Ateismo e libertà
Benvenuto sul forum "Ateismo e libertà"

Per partecipare alle discussioni effettua il login. Non sei ancora iscritto? Registrati per iniziare a partecipare!

Malattia e Religione

Pagina 1 di 4 1, 2, 3, 4  Seguente

Andare in basso

Malattia e Religione

Messaggio Da nemo il Ven Apr 04 2014, 23:29

a causa della mia professione, mi capita di assistere spesso a situazioni molto tristi
traumi gravi, diagnosi feroci, eventi che pongono di fronte alla disperazione paziente quando è cosciente e parenti

poi il prosieguo (io sono in pronto soccorso) nei reparti segue delle fasi che informandomi sul decorso clinico del paziente ho visto ripetersi diverse volte
cioè il fatto che molti parenti scoprano un fervore religioso che prima non si notava (parlo di persone che conosco)
si aggrappano a dio e gli stessi medici in caso di c miglioramenti insperati non contestano le affermazioni dei parenti, ma spesso le avvalorano
per quanto mi riguarda in quei casi, quando l'esito finale è ancora incerto e non si sa se sarà positivo (e qualora lo fosse non lo sarebbe senza effetti collaterali non da poco), me ne sto sulle mie
a mente fredda condanno chi ringrazia dio e non i chirurghi/medici, se non per proforma (dimenticandosi che quello stesso dio non ha mosso un dito quando i loro caro si beccava un tumore o finiva sotto il camion) ma quando sono lì... be' li lascio stare
e un po' li comprendo

nemo

Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da airava il Sab Apr 05 2014, 00:03

in genere quando va bene è merito di dio, quando va in merda colpa dei dottori...
avatar
airava

Messaggi : 462
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da Tommy the Cat il Sab Apr 05 2014, 00:08

E' il dramma della condizione umana, non sorprende affatto dopotutto, non so bene neanch'io come reagirei davanti a certe cose.
avatar
Tommy the Cat


Messaggi : 1566
Data d'iscrizione : 30.12.13

http://ateismoeliberta.forumattivo.eu

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da primaverino il Sab Apr 05 2014, 00:30

@airava ha scritto:in genere quando va bene è merito di dio, quando va in merda colpa dei dottori...

Mah... Va da persona a persona...
Mia zia perse la fede quando (dopo aver pregato a lungo) vide morire sua sorella a 46 anni (mia mamma).
avatar
primaverino


Messaggi : 1626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da primaverino il Sab Apr 05 2014, 00:32

@Tommy the Cat ha scritto:E' il dramma della condizione umana, non sorprende affatto dopotutto, non so bene neanch'io come reagirei davanti a certe cose.

 quoto 
Ben detto, giovanotto.
avatar
primaverino


Messaggi : 1626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da silvio il Sab Apr 05 2014, 00:46

Cosa è Dio per il malato, per il congiunto, è la realtà intorno a se, il cosmo, il mondo, quello che c'è, immenso e muto.
Lo interroga e lo prega di uscirne fuori e se funziona è merito suo, ma è vero, il caso lo ha baciato, per mano dei medici, per mano della medicina, per mano della fortuna di appartenere alla schiera di quelli che la sfangano e se non  va il Dio il Cosmo lo ha abbandonato.
avatar
silvio


Messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da nemo il Sab Apr 05 2014, 01:00

sì avete ragione tutti
ultimamente non sono bravo a dare i titoli ai thread, ma avrei voluto soffermarmi più sulle reazioni mie/nostre davanti a chi prega, ringrazia dio o si affida a qualcosa che magari prima non era presente. prima che un brutto evento colpisse un suo caro.
io non sono duro e razionale come lo sono quando ne parlo con persone non coinvolte - o che non so che siano coinvolte - in situazioni del genere

penso che la comprensione del dolore altrui venga prima dei principi, dei valori e delle verità su cui si fa affidamento. questi sono importanti, ma possono aspettare

nemo

Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da primaverino il Sab Apr 05 2014, 01:31

Mah, caro Nemo... Temo di sprecare dei bit, dato che non sono ateo...
Che dirti?
Ho visto morire (cito in ordine sparso) mia mamma, la zia di mio papà, mia madre, mia nonna, due zie di mia mamma, il mio migliore amico e mia suocera...
Sicuramente al mondo c'è chi sta peggio (magra, anzi, inesistente consolazione) purtuttavia non ho mai ceduto alla disperazione né al rinnegare i miei intimi convincimenti solo per sopravvenuta malasorte.
Vedi, carissimo, che l'uomo è certamente la più sfortunata e tragica tra tutte le bestie.
Un pollo d'allevamento (che pure fa una vita di merda, ma a ben pensarci la mia non è da meglio... E per di più a livello di specie è pure preordinata...) può intuire o mentalizzare la propria fine solo a pochi attimi dall'inevitabile "esecuzione".
Un maiale, che abbia vissuto felice (sempre che "felice" sia il termine adatto) nella fattoria, potrà notare il cambiamento d'abitudine che lo porterà al "patibolo" a pochi minuti dal suo avverarsi... Cinque minuti di "insana paura" prima della pace eterna...
Il mio cane (che dubito persino riesca a scandire il "tempo" secondo le nostre paranoie) arriverà a dover essere "soppresso per il suo bene" a pochi giorni dalla sua (più o meno naturale) "data di scadenza"...
Nel frattempo vivrà coccolato e pasciuto e accudito per una vita intera, senza preoccupazioni che non siano i cinque (o cinquanta) minuti di ritardo che lo separino dal "giretto" pomeridiano che tanto bene gli fa.
Ma gli animali che ho citato (dai più sfortunati ai meglio vissuti) non hanno per compagna di vita l'angoscia pregressa della morte.
Il Sapiens (la bestia dominante, stante l'attuale stadio evolutivo) il concetto di "morte" lo ha ben presente (in alcuni casi) sin dalla tenera età...
In generale, perlomeno, dalla fanciullezza o al meglio, dall'adolescenza...
E, in una società come quella attuale in Occidente, significa che tale concetto viene teoricamente assimilato quando hai vissuto appena un sesto (ottimisticamente parlando) o un decimo (pessimisticamente parlando) dell'aspettativa di vita riservatati.
L'Uomo, perciò, è un animale tragico.
L'unico di cui si abbia notizia. Il concetto di morte ci accompagna sostanzialmente per tutta la vita. Pare una contraddizione, vero? Sai benissimo che per quanto tu ti sbatta, per quanto tu cerchi di preservarti, per quanto tu possa o voglia o riesca a "vivere sano" morirai comunque.
E lo sai a vent'anni quantunque (magari) ne campassi cento.
Il mio cane "non lo sa"...
Alle volte invidio il mio cane.

p.s.: se sto post risultasse un po' "sballato" ricordatevi che già da mezzogiorno avevo manifestato una certa disfunzione...  mgreen
avatar
primaverino


Messaggi : 1626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da delfi68 il Sab Apr 05 2014, 01:55

..secondo me sono tutte cazzate..il pregare e ringraziare gli dei..eh.

è inutile che cerchiamo-cercate sempre di trovare qualcosa di nobile o sacro, o umano, o superiore..interiore..ineffabile..ecc; nel pregare o credere in dio.

e' una cosa che analizata in modo logico è prima di tutto offensiva verso chi sta nella merda peggio di voi, e poi un oltraggio all'intelligenza di chi deve pure far finta di nulla quando intonate nenie e cantilene, facendo gesti scaramantici, convinti di intercedere presso gli dei..o un dio preciso..

non sapete nulla di cos'è un dio, non vi importa di accertarne le contraddizioni-interne e esterne- le implausibilità..non sapete nemmeno dove sia o quando sia..

sapete solo che non sapete assolutamente nulla e che quindi rimandate l'analisi ad "oltre le capacità umane"

chi prega è esattamente come chi ulula attorno a un totem con le piume in testa..cambia nulla. pensare che un dio, anzi il vostro dio esaudisca una preghiera per la mamma malata o il figliolo asfaltato dal bus è esattamente come per un sacerdote maya ritenere che gettando un tizioo giù dalla piramide del sole dopo avergli strapapto il cuore  produca qualche cosa..

nulla, nada..solo un'illusione per voi, che rompe però il cazzo a noi che dobbiamo pure fare la faccia compassionevole e incoraggiante..
io questo faccio quando attorno a me fanno cose sciamaniche e religiose..sopportazione e compassione..e devo pure essere convincente perchè voi credenti vi offendete pure se noi normali non mostriamo di rispettare quelle vostre strane follie..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da primaverino il Sab Apr 05 2014, 02:01

Oh beh, Delfi...
Meglio un parlar chiaro che una patetica ipocrisia.
Mi permetti di pensarla come credo, comunque?
Io peraltro non pretendo facce compassionevoli da parte di chicchessia.
E posso ben dirti che ai funerali dei miei cari c'erano pure delle gran facce di merda...
E sempre facce di merda erano e rimangono, indipendentemente dal loro orientamento filosofico.
avatar
primaverino


Messaggi : 1626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da delfi68 il Sab Apr 05 2014, 02:06


Meglio un parlar chiaro che una patetica ipocrisia.
Mi permetti di pensarla come credo, comunque?

ma ovvio esimio collega..poi se per pura botta di culo c'hai ragione tu e i maya..eh, allora mi sa che passerò l'eternità a rotolare dalla piramide del sole con un maya chi mi piglia a calci in culo mentre tu e san paolo vi guardate sky sport a sbafo..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da primaverino il Sab Apr 05 2014, 02:21

@delfi68 ha scritto:

Meglio un parlar chiaro che una patetica ipocrisia.
Mi permetti di pensarla come credo, comunque?

ma ovvio esimio collega..poi se per pura botta di culo c'hai ragione tu e i maya..eh, allora mi sa che passerò l'eternità a rotolare dalla piramide del sole con un maya chi mi piglia a calci in culo mentre tu e san paolo vi guardate sky sport a sbafo..

Vorrai scherzare, spero...
Il miglior chef della storia pigliato a calci in culo da un Maya?
Non nel mio paradiso, perdio! (dove per inciso non c'è nessuna piramide, che a me a far le scale viene il fiatone...)
Accendi il bollitore, che per la linea ti mando san Paolo e pure il Maya...
Nel frattempo preparo un drink...
Poi fa' una pasta come Dio comanda che io apparecchio. Di seguito ci sediamo tutti e quattro e mangiamo e beviamo alla salute nostra.
Affare fatto, bro?...
avatar
primaverino


Messaggi : 1626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da delfi68 il Sab Apr 05 2014, 02:27

oh, ma che ci fa su  quest'ora..eh!  e pure io..sarà mica per via del nostro lavoro..

spero che ci si incontra presto!

comunque domenica inizio a lavorare al quartiere isola garibaldi in via borsieri..poi ti dico per bene in mp..ok..magari ci si vede.. wink wink

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da primaverino il Sab Apr 05 2014, 02:29

Volentieri.
A proposito... Hai un MP.

A domani!
avatar
primaverino


Messaggi : 1626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da delfi68 il Sab Apr 05 2014, 02:41

si risposto..cose note!

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da nemo il Sab Apr 05 2014, 08:01

Delfi, se vedi degli amici che hanno un figlio in rianimazione e ti dicono fra le altre cose che loro pregano che dio non li abbandoni
tu gli dici quello che hai scritto nel primo post del thread? (che io condivido)

scusa, ma da quell tuo post, mi sembra tu abbia letto solo il post precedente di Primaverino, correggimi se sbaglio

nemo

Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da delfi68 il Sab Apr 05 2014, 11:04

@nemo ha scritto:Delfi, se vedi degli amici che hanno un figlio in rianimazione e ti dicono fra le altre cose che loro pregano che dio non li abbandoni
tu gli dici quello che hai scritto nel primo post del thread? (che io condivido)

scusa, ma da quell tuo post, mi sembra tu abbia letto solo il post precedente di Primaverino, correggimi se sbaglio

ma assolutamente, non si puo' mai e poi mai mettersi li a fare il filosofo con chi soffre..se uno c'ha un figlio in rianimazione e mi chiede di ballare la danza della pioggia io la ballo!

non e' una questione di principi ma di umanita'..siamo tutti drogati di qualcosa e se non lo siamo, nei momenti drammatici uno si attacca dov puo'..e non si puo' ne biasimare ne contrastare..e' la vita.

certo che se invece mi chiedi cosa ne penso, io penso quello che ho scritto e in una sede serena lo dico pure in faccia al credente di turno..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da Ludwig von Drake il Sab Apr 05 2014, 13:12

@primaverino ha scritto:Mah, caro Nemo... Temo di sprecare dei bit, dato che non sono ateo...
Che dirti?
Ho visto morire (cito in ordine sparso) mia mamma, la zia di mio papà, mia madre, mia nonna, due zie di mia mamma, il mio migliore amico e mia suocera...
Sicuramente al mondo c'è chi sta peggio (magra, anzi, inesistente consolazione) purtuttavia non ho mai ceduto alla disperazione né al rinnegare i miei intimi convincimenti solo per sopravvenuta malasorte.
Vedi, carissimo, che l'uomo è certamente la più sfortunata e tragica tra tutte le bestie.
Un pollo d'allevamento (che pure fa una vita di merda, ma a ben pensarci la mia non è da meglio... E per di più a livello di specie è pure preordinata...) può intuire o mentalizzare la propria fine solo a pochi attimi dall'inevitabile "esecuzione".
Un maiale, che abbia vissuto felice (sempre che "felice" sia il termine adatto) nella fattoria, potrà notare il cambiamento d'abitudine che lo porterà al "patibolo" a pochi minuti dal suo avverarsi... Cinque minuti di "insana paura" prima della pace eterna...
Il mio cane (che dubito persino riesca a scandire il "tempo" secondo le nostre paranoie) arriverà a dover essere "soppresso per il suo bene" a pochi giorni dalla sua (più o meno naturale) "data di scadenza"...
Nel frattempo vivrà coccolato e pasciuto e accudito per una vita intera, senza preoccupazioni che non siano i cinque (o cinquanta) minuti di ritardo che lo separino dal "giretto" pomeridiano che tanto bene gli fa.
Ma gli animali che ho citato (dai più sfortunati ai meglio vissuti) non hanno per compagna di vita l'angoscia pregressa della morte.
Il Sapiens (la bestia dominante, stante l'attuale stadio evolutivo) il concetto di "morte" lo ha ben presente (in alcuni casi) sin dalla tenera età...
In generale, perlomeno, dalla fanciullezza o al meglio, dall'adolescenza...
E, in una società come quella attuale in Occidente, significa che tale concetto viene teoricamente assimilato quando hai vissuto appena un sesto (ottimisticamente parlando) o un decimo (pessimisticamente parlando) dell'aspettativa di vita riservatati.
L'Uomo, perciò, è un animale tragico.
L'unico di cui si abbia notizia. Il concetto di morte ci accompagna sostanzialmente per tutta la vita. Pare una contraddizione, vero? Sai benissimo che per quanto tu ti sbatta, per quanto tu cerchi di preservarti, per quanto tu possa o voglia o riesca a "vivere sano" morirai comunque.
E lo sai a vent'anni quantunque (magari) ne campassi cento.
Il mio cane "non lo sa"...
Alle volte invidio il mio cane.

p.s.: se sto post risultasse un po' "sballato" ricordatevi che già da mezzogiorno avevo manifestato una certa disfunzione...  mgreen
Sballato? Esprimi perfettamente la condizione umana.

Come per lo Shakespeare delle tragedie, l'uomo è una talpa tragica, una talpa che come le altre scava e scava, ma a differenza delle altre tende verso una luce che non esiste. Siamo creature "schizofreniche" per natura, nel cui software sono iscritti due item essenziali e in contraddizione:
- istinto di sopravvivenza;
- coscienza che non puoi sopravvivere alla vita.
avatar
Ludwig von Drake

Messaggi : 1121
Data d'iscrizione : 03.01.14

http://martinedentree.wordpress.com/

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da nemo il Sab Apr 05 2014, 13:22

@delfi68 ha scritto:
@nemo ha scritto:Delfi, se vedi degli amici che hanno un figlio in rianimazione e ti dicono fra le altre cose che loro pregano che dio non li abbandoni
tu gli dici quello che hai scritto nel primo post del thread? (che io condivido)

scusa, ma da quell tuo post, mi sembra tu abbia letto solo il post precedente di Primaverino, correggimi se sbaglio

ma assolutamente, non si puo' mai e poi mai mettersi li a fare il filosofo con chi soffre..se uno c'ha un figlio in rianimazione e mi chiede di ballare la danza della pioggia io la ballo!

non e' una questione di principi ma di umanita'..siamo tutti drogati di qualcosa e se non lo siamo, nei momenti drammatici uno si attacca dov puo'..e non si puo' ne biasimare ne contrastare..e' la vita.

certo che se invece mi chiedi cosa ne penso, io penso quello che ho scritto e in una sede serena lo dico pure in faccia al credente di turno..
cosa ne pensi lo so
il thread era su cosa facciamo noi atei davanti alla religione (presente o apparsa all'improvviso) dei parenti dei malati o dei malati stessi
(è che ultimamente non becco un titolo di thread neanche a pagarmi)

nemo

Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da Lyallii il Sab Apr 05 2014, 13:53

Come reagisco?
Non mento con frasi del tipo ' vedrai che dio ascolterà le tue preghiere ' o ' abbi fede ' o ' grazie a dio' oppure ' a quest ora è un angelo del paradiso '.

Questo no, per rispetto del credente e pure di me stessa.

Ma certo non gli dico ' che preghi a fare? '

Trovo però stupido, onestamente, dopo un operazione andata bene, dire ' grazie a dio '.
Grazie a dio sto cazzo, se stavi a casa tua a pregare crepavi!
Ma vabbè... Se poi le cose vanno bene, storci il naso davanti a certe frasi e sei contento e basta credo...

Personalmente quando ho passato dei brutti momenti mi dava fastidio la gente che mi parlava di dio, dopo un iniziale momento ho chiesto ai miei di evitare assolutamente davanti a me perchè rischiavano un sonoro vaffanculo seguito da un coro di bestemmie.


_________________
Il mio zito virtuale è fuxino, il mio amante geloso è akka!
 cuori
avatar
Lyallii


Messaggi : 2626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da nemo il Sab Apr 05 2014, 14:06

Lya, se sono io l'operato e uno si permette di tirare fuori dio e preghiere gli tiro la flebo in faccia!

Io parlo da infermiere, cioè da estraneo, ma presente.

nemo

Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da elima il Lun Apr 07 2014, 10:56

Beh, frasi come "grazie a dio" e "se dio vuole" sono, almeno per me , più intercalari che altro. Anche la chiesa non considera la bestemmia peccato mortale se è un'intercalare.
Al massimo veniale  clown 
Delle mie esperienze sotto stress quando stava morendo mia madre ne ho già parlato e non tornerò sull'argomento.

_________________
"Primo di tutti fu il Caos" Esiodo (Theog. 116)

Jesus promised the end of all wicked people
Odin promised the end of all Ice Giants
I don't see many Ice Giants around ....
avatar
elima


Messaggi : 1316
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da nemo il Lun Apr 07 2014, 12:10

non parlavo di intercalari, mi sembrava che si capisse

nemo

Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da airava il Lun Apr 07 2014, 18:27

ultimamente  sto frequentando un ambientino  niente male...
si ha  quasi l'impressione di vivere sotto  un bombardamento a tappeto, dove ti giri ti giri vedi crateri e caduti.
c'è gente  che si aggrappa disperatamente ad un dio, non condivido  ma comprendo
altri che  si aggrappano ad un  medico e solo a quello, caricandolo di una "croce" che dura da reggere e a quel punto compiango  quel medico
c'è chi sforza ad illudersi  che esistano cure  miracolose pronte per lui e non mi resta che compiangerlo ed assecondarlo su quella via
chi stanco di combattere si lascia  andare  e ti guarda come dirti..... "ho perso ogni speranza" e li è dura .... qualunque cosa cerchi di fare e dire suona in ogni caso falsa
è difficile far buon viso a cattiva sorte, è penoso interagire con loro e con i parenti, ognuno di noi deve essere approcciato in modo differente, ha diritto di essere ascoltato e compreso ed aiutato.
ho provato sulla mia pelle cosa significa essere "resi edotti  della situazione" e tanti  giri di parole a volte fanno più male che bene.
nel mio caso spero  di aver avuto fortuna, in ogni caso credo che la mia  testa difficilmente mi avrebbe spinto a sperare nel sopranaturale,  ma sono pure convinto  che "mai bisogna dire mai".
avatar
airava

Messaggi : 462
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da delfi68 il Lun Apr 07 2014, 22:15

..eh..credo che un'esperienza cosi sia davvero complessa..

forse il cervello umano è strutturato cosi anche per non soffrire troppo..un'autodifesa..

io ho sentito di mio suocero che progettava robe di lavoro con un valore K tumorale a 1000..roba da un mese di vita..ed era medico, anzi professore!
Sembrava che il cervello fosse impermeabile ala realtà delle circostanze..

..di fronte alla morte crollano tutte le logiche razionali..

_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Re: Malattia e Religione

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 4 1, 2, 3, 4  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum