Ateismo e libertà
Benvenuto sul forum "Ateismo e libertà"

Per partecipare alle discussioni effettua il login. Non sei ancora iscritto? Registrati per iniziare a partecipare!

NOAH

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

NOAH

Messaggio Da delfi68 il Mer Apr 16 2014, 14:38

dev'essere interessante..




Odora di “antichi astronauti” il nuovo colossal hollywodiano di prossima uscita “Noah”, interpretato da Russell Crowe. Nel film, gli angeli decaduti interpretano la parte dei “buoni”, cacciati dal regno celeste per aver avuto compassione per l'umanità e aver aiutato Noè a costruire l'arca. Di sapore più sumerico che ebraico, il regista Darren Aronofsky ha dichiarato di aver tentato di fare un film biblico mai fatto prima: e forse ci è riuscito!




Nel film su Noè che presto vedremo nelle sale italiane (metà aprile), quasi tutto è il contrario di quello che dovrebbe essere.

Invece di essere cattivi, gli angeli decaduti sono presentati come eroi, i quali vengono cacciati dal regno dei ciali per aver avuto compassione dell’umanità e aver aiutato Noè a costruire l’arca.

Noè, poi, invece di essere il giusto scelto da Dio per la continuazione della specie umana sulla Terra, viene dipinto come un maniaco psicopatico che odia l’umanità e che vuole uccidere il nascituro di suo figlio nel caso fosse di sesso femminile.

Il film, inoltre, riesce magistralmente ad evitare sempre la parola “Dio” per tutta la sua durata: durante una scena in cui Noè spiega alla sua famiglia come è stato creato il mondo, il film mostra immagini raffiguranti l’evoluzione darwiniana.

Ma come scrivono alcuni blogger americani, tutte queste polemiche non hanno fatto altro che aver aiutato il film al botteghino: nel weekend di apertura, il film ha guadagnato ben 44 milioni di dollari.

Tuttavia, secondo i critici, il film ha il sapore di un’occasione persa: i colpi di scena nella pellicola distorcono notevolmente la storia di Noè tanto da renderla praticamente irriconoscibile. L’impressione è che Aronofsky si sia ispirato più alle tradizioni sumeriche del diluvio che a quella biblica. La questione più spinosa è quella che riguarda gli “angeli decaduti”.



Le fonti sugli angeli decaduti
Innanzitutto, per affrontare la questione bisogna dare un’occhiata alle fonti che parlano di “angeli sulla Terra”, o “angeli decaduti”. Pochi versetti prima del racconto biblico del diluvio, nel libro della Genesi leggiamo quanto segue (6,1-4):

«Quando gli uomini cominciarono a moltiplicarsi sulla terra e nacquero loro delle figlie, i Figli degli Dèi (benei ha-elohim) videro che le figlie degli uomini erano belle e ne presero per mogli a loro scelta. Allora il Signore disse: “Il mio spirito non resterà sempre nell’uomo, perché egli è carne e la sua vita sarà di centoventi anni.

C’erano sulla terra i giganti a quei tempi – e anche dopo -, quando i Figli di Dio si univano alle figlie degli uomini e queste partorivano loro dei figli: sono questi gli eroi dell’antichità, uomini famosi».

La difficoltà dei biblisti sorge innanzitutto nel determinare l’identità dei “benei ha-elohim”. Chi sono costoro? Secondo quanto riporta la Bibbia, in un tempo remoto, esisteva una “progenie divina” che coabitava la Terra con gli uomini primordiali.

I primi scrittori cristiani, come Tertulliano e soprattutto Lattanzio, nel tentativo di spiegare l’origine di questi misteriosi personaggi, accolsero l’idea presente chiaramente nel Libro di Enoch che i Benei ha-elohim fossero gli angeli caduti, come sembra alludere anche il passo della Genesi. Attenzione, però, si tratta di figli, quindi di una seconda generazione di dèi, la prole di entità che presumibilmente già abitavano sul nostro pianeta.

Nel racconto fa la sua comparsa il termine ebraico ‘nephilim’, tradotto nelle nostre Bibbie come “giganti”. L’autore del testo sacro tiene a precisare che mentre i Figli degli Dèi erano intenti ad accoppiarsi con le Figlie degli Uomini, i Nephilim erano sulla Terra, e anche dopo!

Si ritiene che la parola “nephilim” derivi dalla radice del verbo ebraico “nafàl”, che significa cadere. Sull’interpretazione del termine i pareri degli studiosi divergono. Nei circoli biblici, la radice ha fatto pensare ai Nephilim come ad angeli decaduti. Altrove nella Bibbia vengono chiamati “figli di Anaq” o “Anaqim” (cf. Nm 13,28-33; Dt 1,28), con una chiara assonanza agli Anunnaki dei sumeri.



Il Libro di Enoch, un testo apocrifo di origine giudaica la cui redazione definitiva risale al I secolo a.C., fa riferimento a Enoch, che secondo il libro di Genesi è il bisnonno di Noè. Nel testo si fa riferimento chiaramente a questi angeli caduti, i quali vengono definiti come “vigilanti”.

I vigilanti del Libro di Enoch (עִירִין, iyrin in aramaico) sono angeli inviati sulla Terra per sorvegliare gli esseri umani. Ben presto cominciano a desiderare le donne umane e, sollecitati dal loro leader Semyaza, cominciano ad istruire illecitamente l’umanità e a procreare con essa.

I figli di questa unione illecita sono definiti Nephilim, giganti selvaggi che saccheggiano la Terra e mettono in pericolo l’umanità. Non contenti, Semyaza e i suoi accoliti cominciano ad insegnare agli umani arti e tecnologie che altrimenti sarebbero state scoperte gradualmente nel tempo dagli esseri umani, invece di essere rifilate loro in un sol colpo.

Dio, come emerge anche da racconto canonico della Genesi, alla fine permette il Diluvio Universale per liberare la Terra dai Nephilim, questa razza insolente di super-uomini dalla perversità crescente. Tuttavia, Egli manda Uriel ad avvertire Noè per salvare la specie umana dall’imminente disastro cosmico.

Nella Lettera di Giuda, che cita esplicitamente il Libro di Enoch, gli angeli decaduti sono tenuti in catene in attesa del giorno del Giudizio. Quindi, un qualsiasi film su Noè dovrebbe chiaramente rappresentare gli angeli decaduti come i cattivi, giusto? E invece, no!

Nella versione di Aronofsky, gli angeli decaduti interpretano la parte dei buoni, di quelli che stanno dalla parte dell’umanità. Il rischio è che il film induca la maggioranza delle persone a ritenere gli angeli decaduti come i veri amici dell’umanità.

Se quanto affermato dai teorici degli Antichi Astronauti è vero, e cioè che in passato una razza extraterrestre ha interferito con il naturale percorso evolutivo dell’umanità ponendola fuori dall’armonia del cosmo, spacciandosi per divinità e riconosciute come tali dai nostri antenati, bisogna ritenere questi “angeli decaduti” come nemici dell’umanità e non salvatori.


.

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da delfi68 il Mer Apr 16 2014, 14:46



Chi erano i Nephilim, i misteriosi esseri citati nella Bibbia? Fino ad oggi, la maggior parte degli studiosi ha prestato poca attenzione a queste curiose creature di cui parla il testo sacro, semplicemente perchè la loro esistenza è archiviata nel novero della leggenda.

Ma siamo proprio sicuri che sia così? Forse, la Bibbia riporta l’antica testimonianza di esseri sovra-umani che un tempo abitavano il nostro pianeta? Di recente, ci sono stati alcuni tentativi di conciliare la mitologia con la scienza teorizzando che alla radice di questi antichi racconti possano esserci elementi di verità riportato nella forma di “leggenda”.

In questo contesto, i Nephilim sono stati associati a volte con gli “antichi umani”, ossia i possibili sopravvissuti di Atlantide che avrebbero contribuito alla ricostruzione del mondo post-diluviano, altre volte sono stati associati a quelli che vengono definiti “antichi astronauti”, cioè un gruppo di alieni che in passato avrebbe visitato il nostro pianeta, venendo riconosciuti come divinità.

Ma chi erano veramente i Nephilim? Un indizio sulla loro identità potrebbe essere svelato dall’analisi del loro appellativo: “nephilim”.

Tradizionalmente, il termine ‘nephilim‘ viene tradotto con ‘giganti‘. Anche la traduzione ufficiale della Chiesa Cattolica opta per questa scelta. Ma la traduzione del termine non fornisce in alcun modo una descrizione completa di questi esseri. Alcuni dizionari descrivono i Nephilim come giganti dotati di una forza sovraumana.

I Nephilim compaiono nell’Antico Testamento ben due volte. La prima volta nel libro della Genesi, la sezione della Bibbia che descrive i tempi remoti delle origini e poi, nella parte più vasta, il racconto dalla storia dei patriarchi Abramo, Isacco, Giacobbe e Giuseppe. Il titolo “Genesi” significa “Origine” o “Generazione”.

In ebraico il libro è indicato con l’espressione iniziale Bereshìt, “In principio”. Nella parte prima, il libro affronta i grandi enigmi dell’esistenza: origini dell’universo e dell’uomo, quale sia il giusto rapporto dell’uomo con Dio, il problema del bene e del male, del dolore, della morte, la crescita dell’umanità e il suo differenziarsi nello scorrere del tempo. Il versetto che a noi interessa si trova al capitolo 6, versetti 1, 3 e 4:

“Quando gli uomini cominciarono a moltiplicarsi sulla terra e nacquero loro delle figlie, i Figli degli Dèi (benei ha-elohim) videro che le figlie degli uomini erano belle e ne presero per mogli a loro scelta. [...].

C’erano sulla terra i giganti (nephilim) a quei tempi – e anche dopo -, quando i Figli degli Dèi si univano alle figlie degli uomini e queste partorivano loro dei figli: sono questi gli eroi dell’antichità, uomini famosi”.

Osservando il passo, notiamo che, oltre agli uomini e alle loro figlie, vengono menzionati tre tipologie di individui: i Figli degli Dèi, i Nephilim e gli “eroi dell’antichità”. Cerchiamo di capire chi sono.



I Figli degli Dèi
Innanzitutto compaiono questi misteriosi Benei ha-elohim, letteralmente “figli degli dèi”. Chi sono costoro? Secondo quanto riporta la Bibbia, in un tempo remoto, esisteva una “progenie divina” che coabitava la Terra con gli uomini primordiali.

I primi scrittori cristiani, come Tertulliano e soprattutto Lattanzio, nel tentativo di spiegare l’origine di questi misteriosi personaggi, accolsero l’idea presente chiaramente nel Libro di Enoch che i Benei ha-elohim fossero gli angeli caduti, come sembra alludere anche il passo della Genesi.

Attenzione, però, si tratta di figli, quindi di una seconda generazione di dèi, la prole di entità che presumibilmente già abitavano sul nostro pianeta. Dunque, chi sono gli “elohim”?

Elohim, tradotto con “Dio” nelle moderne edizioni della Bibbia, è in realtà un sostantivo plurale: è il plurale di Eloah, in ebraico, infatti, il suffisso -im è utilizzato per rendere il plurale di un sostantivo.

Troviamo subito questo termine plurale nella frase iniziale della Genesi “Bereshit barà Elohim et hashamayim ve’et ha’arets”, che in italiano viene tradotta “In principio Dio creò il Cielo e la Terra”.

A quanto pare, secondo la Bibbia la creazione del mondo non è opera di un’unica entità che la cultura monoteista identifica come Dio, ma è frutto di un’azione congiunta di diverse entità. La stessa collaborazione è confermata nel momento in cui si decide di creare l’uomo. In questo caso, la traduzione dall’originale conserva il plurale quando il “simposio creativo” esclama: “Facciamo l’uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza”.

Presa alla lettera, la Bibbia rivela la notizia che l’uomo è stato creato ad immagine e somiglianza di un gruppo di entità considerate divine chiamate “elohim”. Ma chi sono costoro?

Mauro Biglino, è uno storico e scrittore italiano, specializzato nella traduzione dei primi codici in ebraico antico all’origine dell’Antico Testamento, come la Torah e la Tanakh, basandosi soprattutto sul più antico testo disponibile, il codice di Leningrado.

In base a questi studi, riportati nel suo libro “Il libro che cambierà per sempre le nostre idee sulla Bibbia – Gli dei che giunsero dallo spazio?“, è giunto a risultati sorprendenti, di natura ufologica, che si avvicinano molto alle conclusioni ottenute da Zecharia Sitchin. [Disponibile su IBS].

Biglino è stato traduttore di ebraico antico per conto delle Edizioni San Paolo, la maggiore casa editrice cattolica, collaborazione che si è conclusa una volta iniziata la carriera da scrittore in cui porta alla luce le sorprendenti scoperte fatte in 30 anni di analisi dei cosiddetti testi sacri che da sempre sono state omesse.

Nella sua ultima opera, un successo editoriale clamoroso, superiore, forse, anche alle aspettative dell’autore, che già nel titolo suona come una promessa, Biglino interpreta così il significato della parola “elohim“:

“Il significato corretto è “gli splendenti”, individui molto superiori agli uomini, ma non spirituali. Quindi non dèi. Questo è un termine che non apparteneva alla cultura di chi scrisse, ma che è subentrato in un secondo momento, in un processo durato secoli.

Adamo ed Eva sono i progenitori dell’homo sapiens. E non sono stati creati dal nulla, ma su di loro gli Elohim sono intervenuti con l’ingegneria genetica, dando come un colpo di acceleratore all’evoluzione umana. Adamo, come nome, significa “quello della terra”, insomma nato su questo pianeta.

Letteralmente è più corretto tradurlo “il terrestre”, per distinguerlo evidentemente da chi terrestre non era. Eva invece è Hawà, ovvero “la madre dei viventi”, insomma la progenitrice di tutta la specie umana”.

Insomma, ce n’è abbastanza da rimanere a bocca aperta. Inoltre, Biglino ha le idee molto chiare anche sul valore da dare a quello che è scritto nella Bibbia:

“Quello che scrivo oggi, e che ripeto nelle mie conferenze per l’Italia, deriva da una lunga esperienza di traduzioni letterali. E quello che racconto nel libro è ciò che per primo ha stupito me.

Sono convinto che la religione nella quale siamo stati educati sia nata, in realtà, da un contatto tra l’umanità ed esseri tecnologicamente superiori. La Bibbia è una storia vera, racconta episodi concreti, ma poi con il passare del tempo si è perso il contatto con questa “fisicità” ed è subentrata l’elaborazione teologica”.

Tornando ai “Figli degli Dèi”, possiamo supporre che costoro fossero la seconda generazione degli “splendendi”, gli Elohim, i quali erano giunti sulla Terra e avevano già avviato la creazione dell’uomo.



I Nephilim
Nel racconto fa la sua comparsa il termine ebraico ‘nephilim’, tradotto nelle nostre Bibbie come “giganti”. L’autore del testo sacro tiene a precisare che mentre i Figli degli Dèi erano intenti ad accoppiarsi con le Figlie degli Uomini, i Nephilim erano sulla Terra, e anche dopo!

Si ritiene che la parola “nephilim” derivi dalla radice del verbo ebraico ‘nafàl‘, che significa cadere. Sull’interpretazione del termine i pareri degli studiosi divergono. Nei circoli biblici, la radice ha fatto pensare ai Nephilim come ad angeli decaduti. Tuttavia, il termine nafàl non può essere direttamente collegato a questo concetto.

Come spiega Biglino in una intervista rilasciata a brunildaternova.blogspot.it, secondo il famosissimo autore Zecharia Sitchin, il termine deriva dal verbo nafàl e significa “coloro che sono caduti” ma sappiamo che esiste una notevole differenza semantica tra “cadere” e “scendere, venire giù”: il verbo “scendere” porta chiaramente in sé il carattere dell’intenzionalità, che non risulta invece presente nell’atto del “cadere”, un’azione che normalmente si subisce.


Proprio su questo aspetto pone l’accento Michael Heiser della Wisconsin University. Egli sostiene che nephilìm non deriva da nafàl perché la sua vocalizzazione differisce dalle usuali derivazioni di tale radice e, di conseguenza, non gli può essere attribuita l’intenzionalità insita nello “scendere”.

Nella questione interviene il docente universitario Ronald S. Hendel – Università di Berkley – che documenta come l’uso del verbo nafàl con il significato di “cadere” sia presente in atri punti nella Bibbia e afferma che nephilìm rappresenta la forma “qatil” del verbo, che può essere vista quindi come il passivo aggettivale della radice nafàl con il significato di “cadere”: in sintesi si tratterebbe di una sorta di aggettivo coniugato.

Per contro, lo studioso cita un passo del capitolo 32 di Ezechiele in cui il verbo nafàl indica con chiarezza una discesa volontaria operata da guerrieri. Non pare dunque una forzatura estendere il significato di nephilìm e attribuirgli, come per yaràd, sia il valore di un “cadere involontario” sia quello di uno “scendere in modo intenzionale”.

Rimane quindi aperta la questione se i Nephilim sia caduti passivamente dal cielo, oppure siano venuti volontariamente dal cielo. Traducendo nafàl come cadere o venire dal cielo, molti autori credono che Figli degli Dèi e Nephilim siano sinonimi, o che comunque i Figli degli Dèi siano i figli del Nephilim, i dèi della prima generazione.

Tuttavia, è interessante un’altra possibile ipotesi sulla base di una traduzione differente di nafàl, da intendersi come “prostrarsi”, “abbassarsi”, “servire”. In questo senso, nephilim potrebbe significare “coloro che si sono prostrati” o “coloro che sono stati costretti a prostrarsi”.

E’ possibile che una razza di antichi uomini pre-diluviani sia entrata in contatto con una civiltà aliena che li abbia costretti a prostrarsi ai loro piedi? Oppure, costoro, sedotti dalle lusinghe dei visitatori hanno deciso deliberatamente di mettersi al loro servizio abbagliati dalla potenza e dalle meraviglie da loro compiute?


_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da jessica il Mer Apr 16 2014, 15:31

ma le foto sono da noah? sembrano gli stessi del prequel di alien, che ora non ricordo come cazzo si chiami...

Zecharia Sitchin, lettura non consigliata ...
avatar
jessica

Messaggi : 616
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da delfi68 il Mer Apr 16 2014, 16:17

no..le foto le ho nel pc..sono di un'altro film, ma sarebbero una raffigurazione dei nephilm..

Zakaria è un folle...

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da Jael il Mer Apr 16 2014, 16:24

È sempre divertente vedere chi cerca di dar credito a mitologie scrause e raffazonate come se fosse roba seria  risata 
avatar
Jael

Messaggi : 1037
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da delfi68 il Mer Apr 16 2014, 16:47

beh..i nephilm sono mitologia sumera..roba ch risiede agli albori della civiltà, mitologie comunque più autentiche di quelle religioni-politiche venute dopo..non trovi?

se per sbaglio ci dovesse essere qualche allusione a fatti e circostanze reali credo siano più probabili le mitologie sumeriche di quelle giudaico cristiane..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da Jael il Mer Apr 16 2014, 16:51

Mi riferivo al raffazonato biblico che pesca di qui e di là e fa un minestrone.

Poi comunque questo voler vedere alieni/civiltà evolute/sarcazzo rappresentate nelle mitologie antiche è giusto fonte di intrattenimento e materiale per un libro od un film, ma da qui a dar loro il benché minimo credito ne corre.
avatar
Jael

Messaggi : 1037
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da delfi68 il Mer Apr 16 2014, 17:24

...io, se permetti, la vedo un po diversamente..è permesso vero?

Mi sembra più plausibile un alieno di un dio, mi sembra più plausibile l'interferenza di una civiltà, benchè terrestre, evoluta su una meno evoluta a produrre la mitizzazione di quegli idividui..

poi sai com'è, a me il piatto fornito istituzionalente mi ha sempre insospettito un po..il voler perforza racchiudere tutte le evidenze archeologiche e storiche nel clichè ortodosso è più simile all'accantonare le prove contrarie che disturbano la quiete pubblica piuttosto che una ricerca dela verità storica e archeologica..

parere mio eh..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da Jael il Mer Apr 16 2014, 17:42

Bello l'incipit di ad ignorantiam. Uguale uguale a quelo che fanno i vari credini ed in barba al buon Guglielmo da Occam.
avatar
Jael

Messaggi : 1037
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da delfi68 il Mer Apr 16 2014, 18:31

..no, mi baso sul fatto che le scoperte archeologiche non sono univoche, c'è una forte minoranza di evidenze che non si allineano alla storia ortodossa che viene ignorata al fine di non incorrere ad una riscrittura o rilettura dei dati.

Le prove che sono in contrasto con l'archeologia classica, sebbene poche e frammentarie, vengono semplicemente accantonate.

un esempio sono le strutture murarie delle città antiche peruviane, apparte l'intaglio, il trasporto richiedeva la modifica del paesaggio montano: mancano le strade e lo spianamento di picchi, dossi e curve che avrebbero potuto, almeno in linea teorica consentire il trasporto in quota dei monoliti (alcuni di oltre 20 tonnellate). Questa risposta non c'è, e quindi viene semplicemente ignorata la domanda.

c'è l'evidenza scientifica delle graffette in metallo che legano allo stesso modo i massi sudamericani e i blocchi egizi, una circostanza che non può essere casuale data l'esatta uguaglianza dell'opera (senza contare che sarebbe stata anche necessaria una fusione dei metalli in loco) e anche in questo caso pur di non ammettere un contatto ingegnieristico tra civiltà che la storia dice non essersi mai incontrate, la circostanza viene semplicemente ignorata.

..la scienza geologica inoltre dimostra che i fianchi della sfinge hanno subito un erosione dell'acqua, non una teoria ma un evidenza, pure in questo caso..pur nell'evidenza che lasommità della testa della sfinge è stata scolpita in seguito e non presenta quelle erosioni dell'acqua, si insiste a eludere la circostanza che il corpo centrale della sfinge NON può essere datato a 5000 anni fa..

ci sono queste circostanze che devono indurci a non avere una piena e completa sudditanza alla tesi istituzionale e ortodossa proprioperchè quest'ultima ignora le prove contrarie che a possono confutare.

non si chiama incipit ad ignorantium, ma rifiuto del principio d'autorità..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da delfi68 il Mer Apr 16 2014, 18:46

tutta questa roba non viene confutata, ma semplicemente ridicolizzata..e quindi io me la tengo presente, perchè io ho una sola certezza: l'ortodossia è l'anticamera delle bugie e l'osare contro il sistema è la cosa quanto mai difficile e onorevole..prorio perchè include il rischio di sbagliare, cosa che l'ortodossia archeologica e storica teme più d'ogni cosa, anche a discapito di scoprire delle incredibili verità..

dal min 5:40 si chiarisce il concetto di filtro cognitivo. Il caso Mc Hintaire è illuminante! Una carriere rovinata e sigilli ai siti archeologici..dopo 3o anni si dovette ammettere che aveva ragione!



Ultima modifica di delfi68 il Mer Apr 16 2014, 18:47, modificato 1 volta

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da Jael il Mer Apr 16 2014, 18:46

Li ho letti anch'io quei libri cui alludi e conosco quegli argomenti. Affascinanti, fantasiosi...un discreto intrattenimento. Ma nulla di più. Non hanno uno straccio di prova, son messi pure peggio di quelli dell'intelligent design e complessità irriducibile ed han detto cazzate a iosa. Che ad esempio un sedicente geologo (uno su tutta la comunità scientifica) racconti panzane che tutti gli altri smentiscono per vender meglio libri e interviste non ha da significare alcunché oltre il mero fatto che un solo cialtrone racconta panzane che non può dimostrare.

Rifiuti il principio di autorità di esperti del settore ma accetti il principio di castroneria di un singolo o di pochissimi che voglion vender libri...bel razionalismo.

C'è anche chi dice che l'omeopatia funziona e che l'acqua ha memoria, fai un po' te...
avatar
Jael

Messaggi : 1037
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da Jael il Mer Apr 16 2014, 18:51

delfi68 ha scritto:tutta questa roba non viene confutata, ma semplicemente ridicolizzata..e quindi io me la tengo presente, perchè io ho una sola certezza: l'ortodossia è l'anticamera delle bugie e l'osare contro il sistema è la cosa quanto mai difficile e onorevole..prorio perchè include il rischio di sbagliare, cosa che l'ortodossia archeologica e storica teme più d'ogni cosa, anche a discapito di scoprire delle incredibili verità..

Ecco l'ad ignorantiam, non viene confutata. Sta ai cialtroni provare le proprie curiose affermazioni...cazzo il classicissimo ribaltamento dell'onus probandi.

Chi ha prove in mano non ha nulla da temere, il complotto giudoplutaicomassonico è una gran stronzata specie nell'era in cui l'informazione corre libera. Pubblichino (su pubblicazioni sottoposte a revisione paritaria) e trovino conferme da parte di tanti altri peer e se ne riparlerà.
avatar
Jael

Messaggi : 1037
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da delfi68 il Mer Apr 16 2014, 18:54

..difficile se invece di discutere ti cacciano dall'università..studiati il caso Mc hintare e poi ne riparliamo..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da Jael il Mer Apr 16 2014, 19:15

Intendi Stephen McIntyre?

Cacciato dall'Università conta sega, ormai si può pubblicare facilmente e se si hanno dati a supporto non si può nasconderli. Poi dal mettere in luce un dato da spiegare al proporre teorie tanto fantasiose quanto introducenti maggiori domande di quanto ne risolvano ce ne passa. Certo, se si voglion vender libri al pubblico è la giusta via.
avatar
Jael

Messaggi : 1037
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da delfi68 il Mer Apr 16 2014, 19:52

..ovviamente il pericolo sono le derive complottistiche e fare affari con i boccaloni..il difficile è il discernere laddove si manifesti un filtro cognitivo e dove invece le controipotesi siano giustamente invalidate..

restano, come ti citavo, un tot di eventi ed evidenze che NON vengono assolutamente confutate e nemmeno affrontate poichè mancano risposte che non entrino in contrasto con la scrittura ortodossa del filo storico dell'umanità..
nel video sopra postato al minuto 5:40 chiariscono sia il concetto di filtro cognitivo che il caso mc.h.

mi piacerebbe se te lo guardi e mi dici dove ci sono palesi michiate e dove invece ci sono plausibili contestazioni..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da Jael il Mer Apr 16 2014, 20:09

delfi68 ha scritto:..ovviamente il pericolo sono le derive complottistiche e fare affari con i boccaloni..
Vabbè allora stiam dicendo la stessa cosa



il difficile è il discernere laddove si manifesti un filtro cognitivo e dove invece le controipotesi siano giustamente invalidate..
È difficile perché o sei del settore o non hai le competenze per discernere, in genere.



restano, come ti citavo, un tot di eventi ed evidenze che NON vengono assolutamente confutate e nemmeno affrontate poichè mancano risposte che non entrino in contrasto con la scrittura ortodossa del filo storico dell'umanità..
nel video sopra postato al minuto 5:40 chiariscono sia il concetto di filtro cognitivo che il caso mc.h.

mi piacerebbe se te lo guardi e mi dici dove ci sono palesi michiate e dove invece ci sono plausibili contestazioni..
Non mi riferivo al video che non ho ancora guardato (poi lo guardo, prometto). Il mio discorso verteva su altro, ma mi pare tu abbia capito, no?
avatar
Jael

Messaggi : 1037
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da delfi68 il Mer Apr 16 2014, 20:17

È difficile perché o sei del settore o non hai le competenze per discernere, in genere.

questo però è un tranello che viene spesso usato per far star zitta la gente..in ogni caso c'è del vero in ciò che dici, infatti non son io a decidere cosa sia degno di nota ma quoto sempre degli specialisti, professori universitari e gente del settore che, sebbene timidamente e sotto una pioggia di colpi della contraerea istituzionale, alle volte ci svela qualche piccolo retroscena..

sul resto certo che diciam la stessa cosa, solo che io esorto sempre a non aderire proprio supinamente alla versione ufficiale, spesso, come cantava Bennato, i ranghi del potere, se visti dall'alto sono ranghi di cartone..

il sistema, per sua stessa definizione mira, sopratutto alla conservazione di se stesso..qualsiasi sistema sia..

quindi una buona dose di spirito critico allena la mente e alle volte ci aiuta a sapere anche un po più di quel che il sistema è disposto a svelarci..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da Jael il Mer Apr 16 2014, 20:26

Ed io esorto a non voler vedere complotti (che pur ci sono...tipo quello per la durata delle lampadine) in ogni dove solo perché fa tanto figo andare contro il mainstream...

Insomma se da una parte è lecito e giusto dubitare (e lo stesso metodo scientifico è tale da dubuitar costantemente delle proprie verità) è altresì lecito e giusto dar credito alla comunità scientifica. Come ti dicevo ci son pure "professoroni" che sostengono l'omeopatia...
avatar
Jael

Messaggi : 1037
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da JoJo il Mer Apr 16 2014, 21:37

[scusate, mi intrometto per spendere due parole sulla trama del film, anche se non l'ho letta tutta]

mi pare che il film possa essere interessante perchè "ribalta" gli stereotipi (in questo caso "dio buono, angeli cacciati cattivi"): è esattamente come nella trilogia "queste oscure materie" (la bussola d'oro, tanto per intenderci) dove dio era in realtà un angelo più potente degl altri e, fondamentalmente, cattivo, mentre ciò che salvava l'umanità è proprio il "peccato originale", che lungi dall'essere un mezzo di "dannazione" è in realtà la scoperta dell'amore (anche fisico) che sancisce il passaggio dalla fanciullezza (l'età nella quale sono gli altri a decidere per noi) all'adolescenza/età adulta (dove possiamo e dobbiamo scegliere con la nostra testa).
pur essendo una storia per bambini/pre-adolescenti io l'adoro, anche perchè è stato, la prima volta che l'ho letto, un ottimo spunto per ragionare più approfonditamente riguardo a tutto ciò che ritenevo vero solo perchè qualcuno me lo aveva raccontato (sì, sto parlando di religione).
(e poi ha un finale... giusto, *reale*, ma questo è un altro discorso.. o forse no  mgreen )
avatar
JoJo

Messaggi : 838
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da delfi68 il Mer Apr 16 2014, 21:46

Jael ha scritto:Ed io esorto a non voler vedere complotti (che pur ci sono...tipo quello per la durata delle lampadine) in ogni dove solo perché fa tanto figo andare contro il mainstream...

Insomma se da una parte è lecito e giusto dubitare (e lo stesso metodo scientifico è tale da dubuitar costantemente delle proprie verità) è altresì lecito e giusto dar credito alla comunità scientifica. Come ti dicevo ci son pure "professoroni" che sostengono l'omeopatia...

perfetto direi..abbiamo assodato che c'è un confine labilissimo tra pensiero critico, imbroglio da parte dell'autorità, complottismo demenziale e stupidità..

credo che questo faccia il gioco sia per chi vuole mascherare la verità..chiunque esso sia, il sistema o il truffatore..

l'applicazione ferrea del metodo scientifico dovrebbe, anzi certamente, ci salva sia dall'uno che dall'altro..

sta ad ognuno di noi allenarsi a saper capire..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da delfi68 il Mer Apr 16 2014, 21:47

delfi68 ha scritto:
Jael ha scritto:Ed io esorto a non voler vedere complotti (che pur ci sono...tipo quello per la durata delle lampadine) in ogni dove solo perché fa tanto figo andare contro il mainstream...

Insomma se da una parte è lecito e giusto dubitare (e lo stesso metodo scientifico è tale da dubuitar costantemente delle proprie verità) è altresì lecito e giusto dar credito alla comunità scientifica. Come ti dicevo ci son pure "professoroni" che sostengono l'omeopatia...

perfetto direi..abbiamo assodato che c'è un confine labilissimo tra pensiero critico, imbroglio da parte dell'autorità, complottismo da parte dei furbacchioni e una certa dose di preconcetto da parte delle menti pigre..

credo che questo faccia il gioco sia per chi vuole mascherare la verità..chiunque esso sia, il sistema o il truffatore..

l'applicazione ferrea del metodo scientifico dovrebbe, anzi certamente, ci salva sia dall'uno che dall'altro..

sta ad ognuno di noi allenarsi a saper capire..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da Jael il Mer Apr 16 2014, 22:48

Ottimo ci siamo intesi allora  ça_va 
avatar
Jael

Messaggi : 1037
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da delfi68 il Gio Apr 17 2014, 00:15

ora però vorrei condividere una domanda..

a balbeek ci sono tre monoliti di circa 900 tonnellate l'uno che sono affiancati e allneati a formare il primo tempio, sopra il quale poi ci costruirono il tempio di giove eliopolitano greco e poi quello romano..

se alla platea accademica ufficiale chiedi di chi e come quei monoliti siano stati messi li..nessuno ti sa dare una risposta, eludono la domanda.

ho provato a cercare un po su vari siti e testi, semplicemente ignorano la circostanza che a tutt'oggi, al mondo, nessuna azienda potrebbe eseguire il lavoro di trasporto e messa in sede di quei blocchi in quella zona montana..

ora, invece dire che non sanno, gli accademici accreditati intestano il basamento di baalbek al popolo sumero che avrebbe spostato su tronchi quei blocchi..
è scocciante dover credere a occhi chiusi a un consessio accademico che tra molte cose, senz'altro plausibili spara anche assurdità come la giustificazione-spiegazione del basamento di baalbeek..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da Jael il Gio Apr 17 2014, 00:49

Che oggi non si potrebbero spostare è affermazione grossa, ci sono gru che spostano migliaia di tonnellate. Questa affermazione è semplicemente falsa e l'ho vista proposta più volte e già mi mette sul chi va là.

Comunque, che si possa fare oggi è vero non implica si potesse fare ieri. Ma nemmeno implica che ci volessero le stesse tecnologie od un simile livello tecnologico globale e che non potessero utilizzarsi altre tecniche. Per i monoliti tipo stonehenge hanno pure replicato come hanno fatto.

Comunque, dal dire "non sappiamo come cazzo gli han spostati" a "son stati gli alieni rettiliani con la telecinesi" spero concorderai che ce ne passa.
avatar
Jael

Messaggi : 1037
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: NOAH

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum