esultiamo quando esce, pur sapendo che rientrerà. Oggi sarà dura arrivare alle diciotto.

em.il.
avatar
Ludwig von Drake

Messaggi : 1121
Data d'iscrizione : 03.01.14

http://martinedentree.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesia e racconti direttamente dal cuore..

Messaggio Da alberto il Mer Ago 27 2014, 11:18

un testo che ho scritto e che non ho ancora usato.


capita di svegliarsi
con un’urgenza dentro
un rovo carico di more
irraggiungibili

capita di trovarsi
disposti a perder sangue
ruolo dignità ed onore
per quelle more

capita di trovarsi
vestiti in modo giusto
con guanti spessi e gli stivali
pronti a provare

capita di addentrarsi
dentro a quel rovo oscuro
e farsi largo a colpi di pennato
e di futuro

ma quando sei proprio in mezzo
ti accorgi che tutte le more son raccolte
è il passato affamato di more
di storie di emozioni di attenzione
di poesia di amore

allora ti prego amore mio
perdona questo mio cestino vuoto
guarda i graffi sul mio viso
e carezzalo un momento

perché
capita di svegliarsi
con un urgenza dentro
e il rovo è carico di more
ma sono irraggiungibili.
avatar
alberto


Messaggi : 845
Data d'iscrizione : 31.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesia e racconti direttamente dal cuore..

Messaggio Da delfi68 il Mer Ago 27 2014, 23:12

..bellissima..e certamente da leggersi di notte, come quando era notte, forse, quando l'hai scritta.

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Dormire, morire, forse sognare

Messaggio Da Ludwig von Drake il Lun Ott 27 2014, 06:14

www.amazon.it/gp/aw/d/B00OX6O1UC?cache=bf84806f3972b3bbd26a3656c403a9f8&pi=SY200_QL40&qid=1414386540&sr=8-1#ref=mp_s_a_1_1

Ragazzi, se vi andasse di leggere qualcosa di leggero nei ritagli di tempo al costo di meno di tre caffè...

Giulio è uno dei tanti lavoratori precari del sud Italia sopraffatto da prepotenze e malasorte.
Ritrovatosi disteso in strada in stato confusionale inizia un viaggio tra i ricordi per capire come sia successo.

Ciaooooo

Ah, il titolo è: Dormire, morire, forse sognare
avatar
Ludwig von Drake

Messaggi : 1121
Data d'iscrizione : 03.01.14

http://martinedentree.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesia e racconti direttamente dal cuore..

Messaggio Da Ludwig von Drake il Lun Ott 27 2014, 15:16

Un estratto per voi:

“E’ vero, voi giovani state sempre seduti” disse con la sua voce rauca “senza fa nù cazz” e qui ci fu la pausa teatrale del personaggio. Inspirò rumorosamente, entrò meglio nella parte e partì a parlare della sua famiglia: “Mio nipote” pausa “che può avere” pausa “tredici anni? Invece di scendere, stare un po’ in mezzo alla via a giocare a pallone, sta sempre a casa davanti al computér. Mò gli hanno regalato pure la pé stesciòn e…”
“Don Pé, i caffè sono pronti”. Grandissimo Gennarino e la sua abitudine di interromperlo!
“Eh?” chiese il vecchio.
“I caffè, don Pé. Giulio adda turnà a faticà. E’ vero Giulio?”
“Eh sì” quasi esultai, sebbene mostrassi un fare rammaricato per non far dispiacere il barista.
“Vabbuò, vabbuò, vabbuò” il suo famigerato triplo Va Buono “e se i caffè sono pronti si devono portare, che sennò si fanno freddi e non sia mai! Sono per il dottore, vero?”
“Sì”.
“Io il dottore me lo ricordo quando era bambino, aveva l’età di mio nipote, ma che ci teneva! Non come questi ragazzi di oggi…”
“Don Pé, Giulio se n’adda je” disse Gennarino...
avatar
Ludwig von Drake

Messaggi : 1121
Data d'iscrizione : 03.01.14

http://martinedentree.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesia e racconti direttamente dal cuore..

Messaggio Da delfi68 il Lun Ott 27 2014, 15:27

quoto

sta mattina sono a Milano, sono casa per tre giorni di riposo.
Sta mattina alle 7,30 mentre prendo il caffè vedo entrare tre poliziotti e un paio del 118..si infilano sulla scala di fronte alla mia, e rispuntano sulla ringhiera di cortile al secondo piano.

Giù nel cortile di questa casa della vecchia milano c'è un parrucchiere x donna, un pellettiere un pasticcere, c'è pure il circolino del PD.
Quando si scende in cortile a prendere la bicicletta o per uscire si passa in mezzo a questa "corte" di balconi a ringhiera e queste botteghe, porte aperte. Si vede L'Enrico in pellettiere (la L è parte del nome oramai), L'Anna, c'è il Tecle e il signor Vinti.

L'Anna è la parruchiera, 60 anni o giu di li, Milanese di stile, caciarona ed energica, ancora in linea, attacabrighe e pettegola..ma molto molto socievole con i bambini che razzolano giù in cortile, spesso ci si scambia due chiacchere, io abito sopra il suo negozio e mentre guardo i bimbi giocare lei è giù che fuma o sta con qualche sua cliente che c'ha della roba strana in testa..robe da donna..robe che si asciugano passagiando in cortile..forse..

La polizia sale dalla Anna. Sta mattina non spegneva la sveglia. Allora la vicina bussa..bussa. Il portiere infine apre con il doppione e la trovano cosi, nel suo letto, che sembra che dorme. Semplicemente spenta.

Ci son cresciuto con le vecchiette che vanno a farsi i capelli dalla Anna..il cortile senza il rumore del phon e il via vai di signore in bigodini che vanno a prendere il caffè dal Tecle, passando dal retro attraverso il bel cortile incastonato tra le balconate a ringhiera della vecchia Milano, che sembrano fare la sfilata con l'asciugamano sulle spalle e le creme in testa..


Affacciarsi alla finestra sul cortile non sarà più come prima..



_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesia e racconti direttamente dal cuore..

Messaggio Da delfi68 il Dom Dic 14 2014, 22:02

Grand Hotel Budapest.

Un film meraviglioso. Meraviglioso per un particolare della sua storia, una storia naif, noir, a tratti comico, a tratti amaro.

La storia del perchè si custodiscono cose oramai desuete e inutili agli occhi di chi non conosce tutta la storia..la storia di un Grand Hotel gloria di un passato fantastico in un presente disattento e disinteressato.

Ha qualcosa in comune della Trattoria Ponte Rosso di Milano..una vecchia storia, un vecchio albero con tantissime foglie gialle ai suoi piedi, una donna d'altri tempi che fatico a capire, oggetti di cui non si vuole liberare, piatti e odori di cucina di un passato recente che non sono certo adeguati al presente..

Seduto sul grande banco in acciaio osservo pentole e padelle contorte vecchie di una dozzina d'anni..piastrelle consumate da miioni di passi, finestrelle in legno che affacciano su cortili in pavè e pietrisco di una milano che esiste solo per un occhio attento e sensibile..

E decido di camminare in punta di piedi, in silenzio, accorto a non cambiare nulla..o quel poco che non cambi l'anima delle cose..




_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesia e racconti direttamente dal cuore..

Messaggio Da silvio il Dom Dic 14 2014, 23:53

Anna non c'è più, eppure uno di Roma, che nemmeno l'ha mai vista, in un attimo la immagina e la fa rivivere, potenza delle parole, Bravo Alex !
avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesia e racconti direttamente dal cuore..

Messaggio Da Ludwig von Drake il Lun Dic 15 2014, 07:44

delfi68 ha scritto:Grand Hotel Budapest.
Un film meraviglioso. Meraviglioso per un particolare della sua storia, una storia naif, noir, a tratti comico, a tratti amaro.
La storia del perchè si custodiscono cose oramai desuete e inutili agli occhi di chi non conosce tutta la storia..la storia di un Grand Hotel gloria di un passato fantastico in un presente disattento e disinteressato.
Ha qualcosa in comune della Trattoria Ponte Rosso di Milano..una vecchia storia, un vecchio albero con tantissime foglie gialle ai suoi piedi, una donna d'altri tempi che fatico a capire, oggetti di cui non si vuole liberare, piatti e odori di cucina di un passato recente che non sono certo adeguati al presente..
Seduto sul grande banco in acciaio osservo pentole e padelle contorte vecchie di una dozzina d'anni..piastrelle consumate da miioni di passi, finestrelle in legno che affacciano su cortili in pavè e pietrisco di una milano che esiste solo per un occhio attento e sensibile..
E decido di camminare in punta di piedi, in silenzio, accorto a non cambiare nulla..o quel poco che non cambi l'anima delle cose...
Gordon Ramsay avrebbe detto "questa cucina fa schifo!"
:p
avatar
Ludwig von Drake

Messaggi : 1121
Data d'iscrizione : 03.01.14

http://martinedentree.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesia e racconti direttamente dal cuore..

Messaggio Da delfi68 il Lun Dic 15 2014, 11:52

Ah..io sono molto adattabile, perquanto molto, ma molto, poco costante.. hhh

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesia e racconti direttamente dal cuore..

Messaggio Da delfi68 il Sab Dic 20 2014, 22:34

mi serve, spesso, rileggerla..quando resto solo a casa o in giro per sto pianeta scivoloso.

delfi68 ha scritto:Come la Terra e la Luna.
E io semplice abitante di questo pianeta, a guardarvi girare una attorno all'altra, madre e figlia in una danza gravitazionale perfetta..
Jelena e Amelie'. La Terra e la Luna.
Quale piu' grande privilegio si puo' sperare, se non poter ammirare il mare, le montagne e ogni altro paesaggio della Terra, per poi di notte, ogni notte, incantarsi al passaggio della sua Luna..



_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesia e racconti direttamente dal cuore..

Messaggio Da Ludwig von Drake il Ven Dic 26 2014, 12:34

inserito per errore
creato nuovo thread per i racconti che non sono dal cuore
;-)
avatar
Ludwig von Drake

Messaggi : 1121
Data d'iscrizione : 03.01.14

http://martinedentree.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesia e racconti direttamente dal cuore..

Messaggio Da Ludwig von Drake il Lun Dic 29 2014, 16:21

E IO SONO SENZA TE

Stasera c'e' una bellissima luna in cielo
ma io sono senza te.

Stavo guardando un bel film romantico
di quelli che guardavamo abbracciati
ma l'ho visto senza te.

Cammino
con l'aria frizzante
del Natale
ma lo faccio senza te.

Qui c'e' una strafiga da paura
e io sono senza t...
E VAI!
avatar
Ludwig von Drake

Messaggi : 1121
Data d'iscrizione : 03.01.14

http://martinedentree.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesia e racconti direttamente dal cuore..

Messaggio Da silvio il Lun Dic 29 2014, 18:03

Ludwig von Drake ha scritto:E IO SONO SENZA TE

Stasera c'e' una bellissima luna in cielo
ma io sono senza te.

Stavo guardando un bel film romantico
di quelli che guardavamo abbracciati
ma l'ho visto senza te.

Cammino
con l'aria frizzante
del Natale
ma lo faccio senza te.

Qui c'e' una strafiga da paura
e io sono senza t...
E VAI!

Un finale a sorpresa non banale, mi piace
avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesia e racconti direttamente dal cuore..

Messaggio Da delfi68 il Sab Mar 28 2015, 08:42

Racconti e poesie delicate e potenti..mi sono spesso scoperto a vagare nei mondi gli scritti di T.T.


http://www.internazionale.it/notizie/2015/03/27/tomas-transtromer-morto-nobel

Tomas Tranströmer nel 2006. Laurent Denimal, Opale/Luzphoto
È morto il poeta Tomas Tranströmer, era nato a Stoccolma il 15 aprile del 1931. Nel 2011 ha ricevuto il premio Nobel per la letteratura con la motivazione: “perché attraverso le sue immagini condensate e traslucide, ci ha dato nuovo accesso alla realtà”. Le sue opere sono pubblicate in Italia dagli editori Crocetti, Rizzoli e Iperborea. Pubblichiamo la poesia La solitudine, tratta dalla raccolta Klanger och spa’r (Echi e tracce) del 1966.

Solitudine

I
Qui fui sul punto di morire una sera di febbraio.
La macchina scivolò sul ghiaccio e finì
nella corsia opposta. Le auto che sopraggiungevano,
i loro fari si avvicinarono.

Il mio nome, le ragazze, il lavoro
lontanissimi si sciolsero e rimase
soltanto il silenzio. Ero anonimo
come un ragazzo nel cortile della scuola circondato da nemici.

Il traffico mi veniva incontro con luci enormi.
Mi illuminarono mentre cercavo di sterzare
in un trasparente terrore che montava come albume.
I secondi si dilatarono – vi si trovava spazio –
divennero grandi come edifici di ospedale.

Quasi si poteva sostarvi
e respirare un attimo
prima di essere travolti.

Allora si presentò un appiglio: un caritatevole granello di sabbia
o una meravigliosa raffica di vento. La macchina si staccò
e attraversò obliqua la strada.
Un palo spuntò e si spezzò – un rumore secco –
e volò via per le tenebre.

Finché fu il silenzio. Rimasi seduto al volante.
Poi vidi qualcuno arrivare attraverso il nevischio
a vedere cosa mi era successo.

II

Ho vagato a lungo
per i campi gelati dello Östgötaland.
Nessun uomo in vista.

In altre parti del mondo
si nasce, si vive e si muore
in un costante accalcarsi.

Essere sempre visibili –
vivere in uno sciame di occhi –
deve dare al viso un’espressione speciale,
volti coperti di argilla.

Il brusìo aumenta e diminuisce
mentre si dividono tra loro
cielo, ombre e granelli di sabbia.

Io devo stare solo
dieci minuti la mattina
e dieci minuti la sera.
– Senza alcun programma.

Tutti fanno la fila da tutti.

Molti.

Uno.

(La traduzione è di Maria Cristina Lombardi)

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: Poesia e racconti direttamente dal cuore..

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum