Ateismo e libertà
Benvenuto sul forum "Ateismo e libertà"

Per partecipare alle discussioni effettua il login. Non sei ancora iscritto? Registrati per iniziare a partecipare!

panorama sulla vita

Pagina 3 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da Ludwig von Drake il Mar Ago 12 2014, 07:28

Cosa intendi?
avatar
Ludwig von Drake

Messaggi : 1121
Data d'iscrizione : 03.01.14

http://martinedentree.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da Mix il Mar Ago 12 2014, 11:52

Ludwig von Drake ha scritto:Cosa intendi?
Che NON perderò più tempo a rispondere alle tue richieste.

Mix

Messaggi : 1974
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da Ludwig von Drake il Mar Ago 12 2014, 12:08

question 

mah...

Mi sa che prendi le cose un po' troppo sul personale.
avatar
Ludwig von Drake

Messaggi : 1121
Data d'iscrizione : 03.01.14

http://martinedentree.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da Mix il Mar Ago 12 2014, 12:17

Ludwig von Drake ha scritto:question 

mah...

Mi sa che prendi le cose un po' troppo sul personale.
Se lo dici TU sicuramente sarà così.
alberto ti da una risposta che a me appare molto bella e tu liquidi tutto con un "Alla fine nessuno sembra avere una risposta buona".
SE questo è il riconoscimento per l'attenzione prestata ai tuoi post la conseguente reazione è mandarli affanculo nel proseguo.
SE vai avanti in questo discorso è altissima la probabilità che il prossimo tuo sia, per quanto mi riguarda, l'ultimo messaggio in merito: NON trovo quasi sufficientemente utile già scrivere questa stessa risposta, credo che una in più vada facilmente oltre il quasi.

Mix

Messaggi : 1974
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da Ludwig von Drake il Mar Ago 12 2014, 12:26

Mi sembri inutilmente verbalmente agitato.

Alberto stesso ha premesso alla sua risposto che dubitava di avere un consiglio utile, quindi il tuo tirarlo in ballo appare semplicemente pretestuoso (ma è un giochetto che mi sembra ti piaccia, visto che la cosa è già accaduta in passato).

Slow down, mix.
avatar
Ludwig von Drake

Messaggi : 1121
Data d'iscrizione : 03.01.14

http://martinedentree.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da Mix il Mar Ago 12 2014, 12:27

addio 

Mix

Messaggi : 1974
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da Ludwig von Drake il Mar Ago 12 2014, 12:30

Mix ha scritto:addio 
 Sleep 
avatar
Ludwig von Drake

Messaggi : 1121
Data d'iscrizione : 03.01.14

http://martinedentree.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da Mix il Mar Ago 12 2014, 12:34

Ludwig von Drake ha scritto:
Mix ha scritto:addio 
 Sleep 
Sapessi i tuoi, di post, quanta noia svangano qua dentro . . .
ma si dimenticano in due secondi, quindi poco male  boh 

Mix

Messaggi : 1974
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da Lyallii il Mar Ago 12 2014, 12:36

Trovo la risposta di Alberto molto confortante.
A volte anche a me vengono delle ansie del genere lud, penso che molto semplicemente, potresti dire a tua moglie che la vita comunque finirà e un sorriso sdentato all inizio e uno piu consapevole dopo, pieno d amore, sicuramente renderanno la vostra vita piu felice.

Certo che comunque, se uno pensa che deve morire e per quello smette di vivere ( intendo che ogni cosa che fa sembra non avere senso in quanto dovrà morire ) allora c'è qualcosa che non va.

Per me, stare vivendo è una fortuna e non importa se domani esisterò ancora, oggi voglio godermela.

_________________
Il mio zito virtuale è fuxino, il mio amante geloso è akka!
 cuori
avatar
Lyallii


Messaggi : 2626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da Diva il Mar Ago 12 2014, 16:26

Lud, mi ha colpito il dialogo con tua moglie per la incredibile analogia con un dialogo avuto con mio marito qualche anno fa... sempre a letto, sempre quella domanda sulla morte... e io, che nel buio cercavo di ricacciare indietro le lacrime per paura di sembrare troppo sciocca, e la sua risposta "forse potresti parlarne ad uno psicologo"... per me e' stata una pugnalata al cuore. Sono certa della sua buona fede, cosi' come della tua, non riuscendo a dire nulla di sensato e non trovando spiegazioni soddisfacenti, avete optato per consigliare un aiuto esterno.
Infatti io penso che una risposta Lud non ci sia, non una risposta tranquillizzante come ti auguri di poter dare a tua moglie, come tutti ci augureremmo di poter sentire dal nostro partner, da uno psicologo o da dio. Anche i tentativi di vedere la morte e la vita in chiave collettiva come suggerisce Alberto o in chiave di utilita' biologica come dice Mix per me lasciano il tempo che trovano. Nemmeno la filosofia con i suoi piu' grandi sistemi riesce a rispondere in maniera soddisfacente a questo "bisogno di senso" che tutti percepiamo...e questo perche' l'idea della nostra morte ci colpisce tanto nel profondo che e' impossibile guarire la ferita che lascia.
D'altra parte gli esseri viventi (tutti) sono nati e si sono evoluti per sfuggire alla morte con ogni mezzo e con tutte le proprie forze... ogni nostra azione, finanche la piu' banale, e' una rivolta contro l'idea che prima o dopo dovremo smettere di esistere.
Pero' ti dico una cosa, che ho capito dopo... cio' che cercavo quella sera da mio marito non era una risposta razionale alla paura della morte e alla perdita di senso, quanto una condivisione di questo peso essenziale ed esistenziale che tutti ci portiamo dietro. Volevo condividere con lui la mia umana paura di morire, la consapevolezza che un giorno anche mia figlia morira', e cosi' i miei nipoti e pronipoti... volevo sapere che non ero sola, perche' credo che cio' che spaventa del dover morire sia la consapevolezza che non potremo piu' sentire l'altro e il mondo, la solitudine che accompagna l'essere umano nel momento della dipartita, quando se ne va, unico compagno di se stesso in un viaggio che sara' eterno... il mio cosiglio e' quello di dire chiaramente a tua moglie che una risposta non c'e' e che non gliela potranno dare ne' lo psicologo ne' il prete, ne' nessun altro, ma che non e' sola... e soprattutto che e' un diritto, se non un dovere, dell'uomo quello di riflettere sulla propria morte e sul senso della vita alla luce della sua finitezza, che non si deve vergognare di provare una lucida disperazione davanti a questo interrogativo senza risposta... ma che poi la vita continua e comunque il viverla e' una fantastica occasione, anche se non le possiamo attribuire un significato transcendente. E invece di proporle la TV come divertissement pascaliano, magari suggerisci un'attivita' piu' costruttiva da fare assieme in quel frangente.  sorriso

_________________
Il fatto che, quando sono innamorati, quasi tutti facciano della poesia mostra chiaramente che il pensiero concettuale non basta a esprimere l'infinità interiore. (E. Cioran)
avatar
Diva


Messaggi : 1133
Data d'iscrizione : 30.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da Ludwig von Drake il Mar Ago 12 2014, 16:48

Grazie Diva, rifletterò su quello che mi hai detto... e magari troverò il modo di farti parlare con mia moglie! :-)
avatar
Ludwig von Drake

Messaggi : 1121
Data d'iscrizione : 03.01.14

http://martinedentree.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da alberto il Mar Ago 12 2014, 19:47

leggo il post di diva - dopo aver sorriso e archiviato pregresse querelles - e ci sono cose che mi tornano e altre no.
leggo che la ricerca di senso della vita lo abbiamo tutti. io non credo sia così. per quanto mi riguarda trovo nel vivere tutto il senso che cerco, il fatto che finisca mi sembra uguale a qualsiasi altro processo, biologico, logico, fisico, ecc. abbiamo avuto una straordinaria fortuna, direi quasi superenalottesca, a trovarci alla testa di un aggregato senziente di molecole e tessuti. un qualcosa che ci rende in grado di comprendere, di percepire, di amare, di cambiare rotta (riprendendo anche il discorso del libero arbitrio). In questo straordinario turbine di emozioni e sensazioni ha spazio anche la paura, il chiedersi, il porsi quasi in contrapposizione con l'ineluttabilità degli eventi. ma se ci guardassimo da un po' più lontano, e io ho provato a farlo, non fisicamente ovvio ma cercando di astrarre il mio me e di portarlo verso una sensibilità di tipo più generale, direi quasi planetario o addirittura sistemosolaristico, a me sembra chiaro il mio ruolo, quel che sono, quello che sarò nel mio prossimo stato disaggregato che terminerà questa favolosa vacanza premio che ho avuto lo straculo di vincere.
avatar
alberto


Messaggi : 845
Data d'iscrizione : 31.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da Ludwig von Drake il Mar Ago 12 2014, 20:48

Ciao Alberto, ci ho pensato un po' su e credo che alla fin fine non ci possa essere un metodo buono per tutti. Ad esempio, pensare a quello che proponi tu a me porterebbe maggiore ansia. Forse funzionerebbe meglio un'astrazione a partire dal presente, immaginare di essere in un punto esterno del nostro corpo a guardare noi stessi in quel momento, mentre proviamo quella paura. Non so se è chiaro quello che intendo.

Quando, invece, l'ansia della morte mi sembra insuperabile (mi capita certe sere), rimpiango di non aver avuto il coraggio di porre fine a tutte le mie paure nei momenti in cui non avevo alcuna paura di andarmene e pensavo chiaramente (ecco, questo sarebbe il momento perfetto per farla finita se non dovessi vivere per tanti altri motivi che prescindono dal me come persona singola).

Una cosa che mi sembra piuttosto condivisa, invece, è il fatto che questo tipo di ansia colpisca soprattutto di notte. È vero? Secondo voi come mai?

Concludo dicendo che, invece, a volte il pensiero della fine mi torna utile. Ad esempio, quando sono estremamente in ansia per il lavoro o per una pratica, il ricordare che tutto questo avrà fine mi aiuta a prendere con più filosofia la situazione.
avatar
Ludwig von Drake

Messaggi : 1121
Data d'iscrizione : 03.01.14

http://martinedentree.wordpress.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da primaverino il Mar Ago 12 2014, 21:07

alberto ha scritto:leggo il post di diva - dopo aver sorriso e archiviato pregresse querelles - e ci sono cose che mi tornano e altre no.
leggo che la ricerca di senso della vita lo abbiamo tutti. io non credo sia così. per quanto mi riguarda trovo nel vivere tutto il senso che cerco, il fatto che finisca mi sembra uguale a qualsiasi altro processo, biologico, logico, fisico, ecc. abbiamo avuto una straordinaria fortuna, direi quasi superenalottesca, a trovarci alla testa di un aggregato senziente di molecole e tessuti. un qualcosa che ci rende in grado di comprendere, di percepire, di amare, di cambiare rotta (riprendendo anche il discorso del libero arbitrio). In questo straordinario turbine di emozioni e sensazioni ha spazio anche la paura, il chiedersi, il porsi quasi in contrapposizione con l'ineluttabilità degli eventi. ma se ci guardassimo da un po' più lontano, e io ho provato a farlo, non fisicamente ovvio ma cercando di astrarre il mio me e di portarlo verso una sensibilità di tipo più generale, direi quasi planetario o addirittura sistemosolaristico, a me sembra chiaro il mio ruolo, quel che sono, quello che sarò nel mio prossimo stato disaggregato che terminerà questa favolosa vacanza premio che ho avuto lo straculo di vincere.

Altro bel post... Nulla quaestio...
Ma siccome sono in un periodo che tende al realismo (invero pessimistico assai, anzichenò...) non vedo per nulla la vita in guisa di "vacanza premio" (non la mia perlomeno e non per quanto mi riguardi o pur potenzialmente mi sovvenga...).
Anzi ne approfitto per far notare l'ovvio, ovvero che tra tutte le bestie del creato (o "mondo" o "universo" o definizione equipollente a piacere) l'essere umano rappresenta allo stadio attuale della propria evoluzione, l'apice della tragicità consapevole...
Pur non essendo mai stato contadino o allevatore ho avuto modo diverse volte di assistere alla morte violenta di galline o conigli, peraltro amorevolmente (faccio per dire) allevati da quando nacquero...
Ricordo in particolare lo sguardo spaurito di un grosso coniglio, prelevato dalle conigliera e di lì a poco ucciso e scuoiato alla bisogna ed in seguito macellato e poi trattato di conseguenza.
La povera bestia visse ben nutrita e senza problemi per il tempo necessario al suo utilizzo finale, del tutto inconsapevole del concetto "di morte" (cioè del destino di ogni vivente) che invece ci accompagna sin da quando ne prendiamo atto per la prima volta, ovvero (penso valga per tutti) sin dalla tenera età o (per i più fortunati) dalla pre-adolescenza...
La specie Homo Sapiens vive per tutta la vita con la piena consapevolezza della propria certa fine e ciò ne fa (indubitabilmente) l'animale più intrinsecamente tragico e infelice che possa esistere...
Il progressivo allungamento dell'aspettativa di vita media (merito della Scienza) o l'ardire verso una sorta di transumanesimo (possibile in teoria ma attualmente limitato dalla tecnologia, che sta alla scienza come la bomba atomica all'energia nucleare) altro non rappresentano che l'ennesima illusione di poter migliorare la propria condizione senza limiti di tempo...
Lo stesso affannarsi nella vana ricerca del "senso della vita" e neppure la negazione del medesimo (manco servisse a qualcosa) può alleviare univocamente e in modo definitivo tale palese angoscia, pure al netto dei patetici tentativi di "auto-convincimento" nel merito che paiono appannaggio di credenti e non e pure al netto della montagna di filosofiche risposte elaborate alla evidente bisogna...
Poi ci sta pure che ognuno trovi la definizione che meglio lo accomodi per sé medesimo...
Non me ne faccio cruccio alcuno, ma caro Alberto di considerare la vita alla stregue di "un premio" francamente non mi passa nemmeno per l'anticamera del cervello.
Lieto comunque si apprendere che per te la cosa ti rassereni.
Buone cose!
E con rinnovata stima, ça va sans dire... E' sempre un piacere leggerti.
avatar
primaverino


Messaggi : 1626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da Mix il Mar Ago 12 2014, 21:15

Diva ha scritto:D'altra parte gli esseri viventi (tutti) sono nati e si sono evoluti per sfuggire alla morte con ogni mezzo e con tutte le proprie forze... ogni nostra azione, finanche la piu' banale, e' una rivolta contro l'idea che prima o dopo dovremo smettere di esistere.
Dissento.
Stai facendo del tuo approccio personale e culturale una generalizzazione indebita.
Ci sono molte culture che hanno saputo gestire molto meglio di noi questo argomento.
Fino a rendere famosa una frase rappresentativa di questa relazione tranquilla con le vicende di vita e morte umane: "Oggi è un buon giorno per morire" .

Morire NON è la cosa peggiore che può succedere ad un essere vivente.

Mix

Messaggi : 1974
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da primaverino il Mar Ago 12 2014, 21:31

Mix ha scritto:

Morire NON è la cosa peggiore che può succedere ad un essere vivente.

Su questo non ci piove.  ça_va 
avatar
primaverino


Messaggi : 1626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da Mix il Mar Ago 12 2014, 21:37

@primaverino: accolgo con naturalezza il tuo modo di approcciare, m'è capitato di averne uno simile in un lontano passato.
Il tuo modo di accostare all'argomento, pur essendo opposto a quello di alberto, (che per inciso sento più condivisibile), scaturisce, secondo me, da uno stesso meccanismo: razionalizzare un argomento che in effetti tocca nel profondo corde fortemente emotive e quindi irrazionali.
Forse questo si celava dietro lo scetticismo di alberto di poter dare un consiglio di qualche valore su un tale argomento.
La sola cosa che si può fare, in queste situazioni, immagino, è comunicare il modo personale di affrontare la questione. In effetti trovo nelle parole di Diva la questione più importante: è sentire accanto a noi una persona amata l'unica possibilità concreta di alleviare l'ansia, SE ciò NON scaturisce da una mutazione autonoma del nostro modo di porci la questione.
Per quel che ho sperimentato, e che posso mettere a disposizione in tal veste di esperienza, ci sono modi controproducenti, ansiogeni, destabilizzanti di porci di fronte a questi temi ed altri più produttivi, fatalistici e perciò rassegnati ed autopacificanti di farlo.
Optare per gli uni o per gli altri NON è una scelta puramente razionale, 'ché già sarebbe la soluzione al problema, ma un influsso nei casi di indecisione può fare il suo buon effetto (spero).
La cosa certa è che nessuno dei due modi di porci di fronte alla questione ne cambia di una virgola gli aspetti oggettivi, esterni a NOI.
Possiamo solo cambiare un po' la relazione personale che abbiamo con questo tema, rendendola più o meno pesante da sperimentare.

Mix

Messaggi : 1974
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da Mix il Mar Ago 12 2014, 21:38

primaverino ha scritto:
Mix ha scritto:

Morire NON è la cosa peggiore che può succedere ad un essere vivente.

Su questo non ci piove.  ça_va 
Che in questa estate piovosa è già un bel risultato.  risata   risata   risata 

Quando ci si trova?
Jael è qui?

Mix

Messaggi : 1974
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da primaverino il Mar Ago 12 2014, 21:59

Mix ha scritto:
primaverino ha scritto:
Mix ha scritto:

Morire NON è la cosa peggiore che può succedere ad un essere vivente.

Su questo non ci piove.  ça_va 
Che in questa estate piovosa è già un bel risultato.    risata   risata   risata 


Quando ci si trova?
Jael è qui?

Macché... E' in USA e torna il 20 agosto...
Noi chiudiamo dal 18 agosto all'otto settembre...
Ulteriori dettagli in MP...
Comunque per vederci no problem...
Ulteriori dettagli in MP...  mgreen 
avatar
primaverino


Messaggi : 1626
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da alberto il Mer Ago 13 2014, 00:13

il dissentire va parallelo al piacere di ascoltare altre campane che non demonizzano e non impongono.
trovarsi e dire "due vodka"!
anzi, meglio se tre.
credo di aver spiegato il mio punto. la mostruosa sofferenza che accompagna spesso - molto più del contrario - la coscienza dell'esistere è a parer mio un livello diverso, che potendo scegliere, se posto di fronte al "guarda che ci sta che tu patisca molto", mi porterebbe a una scelta, ma che oggettivamente, crudelmente, glacialmente, rispetto all'essere una manciata di sabbia in volo su una cometa in procinto di esplodere su un corpo celeste in rotta di collisione - evento molto più probabile - mi fa sentire privilegiato, sono felice di essere esistito in questa forma, compresi i "piccoli" (a volte non lo sono affatto) infortuni dell'esistere.
scusate ho banalizzato ma ho momentaneamente e personalmente un gran bisogno di levità e di "coop" (non fraintendete!)
un bianco grazie!  brilli 
avatar
alberto


Messaggi : 845
Data d'iscrizione : 31.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da Mix il Mer Ago 13 2014, 13:22

Come dire che, tra tutte le possibili configurazioni che può assumere l'energia, questa nostra configurazione è una delle più interessanti, creative, esteticamente apprezzabile SE si osservano i suoi risultati migliori, emozionante?

Anche il rosso, in questo clima fresco piuttosto che NO, di quello che tengo da parte IO, *da meditazione* , NON è opzione da tralasciare . . .
 brilli 

Mix

Messaggi : 1974
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da alberto il Mer Ago 13 2014, 22:05

al contrario! altro che tralasciare... rappresenta quella duplicità, quella varietà di scenari, di scelte, di possibilità che fa sfavillare la vita e il percorrerla.  mgreen hic!!

sì, volevo proprio dire che siamo una fortunatissima ed esclusiva configurazione energetica senziente. ok: temporanea. e meno male! yessir 
avatar
alberto


Messaggi : 845
Data d'iscrizione : 31.12.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da delfi68 il Dom Dic 21 2014, 06:42


_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da delfi68 il Ven Dic 26 2014, 11:48

..ci si poteva sedere anche di fianco all'autista, era il mio posto preferito, star li a guardare girare un volante enorme, quasi un metro di diametro..




_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da delfi68 il Ven Dic 26 2014, 12:21

Quando era Milano, nei cortili dei
palazzoni, giu' al Viale Ca Granda.
I palazzoni appena tirati su, addormentati su un vialone di periferia,
possono essere agli occhi di un bambino, come il piu' bel campeggio mai
visto...
"Negli anni 70, a milano, esisteva il coordinamento degli
inquilini. Una specie di organizzazione che raggruppava tutte le
famiglie sotto sfratto, gente che viveva in condizioni precarie, neo
immigrati con famiglia al seguito, lavoratori e balordi, tossici e
vecchiette..."

L'unico scopo sociale era organizzarsi e per tempo,
assaltare i cantieri dello IACP (istituto autonomo case popolari), poco
prima che gli alloggi venissero distribuiti, lottizzati, "venduti" agli
amici dei funzionari e cose cosi'...assaltare.. ..nel senso letterale.
Alle tre del mattino, qualcosa come 1500/2000 persone ..o anche di piu',
sfondavano le recinzioni del cantiere, e come una colonia di formiche
impazzita risaliva le scale delle decine di portoni..e tutti, divisi per
famiglie ci si autoproclamava "affittuario abusivo" di un allogggio!
..dopodiche' si organizzava la resistenza...e iniziava la magia...





Era come un immenso campeggio, fatto in citta', nella primavera del '75..o giu' di li'...il palazzone era lungo..lungo come un transatlatico sbilenco,
ancora nel porto..prima del varo. Secchi di vernici e sacchi di gesso
sparsi qua' e la' lasciavano immaginare gli operai del giorno prima, che
sospendevano i lavori a fine giornata...qua' e la' cerano i piccoli
accampamenti dei muratori del giorno prima...che non prevedendo il
disastro, lasciavano li le loro scarpe da lavoro, delle bagattelle,
camice, cose e affari loro...

Ma di notte l'assalto si appropriava di
tutto e annulava tutto..i lavori erano sospesi a tempo
indeterminato!..forse per sempre!!
Noi bambini, correvamo di qua e
di la..salendo e ridiscendendo le lunghissime scale giu' dal decimo
piano..fin verso la zona di guerra dei primissimi piani..

Il limite era il pianerottolo del secondo piano. Giu' "..ce' stanno e' mazzate..."..e'
pericoloso, ci sono le "bombe di fumo"..
Allora l'enorme tromba delle scale appena imbiancate e che odoravano di cemento e colle, diventavano il piccolo mondo di una manciata di ragazzini eccitati...e alla sera, si accendevano i fuochi su all'ultimo piano..che senno' il fumo ci avrebbe sfrattato senza bisogno della polizia...he he...nei vari
appartamenti ogni donna cucinava qualcosa sui Camping gaz da
campeggio...chi aveva l'acqua gia' allacciata lavava l'insalata e
riempiva le taniche.
Che poi il nemico avrebbe tagliato l'acqua..si sa!



Si mangiava pastasciutta stracotta e condita con le salse in bottiglia
fatte giu al paese...i boccioni di vino de lu paese..gente seria, gente che grida, gente che
pensa e gente che si incazza e tiene comizi giu' al portone...tra una
scala e l'altra..

Mi ricordo distintamente l'emozione di poter
accompagnare mia madre e altre donne,
giu' sotto ai portici, al pian terreno..in piena zona di guerra!..li gli
uomini, con fare brusco e manesco organizzavano la resitenza, qualche
strillo, il "funzionario" che prova a trattare..e un caleidoscopio di
dialetti che minacciano, ognuno a modo loro, resistenza senza cedimenti e
ripensamenti!...giu' avevamo portato i thermos e l'acqua per la
notte..poi su, di filata!!
..Al calar del buio, ci rassereneva.
La polizia di notte non carica...e anche di giorno sembrava abbastanza
fiacca. Qualche celerino appoggiato al casco sul cofano del furgone..
..Si stendevano i pochi materassi e tanti, tantissimi sacchi a pelo!! ...era
il mio grande campeggio...prima di dormire si sgattaiolava su al quinto
piano, poi tra le grida delle madri fin su all'ottavo a sentire l'odore
del fumo e a veder la gente che si prepara per la battaglia del
mattino...tutto il lanciabile e sacrificabile, si organizzava su al
solaio...ultima linea, estrema difesa di tutto quello sbilenco
esercito...
..Alla fine le madri ci riunivano, tutti i piccoli in
un solo appartamento..e che diamine, mica si puo' rincorrere i
ragazzini tutta la notte su per le scale, tra gli appartamenti, nascosti
su qualche pianerottolo esterno...e ci addormentavamo cosi, con i
pantaloni sempre addosso, nel sacco a pelo che profumava ancora di mare e
sabbia..l'odore delle vacanze dell'anno scorso..
..Al mattino una buona notizia...quest'estate al mare ci si va, non si saltano le vacanze!! ..l'occupazione sta volta e'
andata bene, lo IACP, stanco di battagliare ci assegno' la casa..cosi
come a tutti gli altri...Huppy!!..ero gia' rassegnato a saltare le
vacanze a causa di quell'occupazione, e invece al campeggio..quello
vero, st'estate ci si va!!!
..come ero felice con poco...


un'inquadratura recente, stessa angolatura?


_________________

la consapevolezza della normalità della follia è una cosa che mi fa impazzire!
avatar
delfi68


Messaggi : 3240
Data d'iscrizione : 03.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: panorama sulla vita

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum